Edizione n° 5343

BALLON D'ESSAI

CHEF // «Innamoratevi di questo mestiere», dalla Puglia l’appello ai giovani chef di tutt’Italia
20 Maggio 2024 - ore  15:19

CALEMBOUR

ESTATE // Trenitalia, al via il Frecciarossa notturno Milano-Lecce
20 Maggio 2024 - ore  15:26

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

Bugie, Uno studio rivela l’impronta digitale

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
8 Giugno 2013
Scienza e Tecnologia //
Uomo in coma da 12 anni comunica con i medici: “Non soffro” (St)

MILANO – (ANSA) – CI sono specifiche aree del cervello che si attivano quando si dice una bugia. Ora queste aree possono essere viste ‘all’opera’ con una speciale tecnica, l’imaging neurale, che mostra una sorta di ‘impronta digitale’ della menzogna. Lo rivela una ricerca pubblicata sulla rivista scientifica Plos One e realizzata da Alice Proverbio, Maria Elide Vanutelli e Roberta Adorni del dipartimento di Psicologia dell’Universita’ di Milano-Bicocca.

Le aree del cervello piu’ attive nella costruzione delle bugie, spiegano le ricercatrici, sono la regione frontale e pre-frontale dell’emisfero sinistro e la corteccia cingolata anteriore. ”Attraverso l’elettrofisiologia cognitiva – aggiunge Alice Proverbio, coordinatrice della ricerca – siamo in grado di vedere come reagisce il cervello di una persona quando riconosce qualcosa di familiare”. Inoltre, e’ possibile stabilire quando una persona sta mentendo ”poiche’ il cervello produce una risposta bioelettrica inconfondibile, chiamata N400, che riflette il tentativo di sopprimere l’informazione riconosciuta come vera”: e’ questa l’impronta digitale unica della bugia.

Rispetto alla cosiddetta macchina della verita‘, ”che si basa sulla misurazione di aspetti fisiologici come sudore e battito cardiaco per individuare chi mente – conclude l’esperta – il nostro metodo misura anche l’effetto cerebrale delle emozioni provate durante l’interrogatorio. L’attivita’ mentale, misurata attraverso le variazioni elettriche delle risposte cerebrali, e’ un indicatore molto piu’ affidabile di quella solo periferica”.

Lascia un commento

Non ci resta tanto tempo. Il sogno non diventa realtà da solo: bisogna corrergli dietro. (Carlito’s Way)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.