Lavoro

Disabili: in Italia solo il 16% ha un lavoro


Di:

Alunni con disabilità (Ph: archivio)

In Italia, solo il 16% (circa 300mila individui) delle persone con disabilità tra 15 i 74 anni ha un’occupazione lavorativa, contro il 49% del totale della popolazione. In Zambia, secondo ‘Il World report on disability’, sono il 45,5%, in Malawi il 42,3%. “Si tratta di una situazione ormai insostenibile – spiega Francesco Conci, direttore esecutivo di Fiera Milano congressi, organizzatore di Reatech Italia – e da un certo punto di vista paradossale. Da una parte, infatti, in questo periodo di crisi, i disabili e loro famiglie si vedono costantemente tagliare servizi e sussidi e si ritrovano allo stremo. Non avendo un lavoro, peraltro, i disabili, restano a carico delle famiglie o dello Stato, e fanno aumentare i costi dell’assistenza”.

“Sul fronte opposto – fa notare Conci – le aziende, che potrebbero beneficiare degli sgravi fiscali e avere manodopera a costi più vantaggiosi, spesso non sanno o non riescono ad assumere questo tipo di lavoratori. E, così, ciò che a volte la patologia non ha tolto ai disabili, ovvero la possibilità di rendersi utili, di produrre, di guadagnarsi uno stipendio e di progettare una vita, viene loro sottratto da un sistema arretrato, da una burocrazia strangolante e dalla mancanza di cultura nelle imprese”.

“I candidati potenziali in Italia – continua Conci – non sono pochi. Le ultime stime parlano di oltre 750.000 persone. Molte aziende, però, tendono a considerare il loro inserimento come un onere da assolvere e non come un’opportunità, come invece potrebbe essere se correttamente gestito. L’Organizzazione internazionale per il lavoro sostiene che, a livello globale, se si riuscisse a inserire pienamente queste risorse si potrebbe recuperare dall’1% al 7% di Pil. Siamo certi in Italia di poterne fare a meno?”.

Fonte Rassegna.it

Disabili: in Italia solo il 16% ha un lavoro ultima modifica: 2013-06-08T16:18:39+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • franckd

    non sò a ke cosa servono i centri di impiego (o collocamento) in Italia… Ke stanno a fare gli impiegati del collocamento??? a percepire emolumenti senza aiutare gli invalidi civili nel mondo del lavoro??
    ps: sono un invalido civile al 100%dalla nascita, orfano di padre, laureato e da 4 anni in cerca di lavoro… e il centro d’impiego del mio paese cosa fa??? un bel niente… anzi sbagliano pure… ke skifo…
    intanto trovano subito lavoro gli stranieri anzikè gli italiani…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This