Foggia
Nota stampa

AttiVisti foggiani: quanto dovremo ancora sopportare?

"Cari consiglieri, dove eravate in questi 3 anni in cui il vostro Sindaco ha di fatto paralizzato la città, non ha rispettato nemmeno uno dei punti del programma elettorale che anche voi avete sottoscritto nel lontano 2014?"


Di:

Foggia. ”La misura è colma.

Il senso che le istituzioni ancora una volta siano state violate e dileggiate da questi siparietti ci fa inorridire.

Dopo il nuovo paventato rimpasto per accogliere e soddisfare le richieste di un gruppo politico, Civica per la CapitAmata, nato dalle ceneri della lista civica del Sindaco, e sedare malcontenti e mal di pancia, il Sindaco ha fatto marcia indietro e sono stati sbandierati ai 4 venti le logiche politiche di questi ultimi giorni.

Consiglieri affannati a rincorrere il sindaco per Peschici, fin sotto l’ombrellone per indurlo a firmare e il Sindaco, che sottoposto chissà a quali pressioni e diktat dei suoi alleati si trincera dietro un pilatesco e quanto mai tardivo “niet” a metà perché obbligato a sentire prima i suoi “amici di viaggio” della consiliatura.

È il punto più basso, se ancora ve ne fosse bisogno, di questa maggioranza, di questa “armata Brancaleone” che ogni giorno rincorre i numeri per poter arrivare a fine giornata con la speranza di vedere il più tardi possibile il viale triste del tramonto a causa delle dimissioni per mancanza di una maggioranza.

È un quadro drammatico dove escono fuori a tinte fosche i giochi di coloro, i Civici, che nel giorno della loro presentazione asserirono che cercavano una svolta nel programma e che non avevano alcun interesse alle poltrone e ad entrare in Giunta.

Il siparietto di queste ore invece ci restituisce l’immagine di un gruppo di consiglieri arroccato sulla nomina di un assessore che una volta saltato, danno inizio alla solita stucchevole farsa delle dimissioni per l’onore e per la gloria.

Cari consiglieri, dove eravate in questi 3 anni in cui il vostro Sindaco ha di fatto paralizzato la città, non ha rispettato nemmeno uno dei punti del programma elettorale che anche voi avete sottoscritto nel lontano 2014?

Aspettiamo ancora il contratto definitivo con Amiu dopo 14 proroghe (la quindicesima è dietro l’angolo), aspettiamo ancora una giusta valorizzazione del Nodo intermodale, aspettiamo ancora una programmazione dei lavori per il consolidamento e l’ammodernamento delle scuole, che ospitano i nostri ragazzi, il nostro futuro, tutti i giorni.
Avevate promesso l’istituzione della Stazione Unica Appaltante (S.U.A.), che avrebbe dovuto vigilare sul sistema corruttivo legato agli appalti, spesso affidati in base a logiche clientelari del tutto fuori controllo.

Cosa volete fare per la seconda stazione e per la nuova stazione di Rfi? Siete informati che persiste un rischio idrogeologico nella zona di San Lorenzo in Carmignano?

Per il Gino Lisa volete ancora prendere in giro i cittadini come fatto in questi anni?

Aspettiamo ancora un piano di rilancio della municipalizzata Ataf ridotta al collasso da politiche della viabilità senza senso e da condotte dissennate negli anni in ambito di personale e acquisto mezzi.Non dimentichiamo poi che il presidente del Consiglio in persona si era fatto promotore della istituzione della Consulta per la legalità a Foggia, una città sempre più nella morsa della malavita organizzata.

Basta!
I cittadini sono stufi di attendere i tempi della vostra malapolitica, lenta, farraginosa, inconcludente, avvinghiata tra giochi di potere e contentini all’occorrenza.
Non abbiamo altro tempo da perdere con i vostri teatrini, le vostre urla in consiglio, le vostre conte, i vostri consigli rinviati, saltati e ripresi dopo chiarimenti.

La città non può essere schiava della vostra inerzia, del vostro immobilismo e della vostra mancanza di programmazione.

Per una volta rispettate i vostri cittadini e fatelo per il vostro onore: DIMETTETEVI!

Mettete fine a questa agonia.

AttiVisti foggiani: quanto dovremo ancora sopportare? ultima modifica: 2017-08-07T08:48:38+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This