Edizione n° 5342

BALLON D'ESSAI

CHEF // «Innamoratevi di questo mestiere», dalla Puglia l’appello ai giovani chef di tutt’Italia
20 Maggio 2024 - ore  15:19

CALEMBOUR

ESTATE // Trenitalia, al via il Frecciarossa notturno Milano-Lecce
20 Maggio 2024 - ore  15:26

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

NFT: come spiegare la crypto-arte e i Non Fungible Token

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
7 Luglio 2023
Attualità //

Negli ultimi tempi, è sempre più diffuso il concetto di crypto-arte, una forma d’arte innovativa legata alla tecnologia blockchain e alle criptovalute.

La crypto-arte, essendo una forma d’arte digitale, si differenzia dalle opere fisiche ed è certificata e venduta tramite l’utilizzo della blockchain.

Cos’è la blockchain

La blockchain è un registro digitale, ha rivoluzionato diversi settori e ha principalmente facilitato il tracciamento delle informazioni. Le criptovalute, a partire dal primo esempio rappresentato dai Bitcoin nel 2008, sono state seguite da oltre 1.400 nuove valute digitali. In questo contesto, si colloca la crypto-arte, che consente alle persone di acquistare opere d’arte digitali e di effettuare pagamenti utilizzando criptovalute. La crypto-arte rappresenta un nuovo modo di interpretare il mercato dell’arte tradizionale, pur mantenendo alcuni aspetti caratteristici.

NFT: certificati digitali che attestano l’autenticità e l’origine dell’opera d’arte

La crypto-arte presenta alcune caratteristiche peculiari. Ogni opera d’arte è unica e viene registrata sulla blockchain utilizzando i Non-Fungible Token (NFT), certificati digitali che attestano l’autenticità e l’origine dell’opera, permettendo la libera negoziabilità senza intermediari. L’assenza di intermediari consente agli individui di scambiare opere d’arte digitali istantaneamente, in modo veloce, sicuro e senza limiti. Questa velocità negli scambi rappresenta una differenza significativa rispetto al mondo dell’arte tradizionale. È importante per gli artisti utilizzare smart contract basati sulla blockchain per garantire che ricevano una commissione per ogni transazione successiva allo scambio iniziale. In questo modo, la blockchain sostiene il concetto di creazione economica.

Crypto-arte e proprietà

La crypto-arte comporta un importante cambiamento da considerare: la transizione dal concetto tradizionale di “proprietà” a quello di “proprietà digitale”. Possedere un oggetto fisico e possedere un oggetto digitale influenzano le persone in modo diverso, e tale differenza può essere accentuata dalle abitudini dei consumatori. In questo caso, gli appassionati d’arte – ma non solo – sono disposti a pagare cifre significative per acquisire un’immagine digitale che non possono appendere alle pareti del loro studio o della loro casa, e che non possono toccare con le mani. Tuttavia, possono visualizzarla sullo smartphone, sul computer o utilizzare una cornice digitale NFT, come nel caso dell’arte digitale di Beeple, l’artista americano quotato a livelli record (la cui opera è stata venduta da Christie’s per 70 milioni di dollari, rendendolo il terzo artista vivente più quotato). Tra gli nft più costosi e famosi ci sono anche le Bored Ape, alcuni esemplari di questa collezione sono stati venduti a più di 100.000 dollari.

Confronto tra arte tradizionale e NFT

Un aspetto che emerge nel confronto tra l’arte tradizionale e l’arte digitale è il valore delle opere. Determinare una valutazione accurata per le opere digitali non è facile, poiché il valore delle criptovalute è notoriamente soggetto a una forte volatilità. L’artista gioca ancora un ruolo importante nel mondo digitale, e la sua fama e il numero dei suoi follower possono contribuire ad ottenere il riconoscimento da parte di gallerie d’arte digitali di prestigio. Esiste anche la possibilità di caricare le proprie opere su gallerie d’arte digitali “open” accessibili a tutti, senza distinzione tra artisti affermati o emergenti, quotati o meno. OpenSea è il principale marketplace certificato NFT, che offre la possibilità di esplorare, collezionare e vendere oggetti digitali, inclusa l’arte.

Diffidenza e incomprensione: un mercato riservato alle giovani generazioni?

Dal punto di vista teorico, c’è spesso una certa incomprensione e diffidenza verso gli oggetti digitali. Soprattutto i più giovani sono abituati all’acquisto e all’utilizzo di oggetti digitali, mentre persone più anziane possono avere difficoltà nel comprendere il loro utilizzo, la loro utilità e talvolta il loro valore. Sebbene per alcuni questo aspetto possa influenzare le scelte d’acquisto nell’ambito dell’arte, per altri, specialmente le giovani generazioni, non ci sono ostacoli e il possesso di un’opera d’arte digitale può risultare naturale.

Gli artisti che in passato si sono dedicati all’arte tradizionale e ora si sono spostati nel mondo digitale riconoscono che l’età media dei consumatori di arte digitale è inferiore rispetto a quella del mercato tradizionale. Ciò non significa che il settore della crypto-arte sia riservato esclusivamente ai giovani, ma probabilmente richiederà più tempo per raggiungere un pubblico più ampio e diversificato, seguendo un percorso inverso rispetto al mercato dell’arte tradizionale. È proprio questa prospettiva che può aiutare il settore culturale e l’arte a evolversi ulteriormente, considerando strade che in passato sembravano remote.

Lascia un commento

Non ci resta tanto tempo. Il sogno non diventa realtà da solo: bisogna corrergli dietro. (Carlito’s Way)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.