Edizione n° 5307
/ Edizione n° 5307

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

SCHERMA Presunto stupro di gruppo, il sanseverese Emanuele Nardella continua a gareggiare

Federscherma aveva invitato i due denunciati ad auto-sospendersi

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
8 Marzo 2024
Cronaca // San Severo //

SAN SEVERO (FOGGIA) – I due atleti indagati per lo stupro di gruppo sulla campionessa minorenne di scherma «restano liberi di partecipare a ogni gara di scherma che vogliono, almeno fino a quando dalla Procura di Siena non arriveranno decisioni sul procedimento penale che è stato aperto».

La denuncia del brutto caso di violenza risale ad agosto, il giorno dopo i fatti avvenuti in un albergo di Chianciano Terme.

Una storia bruttissima che ha subito fatto il giro del mondo e sulla quale restano puntati i riflettori della politica, dello sport, della società civile.

Proprio in questi giorni ci sono state alcune competizioni di livello e uno dei due si è auto-sospeso volontariamente e non ha gareggiato (Jacopo Lapo Pucci), mentre l’altro (Emanuele Nardella) ha deciso di gareggiare ugualmente a Lucca salendo in pedana alla Prova nazionale giovani e assoluti, valida per la qualificazione ai campionati italiani assoluti.

A raccontarlo è il presidente della Federscherma, Paolo Azzi che al Messaggero, riassume i contorni della questione .

«Date le circostanze delicatissime noi, come Federazione, abbiamo espresso loro il nostro parere, sottolineando che forse sarebbe stato meglio per entrambi l’autosospensione dalle gare, anche per la loro tutela.

Fonte: lanazione

Naturalmente la decisione però spettava a loro, visto che in questa fase la Federscherma non può imporre nulla, non ci sono le condizioni per alcuna disposizione sospensiva.

I due atleti, in questa fase, dunque, sono liberi di gareggiare.

Da parte nostra attendiamo notizie dalla Procura di Siena su un eventuale provvedimento cautelare. Questa resta una vicenda tristissima per tutti noi che ci amareggia enormemente.

I fatti denunciato sono gravissimi, reati gravi tuttavia bisogna attendere l’esito delle indagini. Il mio pensiero va soprattutto alla ragazza che so che sta vivendo una situazione pesantissima».

Chi sono i due schermitori che la sera del 4 agosto avrebbero abusato di Rosa, il nome è di fantasia: una campionessa naturalizzata uzbeka finita al pronto soccorso.

La ragazza la sera prima con tutto il gruppo degli atleti era andata a festeggiare in un bar davanti all’albergo di Chianciano.

A condurre l’inchiesta sul presunto stupro di gruppo avvenuto a Chianciano durante un camp di scherma è il pm Serena Menicucci (la nazione)

Al mattino si è risvegliata nella stanza di Nardella e Pucci (e un terzo atleta minorenne) incapace di reagire, stordita, dolorante, piena di lividi, con il sangue che le colava, senza ricordare assolutamente nulla.

La sera prima aveva bevuto solo una birra e due shottini e poi il buio.

Gli atleti denunciati, Nardella e Pucci arrivano da due società diverse. «Nardella – spiega Azzi – ha ottenuto risultati importanti anche a livello internazionale e ora è entrato in un gruppo sportivo militare.

Pucci, invece, non ha quei risultati”.

Il primo è nato a San Severo, in provincia di Foggia mentre Pucci a Milano.

“La sciabola come disciplina è un’arma di combattimento, il che implica un certo carattere deciso e battagliero tuttavia non ho mai sentito nulla su di loro, né mi è mai stato segnalato sul loro comportamento».

Fonti verificate: ILMESSAGGERO //

Lascia un commento

“L’intelligenza è la capacità di adattarsi al cambiamento.” Stephen Hawking

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.