CronacaStato news

Nasce il Patto Val D’OFanto, accordo tra 51 Comuni


Di:

Cerignola – SIGLATO stamane presso la Prefettura di Avellino il Patto Val d’Ofanto per lo sviluppo interregionale sostenibile e l’accesso alla programmazione europea 2014-2020. Un Protocollo d’Intesa tra i Comuni di Puglia, Basilicata e Campania toccati dal fiume, insieme agli amministratori delle quattro province interessate (Barletta-Andria.Trani; Foggia, Potenza, Avellino), ai Gruppi di Azione Locale, le Università e le Camere di Commercio: un’azione congiunta finalizzata alla elaborazione di una strategia unitaria di sviluppo sostenibile dell’intera Valle dell’ Ofanto.

Il documento verrà inviato ai Presidenti delle Regioni Campania, Basilicata e Puglia e al Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con delega alla Coesione Territoriale: la richiesta al Governo è di inserire il Patto nei programmi operativi 2014-2020, attualmente in fase di elaborazione, da presentare poi alla Commissione Europea. Con il Manifesto del Patto Val d’Ofanto, che verrà successivamente sottoscritto da altri soggetti pubblici e privati impegnati per lo sviluppo del territorio ofantino, si punta a rafforzare il partenariato territoriale, la sua capacità di collaborazione su scala interregionale, così da superare i confini amministrativi, che sin qui hanno ostacolato una proficua collaborazione fra i territori ofantini delle tre regioni e fra le stesse istituzioni regionali.

“Si tratta di un progetto decisamente ambizioso – spiega Antonio Giannatempo, Sindaco di Cerignola -. Gli amministratori locali del vasto territorio ofantino vogliono valorizzare quest’area, una realtà territoriale estremamente complessa e diversificata, che può però contare su risorse tali da contribuire al riscatto dell’intero Sud. L’obiettivo è elaborare un piano di sviluppo territoriale coordinato da soggetti pubblici e privati su scala interregionale, sfruttando adeguatamente i finanziamenti nazionali ed europei della programmazione 2014-2020. A Cerignola teniamo molto ad un’ operazione di questo tipo: il fiume ha per noi una grande importanza sotto tutti i punti di vista. L’ Ofanto, peraltro teatro di eventi epocali come le lotte bracciantili, merita di essere più fortemente tutelato per poi essere utilizzato come strumento di sviluppo economico”.

Il Patto sottoscritto oggi ad Avellino segue il precedente Manifesto di Melfi del luglio 2009, che ha già prodotto in questi pochi anni tangibili risultati per lo sviluppo dei vari contesti territoriali bagnati dal fiume Ofanto. Nella zona del Basso Ofanto, per esempio, sono stati realizzati importanti progetti in campo ambientale (porte dell’Ofanto e riqualificazione della foce) e di riqualificazione urbana che ha visto protagonisti i Comuni ofantini, la Regione Puglia, l’Autorità di Bacino. Questi interventi hanno consentito di avviare la valorizzazione e la promozione turistica del Parco fluviale dell’Ofanto.

Il Manifesto pone, in particolare, l’accento sul “Contratto di Fiume”, uno strumento giuridico previsto dalla legislazione italiana, che consentirebbe a tutti i 51 Comuni della Val d’Ofanto, ai suoi 420 mila abitanti, alle 4 Province e alle tre Regioni interessate di affrontare la tutela ambientale del fiume unitariamente.

In questa prospettiva, il Patto Val d’Ofanto intende superare i limiti della attuale programmazione regionale, promuovere un modello di sviluppo più legato alle caratteristiche endogene del territorio. Tra gli interventi considerati prioritari, la valorizzazione delle aree protette; l’attivazione di progetti tesi a difendere e promuovere
i sistemi agricoli ed agroalimentari; il potenziamento delle infrastrutture logistiche e la loro integrazione nel quadro di riferimento Tirreno-Adriatico e Sud-Nord, la riqualificazione delle principali imprese industriali localizzate nelle diverse aree produttive.

Redazione Stato

Nasce il Patto Val D’OFanto, accordo tra 51 Comuni ultima modifica: 2014-05-07T20:55:59+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This