Manfredonia

Ospedale, Riccardi: “conferenza Gentile? Nessun invito ma ci saremo”


Di:

Un momento dell'incontro di stamane nell'ufficio del direttore sanitario dell'ospedale San Camillo di Manfredonia (statoquotidiano@)

Manfredonia – SE si mostrasse tanto zelo e tempestività in faccende vitali, quali sono quelle riportate ancora una volta all’attenzione di tutti dalla Giunta Comunale nel blitz effettuato all’ospedale San Camillo de Lellis, si sarebbero risolti tutti i problemi che il nostro nosocomio si trascina dietro e si sarebbe giunti a soluzioni efficaci e durature. Se, invece, si vuole fare propaganda ai danni dei cittadini manfredoniani e di tutti coloro che ricorrono alle cure mediche presso l’ospedale sipontino (chissà ancora per quanto) è arrivato un primo risultato tangibile. L’Assessore Regionale alle Politiche della Salute, Elena Gentile, e il Direttore Generale del’ASL Foggia, Attilio Manfrini, non hanno perso tempo per convocare una conferenza stampa per domani, sabato 8 giugno 2013, perché non condividono la garbata protesta andata in atto questa mattina.

L’Amministrazione cittadina chiede di potersi sedere con costoro e conferire, la risposta difetta di buone maniere. Si convoca una conferenza stampa su un tema di cui l’Amministrazione Comunale si occupa costantemente sin dal suo insediamento e il Sindaco, gli Assessori o i Consiglieri lo leggono dal web e non ricevono alcun invito. Ci addentreremmo in tematiche forse complicate, per qualcuno astruse, se spiegassimo la rappresentatività delle cariche istituzionali nella democrazia, ma il dispetto (chiamiamo le cose con il proprio nome) offre ulteriore slancio, seppur non ne necessitasse, all’azione di Angelo Riccardi.

Dicono che domani mattina alle ore 11 saranno presso il nuovo consultorio di Manfredonia per rispondere alla nostra protesta? Non è stato inviato alcun invito? Non mi formalizzo. Io sarò presente e nessuno potrà impedirmelo”, dice il Sindaco Riccardi. Aggiunge brevemente anche un preciso invito agli operatori sanitari ed a tutti coloro che possono sentirsi interessati e toccati: “Mostriamo in maniera tangibile che quella che stiamo vivendo è una situazione assurda, squilibrata a favore di altri nosocomi: partecipiamo numerosi”. Gli amministratori rappresentano la cittadinanza, ma se i cittadini non mostrano il proprio interesse sembra che questa sia una crociata fine a se stessa dell’Amministrazione e non una battaglia per rivendicare i diritti di tutti. Partecipiamo numerosi e pacificamente, come abbiamo sin qui fatto.


video



(A cura di Matteo Fidanza Ufficio Stampa e Comunicazione – Comune di Manfredonia, FG)

Ospedale, Riccardi: “conferenza Gentile? Nessun invito ma ci saremo” ultima modifica: 2013-06-07T14:01:05+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
13

Commenti


  • libertàdespressione

    tutto ciò per ridurre i tagli sull’ospedale ecclesiastico di San Giovanni Rotondo, altro che turchia poco laica siamo noi la Puglia Saudita


  • Uno di Voi

    Questa protesta istituzionale non sarebbe stata meglio farla al tempo opportuno per i cittadini? Cioè il giorno dopo che si era deciso a tavolino di declassificare l’Ospedale San Camillo De Lellis con dati F A S U L L I.

    Una popolazione DI 57.000 ABITANTI MERITA QUESTO????

    E se l’ospedale rischia di chiudere, perchè in questi anni si sono fatti lavori di ampliamento, con reparti vuoti????

    In tutto ciò, la politica che ruolo ha????


  • Patrizia

    E’ chiaro ormai a tutti che il problema ospedale a Manfredonia interessa purtroppo solo al sindaco. L’onorele Borido è ormai un fantasma non ha speso neppure una parola in merito, il consigliere regionale Ognissanti ha dichiarato che una legge Nazionale lo esigeva e quindi andava chiusa la ginecologia…A questo punto era meglio se stava zitto. Pensate che mio nonno con la quinta elementare ha detto che vi è una legge che permette una eccezione ai presidi che raccolgono una utenza disagiata come appunto Manfredonia che raccoglie l’utenza di tutto il gargano. Ma questo significava lavorare per la propria città e per I priori cittadini. Cittadini che lo hanno votato e gli permettono di guadagnare — per cinque anni. Inoltre Manfrini è di Cerignola, Elena Gentile è di Cerignola ed entrambi ci tengono ai loro concittadini e quindi ditemi per quale motivo dovrebbero pensare a Manfredonia considerando che Bordo —e altamente, Ognissati e compagni li sostengono quindi non ci resta che imparare a votare.

    Vorrei inoltre dare un consiglio al sindaco. Cambia partito finché sei in tempo. Ti stanno bruciando come un fiammifero. Non prestarti a questo gioco e richiamali al loro dovere “pubblicamente” —- sputt–se pensi sia il caso. Fai capire a tutti chi è il vero —-a Manfredonia.


  • Uno di Voi

    I POLITICI DISSERO:” il reparto di ostetricia-ginecologia verrà chiuso per mancanza di numeri. Che colpa abbiamo noi se a Manfredonia le nascite sono NOTEVOLMENTE DIMINUITE.”

    I numeri (vedi http://www.comuni-italiani.it/071/029/statistiche/demobil.html, “Bilancio Demografico anno per anno. Dati provenienti da indagini effettuate presso gli Uffici di Anagrafe. Elaborazione su dati Istat”) dicono che a Manfredonia la voglia di avere figli non è passata di moda, infatti si è passati da un numero di nati di 601 nel 2002 a 593 del 2010. (Cioè il numero dei nati in 9 anni è pressappoco lo stesso)

    Risultato: – 8 nati. Reparto ginecologia chiuso!!!

    San Severo da 642 (2002) a 493 (2010).
    Risultato: – 149 nati. Reparto ginecologia aperto, vivo e vegeto!!!

    Cerignola da 571 (2002) a 627 (2010).
    Risultato: + 56 nati. Reparto ginecologia aperto, e ci mancherebbe!!!

    San Giovanni Rotondo da 287 (2002) a 279 (2010).
    Risultato: – 8 nati. Reparto ginecologia aperto, sacrosanto!!!

    Foggia: da 1620 (2002) a 1457 (2010).
    Risultato: – 163 nati. Reparto ginecologia aperto, come è ovvio!!!

    Dall’ottavo Rapporto Cedap: “Analisi dell’evento nascita”, preso come base per il riordino Manfredonia passa da 514 parti nel 2010 a 329 parti nel 2011.

    Questo forte decremento è dovuto al fatto che negli ultimi 4 mesi del 2011 il reparto ginecologia è stato chiuso per carenza di personale medico (che coincidenza!) e su questo dato malignamente pilotato (329 parti) è stato deciso a livello politico di chiudere il reparto ginecologia di Manfredonia.

    La soglia era 500 parti annui che Manfredonia ha sempre raggiunto fino al 2010.

    LA POLITICA HA FATTO IL MIRACOLO!!!!!!!!!!!!


  • giiuanumunicip

    Chi ha carro e buoi, fa bene i fatti suoi.
    ________________________________________
    Chi semina sulla strada, stanca i buoi e perde la semenza.
    ________________________________________
    Chiudere la stalla quando i buoi sono scappati.
    ________________________________________
    Per bisogno di buoi s’ara con gli asini.
    ________________________________________
    Penso che questi proverbi, chi prima e chi dopo, si addicono alla situazione de qua….


  • Michele

    Il problema è serio. Se si trattasse di un incidente aereo direbbero dopo accertamenti : causato da errore umano. Il problema secondo il mio umile pensiero è nelle persone collocate ai posti di comando. Per intenderci nei piloti. È risaputo che da circa un anno, da quando il direttore Mazzone è andato in direzione, i politici li fanno contare praticamente niente e l’interesse per il bene dell’ospedale praticamente scarso. Volete qualche esempio verificabile? Ve lo faccio subito. Provate a fare una passeggiata in ospedale e vedrete già in portineria due persone in turno per premere un pulsante per aprire la sbarra. Se l’ospedale fosse privato, e magari vostro mettereste due persone in turno? Io non credo. E voi lascereste le luci accese nel giardino di casa vostra in pieno giorno senza spegnerle mai? Non credo. Però in ospedale ci sono le luci accese notte e giorno da circa un anno senza che mai nessuno si sia interessato a farle spegnere. Potete andare quando volete e verificare. Eppure è impossibile che i due direttori sanitari non le vedano visto che ci sono all’ingresso dell’ospedale,dove tutti devono entrare per timbrare ingresso e uscita. Di fianco alla farmacia ospedaliera, ben visibili anche dalle finestre poste di fronte gli uffici dei direttori sanitari. All’ingresso del vecchio pronto soccorso, dove i responsabili devono passare per forza per parcheggiare. Sulla porta del magazzino dove tutte le macchine devono passare per uscire e quindi vedere per forza ecc ecc io questo l’ho saputo leggendo su un commento su stato quotidiano dove un lettore chiedeva a Manfrini se fosse normale questo spreco, invitando tutti a controllare se fosse vero. Sono passati alcuni giorni e niente è cambiato. E quindi? Voi pensate che con questi direttori sanitari e con questo direttore generale siamo in buone mani? vorrei approfittare per ringraziare lo staff di stato quotidiano per l’efficiente e indispensabile servizio gratuito che tutti I giorni ci offre. Grazie davvero


  • Redazione

    Grazie a lei, buon lavoro a tutti, speriamo bene per il futuro dell’ospedale; Redazione Stato – https://www.statoquotidiano.it


  • Re Manfredi

    Come fondatore di questa città, non posso che constatare che il ritratto dei personaggi che appaiono nel riquadro in alto, adduce molto all’Armata Brancaleone.


  • viadelleantichemura

    Non sono consapevole di quello che faccio
    sveglia pomeriggio dopo con il timbro sul braccio
    con ancora addosso le scarpe che non mi slaccio ma

    so che ti piaccio
    so che ti piaccio
    so che ti piaccio


  • Cane sciolto

    Questa città è morta..


  • Ninuccio

    Sembra un argomento che interessa poche persone. Mi aspettavo una sommossa popolare per manifestare il dissenso. Dico di più, mi aspettavo una protesta come a Terni —- —- Però almeno facce arrabbiate che mano nella mano formassero un unico cordone a cerchio intorno all’ospedale mi sembrava doveroso per gridare a tutti (regione e governo centrale) che la salute è una cosa seria.


  • romeo

    Ora si ricorda,il caro Angelo e —-,che il nostro Ospedale ha i giorni contati?E fino ad ora cosa ha fatto,ha giocato a fare l’Amministratore condominiale o di una Città di 60.000 abitanti?Questo è quel che si merita Manfredonia?Non credo assolutamente!Ancora una volta,dall’amministrazione Prencipe,dopo averci fatto scippare la ASL(in Regione,caro Gatta,c’era il tuo amico Fitto!),sono iniziati i guai del nostro ospedale!In regione chi c’era all’epoca a schiacciare i tasti per la nostra città?Indovinate!Chi ha continuato a fregarsene,pensando alla manfredoniana maniera:Tanto non se ne farà nulla?Indovinate!Chi,da ’69 in poi,amministra la nostra Città?Indovinate!Chi si s—– e sulla nostra salute?Indovinate!Dove stanno i nostri cari concittadini?Indovinate!Praticamente siamo arrivati alla frutta o ai torsoli,per cui o ci ribelliamo o sarà la fine di tutto!


  • giusy

    Devono far vedere che fanno qualcosa,di modo che alle prossime elezioni…avranno altre balle da raccontare e tutto per favorire Santa —-!Ci chiederanno e soprattutto ci prometteranno cose che il giorno dopo le elezioni non potranno fare,salvo poi…..mettercelo,per l’ennesima volta in quel posto là,ossia in c…..!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This