Regione-Territorio

Centrale Enel Cerano. Vendola: favorire abbattimento emissioni inquinanti


Di:

Farm4.static.flirkLecce – QUESTA mattina il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola ha incontrato il Presidente della Provincia di Brindisi Massimo Ferrarese e il Sindaco di Brindisi Domenico Mennitti. Oggetto dell’incontro la questione centrale Enel di Cerano. Al termine i tre rappresentanti istituzionali hanno rilasciato la seguente dichiarazione congiunta: “La centrale elettrica di Cerano continua ad essere al centro di un negoziato assai impegnativo e difficile tra l’Enel e le Istituzioni locali. Si tratta di dare segni tangibili e netti in termini di ambientalizzazione degli apparati produttivi e di conseguente abbattimento delle emissioni inquinanti e climalteranti. Nonostante il lavoro permanente dei tavoli tecnici ancora non si intravede, a distanza di diversi anni dall’inizio di questo percorso, una disponibilità reale di Enel a compiere i passi necessari a restituire alla comunità brindisina una riparazione per i danni ambientali subiti e una traccia concreta di cambiamento per il presente e per il futuro. Se Enel, che spesso in passato ha violato i patti sottoscritti, oggi appare addirittura avara nell’assumere impegni credibili e si trincera dietro percentuali (attorno al 5 %) fin troppo modeste, vuol dire che non si ha una percezione esatta di quanto robusta sia oggi la domanda sociale di discontinuità. Per questo, con senso di responsabilità, chiediamo a Enel di tornare a discutere con serietà di abbattimento delle quote di carbone utilizzato, di conseguente abbattimento del CO2, ma anche di significativa riduzione di tutte le emissioni inquinanti, nonché delle compensazioni attese per le molteplici eredità ambientali e sanitarie che la città di Brindisi si trova a fronteggiare”.
(nella foto in alto la Centrale di Cerano, immagine da farm4.flirk.com)
Centrale Enel Cerano. Vendola: favorire abbattimento emissioni inquinanti ultima modifica: 2009-12-07T16:18:59+00:00 da Girolamo Romussi



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This