GarganoManfredonia
L'avviso pubblicato sul sito della locale Capitaneria di Porto

Golfo Manfredonia, Trevi: richiesta concessione demaniale per impianto eolico offshore

Focus: dai dibattiti e gli interventi in Consiglio nel 2014 alla sospensione procedimento VIA per la Gargano Sud


Di:

Manfredonia, 8 gennaio 2017. CON recente atto, la Capitaneria di Porto di Manfredonia rende noto che ”la Trevi Energy SpA, con istanza protocollata il 21.11.2017, ha chiesto la concessione demaniale marittima per la realizzazione di un impianto eolico off shore in cui si prevede l’installazione di 50 turbine con potenza nominale di 3,3 MW per complessivi 165 MW, nonché delle opere connesse e delle infrastrutture indispensabili alla costruzione e all’esercizio dell’impianto stesso”.

Localizzazione: acque territoriali del nord della Puglia – largo della costa dei Comuni di Manfredonia, Margherita di Savoia e Barletta – località “Golfo di Manfredonia”.

Durata della concessione: 25 anni;

Scopo della concessione: realizzazione di un impianto eolico off shore in cui si prevede l’installazione di 50 turbine, delle opere connesse e delle infrastrutture indispensabili alla costruzione e all’esercizio dell’impianto stesso.

Superficie:
– Specchio acqueo: mq 41.808.259;
– Elettrodotto marino: mq 4.499,19 totali, dei quali mq 624,19 compresi nel suddetto specchio acqueo e mq 3875 esterni allo stesso;
– Area demaniale terrestre: mq 1.401.

In particolare, si fa riferimento a:
– N. 50 aerogeneratori con potenza nominale di 3,3 MW, di altezza massima
complessiva pari a 150 m e installati su monopiloni cilindrici di 4,8 m di diametro, infissi per 35 m al di sotto del fondale;
– Serie di collegamenti in cavo sottomarino in MT 30 kV;
– N. 1 stazione marina di trasformazione elettrica 30/150kV di circa 40 m di diametro e appoggiata su quattro piloni simmetrici;
– N. 1 condotta sottomarina in AT 150kV, che parte dalla stazione marina di trasformazione e raggiunge la linea di battigia con un percorso di circa 20,5 km, fino ad
un pozzetto di giunzione tra la condotta sottomarina e quella terrestre;
– N. 1 condotta terrestre in cavo interrato in AT 150 kV per una lunghezza di circa 20,8 km, che corre lungo la viabilità esistente (SP 189, SP 12 e una serie di Strade Comunali).

“La domanda sopracitata, avanzata dalla TREVI ENERGY S.p.A., e la relativa documentazione tecnica a corredo delle stessa rimarrà depositata a disposizione degli interessati presso la Sezione Demanio della Capitaneria di Porto di Manfredonia (…) per un periodo di 30 trenta giorni consecutivi i quali avranno inizio l’08/01/2018 e termineranno il 06/02/2018, estremi inclusi”.

Termine osservazioni
Tutti coloro che ritenessero di avervi interesse, a presentare per iscritto alla Capitaneria di Porto di Manfredonia, entro il termine perentorio di cui sopra, quelle osservazioni che ritenessero opportune a tutela di loro eventuali diritti e/o eventuali istanze concorrenti, avvertendo che, trascorso il termine stabilito, non sarà accettato alcun reclamo e/o istanza e si darà ulteriore corso alle pratiche inerenti la concessione demaniale marittima richiesta.”

FOCUS
AVVISO TREVI MDS – CAPITANERIA PORTO MANFREDONIA – 08.01.2017
Manfredonia. “Parco eolico marino Gargano Sud”: stop procedimento VIA
Eolico offshore, sindaco nel 2014: resta procedura Gargano Sud e possibili ricorsi ma fiducioso

Redazione StatoQuotidiano.it – TTR – Riproduzione riservata

Golfo Manfredonia, Trevi: richiesta concessione demaniale per impianto eolico offshore ultima modifica: 2018-01-08T19:41:48+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
23

Commenti


  • Lettore

    Chiedo scusa per intervenire fuori tema ma non so dove piazzare questo che ho appena letto sul web:

    http://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/2018/01/08/sequestro-per-scuole-a-rischio-sismico-anche-lieve_53e96f10-fee3-4a03-b916-abd115623902.html
    Le scuole di Manfredonia sono antisismiche? Che provvedimenti prendere il Sindaco e il Comune di Manfredonia.
    Buona sera


  • Maria

    Abbiamo visto che il turismo sta dando i buoni risultati e quindi ora torniamo indietro?
    Fate cose intelligenti altrimenti andate a fare le cose strambe a casa vostra.
    Ci siamo lamentati per una concessione su 30 mq di scogli già mezzo cementati, ci hanno già deturbato il panorama con il porto industriale senza le industrie e ora cosa altro vi viene in mente per mandare lontano da qui i turisti?


  • Antonio Trotta

    Scusate i —-del CAONS non dicono niente?
    E gli amici degli uccelli?


  • isola felice

    Voi state fuori di testa , mi vergogno di essere manfredoniano


  • Alfredo

    Passato il progetto del Gasdotto, adesso quello eolico, certo che qui si pensano soltanto progetti per far girare le PALLE, fra alcuni mesi ci sara’, e perche’ no, quello di qualche centrale NUCLEARE , tanto qui tutto e’ possibile, con questi tipi che ci governano..incapaci e magnar……


  • ezio

    I turisti non scappano, anzi apprezzano queste iniziative.
    Falsi moralisti ed ambientalisti preoccupiamoci di non usare le automobili piuttosto e di favorire la realizzazione delle piste ciclabili.

  • la notizia è fresca: la trevi è tornata di nuovo all’attacco del golfo di #manfredonia chiedendo l’autorizzazione per un parco eolico offshore cui cittadini, comune e il Consiglio dei ministri del governo Letta dissro di no: E’ L’ENNESIMO ASSALTO AL PATRIMONIO NATURALISTICO DEL #GARGANO. Le pale sono ognuna più alta del Millennium Dome di #Londra

    COME NEL 2013 CI TROVERANNO LI A OSTEGGIARE QUESTO PROGETTO DI NEO COLONIALISMO ENERGETICO: occorre un piano energetico nazionale
    #m5s #noeolicooffshore #weareinpuglia #gargano #notriv

    https://www.youtube.com/watch?time_continue=298&v=iB_9fJxvMjM

  • QUI LA PAGINA CON MOLTE INFO DEL COMITATO NO EOLICO OFFSHORE ISTITUITO NEL 2013
    https://www.facebook.com/NoEolicoNelMareDelGargano/


  • cittadino

    Brava sig.ra/na Maria. Manfredonia con tutte le sue caratteristiche e bellezze è diventato un territorio sacrificale e sperimentale del più classico arrembaggio “industriale” da strapazzo che strapazza il territorio e se ne va, lasciando, inoltre, sul campo i lavoratori ed un territorio deturpato nelle sue peculiarità.
    Il Golfo non sarà più. Chiamato di Manfredonia ma il Golfo delle Pale….


  • NICOLA

    Cosa c’è da dire di fronte a tanta arroganza.Ormai ci considerano africani dove tutto è possibile.Ma andate a fc tutti,peccato che ho una certa età altrimenti sarei andato via da questo paese,bello paesaggisticamente ma brutto per chi ci governa.


  • NICOLA

    oooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo


  • gigi

    si ma i soci di questo progetto sono anche alcuni manfredoniani facoltosi…


  • Lecchino

    @ezio se le piste ciclabili che vorresti sono come quelle (fantasma) di Siponto preferirei evitare…..


  • Maria

    Mi dispiace per Franceschini, ma questo governo è meglio se torna alla opposizione.


  • antonella

    Il progetto trevi su archiviato ben 5anni fa, ricordo come si faceva a gara a cantar vittoria per quella archiviazione, dove molti si appuntarono medaglie al merito, sul petto… E ora? La trevi è ancora presente e ci minaccia, ancora? È evidente che dietro a questi progetti, (energas, trevi, e altri) c’è una regia tutta manfredoniana che vede il territorio come oggetto di conquista per piazzare le peggiori soluzioni di tipo energetico, ancora? Una volta si cerca di colonizzare un territorio che invece deve essere valorizzato per la sua importanza e la sua bellezza.
    Invece come semore si adottano strategie e politiche dello sciacquone.


  • sole nero

    Da combattere Sino all’ultimo.E che Dio c’e la Mandi buona.Ienacce


  • Duosiciliano Patriottico

    E questo è il terzo tentativo di costruzione di quegli ecomostri e di distruzione della fauna e flora marina manfredoniana.
    Abbiamo capito che questi non molleranno mai, visto che il territorio è stato totalmente svenduto dal Comune per coprire gli enormi debiti contratti in più di 20 anni


  • SIPONTINO INDIGNATO

    ANCORA UN’ALTRA PORCATA!! BASTA HANNO RAGIONE I 5 STELLE!!
    VOTERO’ E FARO’ VOTARE IL MOVIMENTO 5 STELLE E ME FOTTO DEL TERRORISMO PSICOLOGICO CHE STANNO FACENDO CERTI POLITICI DI DESTRA E SINISTRA PER CONVINCERCI A VOTARE LORO E A DEMONIZZARE IL MOVIMENTO 5 STELLE! E UNO SCHIFO INDICIBILE.


  • Sorridi sei a Manfredonia: la città dei balocchi

    Questo è quello che ci meritiamo noi 60.000 BALOCCHI e PECORONI E LECCHINI, SUPERCIALI E SENZA CERVELLO.
    vivere nella sporcizia e con il territorio in balia delle multinazionali che si accaniscano a devastare con opere mostruose il nostro mare e il nostro territorioe tantissimi altri guai. Noi ci meritiamo tutto.


  • Mario

    Manfredoniani facoltosi nel progetto? E chi sarebbero?


  • cittadino

    X Mario, sicuramente anche qui c’è chi non sa più come investire i soldi fatti con molta facilità o importati dagli ex paradisi fiscali, atteso che il denaro/risparmio frutta così poco e pensa al massimo rendimento anche a discapito del bene comune, quale in questo caso, ambientale.


  • ciro

    mai nessuno che vuole impiantare cicorie a manfredonia solo bruttezze ma poi la corrente la paghiamo di piu’


  • stufo

    Commissario prefettizio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This