Manfredonia

Ospedale, urla e scontro Riccardi-Gentile-Manfrini: “da voi solo tagli” (VIDEO@)


Di:

Manfredonia – “L’OSPEDALE di Manfredonia non chiude, anzi nei limiti lo potenzieremo. Ma bisogna fare squadra fra tutte le istituzioni. Ricordo che in Puglia ci saranno tagli per la spesa sanitaria per circa 1 milione di euro rispetto al 2012. Sono stata a Manfredonia due volte negli ultimi mesi, cerchiamo di evitare polemiche stucchevoli, l’ospedale di Cerignola non avrà nulla in più rispetto ad altri, dunque non esistono più Province o diverse Puglie, ma un’unica volontà di preservare tutti gli ospedali del territorio. Godo della stima del presidente Vendola, non accetto illazioni, c’è bisogno di un clima di collaborazione e spero che si eviteranno in futuro delle coreografie come quella di stamani con presenza di striscioni all’interno dell’ospedale, praticamente inutili. L’ospedale di Manfredonia non chiuderà ma ricordo che – per i numeri emersi – Casa Sollievo di San Giovanni e il Policlinico di Foggia basterebbero per l’intera Provincia. Anzi, al San Camillo (classificato come ospedale di Base) i reparti funzionano benissimo, come funzionerebbero egualmente anche riducendo i posti letto ad oggi presenti (vedi tabella in basso dopo piano di riordino, ndr). Il mio impegno: il mantenimento dell’ospedale di Manfredonia con relativo potenziamento. Lo stesso dicasi per tutti gli ospedali pugliesi”. E’ quanto detto a Stato dall’assessore regionale al Welfare con delega alla Sanità (Programmazione sociale ed integrazione socio-sanitaria, Programmazione e Assistenza Territoriale e Prevenzione, Programmazione e Assistenza Sanitaria specialistica, Gestione accentrata e Finanza Sanitaria, Accreditamento e Promozione Sanitaria) Elena Gentile.

TENSIONI, URLA, DURANTE IL CONFRONTO. Le parole della Gentile seguono una lunga e animata conferenza stampa nel Nuovo Consultorio dell’ospedale civile San Camillo alla presenza – al tavolo dei relatori – del dg dell’Asl/Fg ing.dr. Attilio Manfrini, dell’assessore E.Gentile e del direttore sanitario del PO San Camillo dr. Giuseppe Totaro. In platea, dunque non invitati prima della conferenza al tavolo, il sindaco di Manfredonia Angelo Riccardi (che non ha gradito naturalmente la ‘galanteria’, ndr), la Giunta comunale sipontina, consiglieri comunali, consiglieri regionali (F.Ognissanti), consiglieri di Comuni della Capitanata, medici, personale medico, sindacato USPPI ed altri. Assenti in toto i referenti del Pdl. “Non abbiamo invitato il sindaco? – ha detto la Gentile – può venire adesso”. “No grazie – ha risposto Riccardi – mi limito ad esporre le mie osservazioni, sono un semplice sindaco di campagna – ha aggiunto ironicamente – non ho competenze sulla sanità, me ne occupo nel tempo libero (Riccardi è stato Consigliere regionale con delega alla Sanità prima di divenire sindaco di Manfredonia nel 2010,ndr)”. “Questa non è casa vostra ma di tutti”, ha detto il sindaco rivolto alla Gentile. “No, questa è di proprietà della Regione”, ha detto l’assessore in riferimento al San Camillo. Questo uno dei momenti più tesi del dibattito oltre a frasi quali: “dopo la lettura di certi dati qualcuno sarà costretto a ricoverarsi in psichiatria”, “codazzo” al seguito delle istituzioni, “ritiri subito questa frase”, “non abbiamo bisogno di spallaggi”, “parlo in qualità di giornalista (iscrizione all’albo speciale del sindaco Riccardi per un giornale con notizie amministrative,ndr”, “allora ascoltiamo il giornalista”; “mi provoca”, “no lo fai lei” ed altro. Il tema era sentito – tensione giustificabile – ma forse in un’unica conferenza stampa, o meglio ‘scontro-incontro‘ tra istituzioni, sono emerse tutte le criticità non risolte da tempo. Il clima di tensione sembra avere origini antiche. Questo ricordando la medesima fazione politica (Pd e centrosinistra) del sindaco, della Giunta e dell’assessore Gentile.

IERI IL PRESIDIO DI SINDACO E GIUNTA DI MANFREDONIA: “DEFINIRE IL FUTURO DEL NOSTRO OSPEDALE, DA CARDIOLOGIA A TUTTI I REPARTI; VISTO CHE NON SI POTRA’ PIU’ NASCERE RIUSCIREMO ALMENO A NON MORIRE?”. Il lungo dibattito si è svolto all’indomani dell’inatteso presidio del sindaco e della Giunta comunale di Manfredonia nell’ufficio del direttore sanitario del San Camillo: “visto che a Manfredonia non si potrà più nascere – dopo la dismissione del reparto di ginecologia e ostetricia (dal 27 marzo 2013 – dalle disposizioni del Piano di rientro e di riqualificazione del Sistema Sanitario Regionale 2010-2012 – Modifica ed Integrazione al Regolamento Regionale 7 GIUGNO 2012, n. 11, di riordino della rete ospedaliera della Regione Puglia, ndr) – diteci almeno se riusciremo a non morire”, ha detto Riccardi. Base della protesta la mancanza di medici nel reparto di cardiologia e i paventati prossimi tagli, ricordando come a Giugno 2013 al San Camillo c’è “mancanza di primari in 5 reparti su 9″ (compreso Cardiologia, con 6 medici su 10 necessari con direzione di un incaricato).

Da raccolta dati, all’ospedale di Manfredonia mancano primari nei reparti di cardiologia, pronto soccorso, laboratorio, radiologia, pediatria – dove sono presenti degli incaricati – con primari al contrario nei reparti di medicina, gastroenterologia, chirurgia e ortopedia.

CARDIOLOGIA. GENTILE: “A MANFREDONIA 8 MEDICI ATTUALMENTE IN SERVIZIO SUI 10 NECESSARI, CERCHEREMO DI INTERVENIRE”. “Il futuro dell’ospedale di Manfredonia è scritto nelle carte programmatiche della Regione, validate da un intervento in corso dell’Asl/Fg finalizzato ad una migliore efficienza del San Camillo, che ha goduto di recenti ristrutturazioni. La divisione di cardiologia di questo ospedale ha in pianta organica ufficiale 6 medici, attualmente in servizio 8, di cui 5 con limitazioni funzionali e anche in godimento della L.104, questo limita sostanzialmente anche la configurazione dei turni e c’è stato di recente una sostituzione di una giovane cardiologa”, ha detto a Stato l’assessore Elena Gentile.

GENTILE: “A CANOSA, GALLIPOLI ANCORA APERTI PUNTI NASCITA IN ATTESA FINE RISTRUTTURAZIONI IN ALTRI OSPEDALI”. “TUTTI I PUNTI NASCITA DESTINATI ALLA CHIUSURA SARANNO CHIUSI, NESSUNA DISCRIMINAZIONE”. “Chiuderanno tutti i punti nascita come da atti regionali”, ha detto l’assessore in risposta alle giuste osservazioni del sindaco di Manfredonia che ha più volte hpalesato dubbi sui parametri di riferimento per la chiusura stabilita a Manfredonia: “quale anno è stato preso in riferimento, il 2009, quando il reparto è stato chiuso per mesi?” , ha chiesto Riccardi a Manfrini, che ha replicato: “sì il 2009, forse”. Altri momenti di tensione.

“L’ospedale di Ostuni ospita ancora il punto nascita perchè l’ospedale più vicino – dove è stato individuato il futuro punto nascita – ha in corso delle ristrutturazioni” ha detto a Stato l’assessore Gentile. Lo stesso dicasi per Canosa di Puglia, in attesa che l’ospedale di Andria, riconosciuto come hub per la gravidanza e per il parto, venga adeguatamente ristrutturato. Gallipoli chiuderà nel momento in cui termineranno i lavori a Casarano, dove stiamo adeguando le sale parto. Non c’è stata alcuna vessazione, nessuna mortificazione dell’ospedale di Manfredonia. Io mi sento manfredoniana e sono sempre stata vicina a questa città, penso ai disoccupati, al settore pesca”.

IL FUTURO: MANFRINI ACCELERERA’ PER INTERVENTI “Nei prossimi giorni l’ing. Manfrini accelererà gli interventi previsti per il potenziamento dei reparti del San Camillo”. Attesa e polemiche anche in questo caso per il rinvio di un tavolo tecnico richiesto dal sindaco di Manfredonia.

ING. DG ASL/FG MANFRINI: “HO DATO LA MIA DISPONIBILITA’ PER UN PROSSIMO TAVOLO TECNICO CON SINDACO RICCARDI E GIUNTA”. “La preoccupazione è condivisibile – ha detto a Stato l’ing. Manfrini, dg Asl/Fg – ma in termini diversi. Ho dato la mia disponibilità per un tavolo tecnico dove saranno invitati i rappresentanti dell’Amministrazione comunale di Manfredonia, per parlare del futuro dell’ospedale San Camillo per poi portare le istanze emerse durante il tavolo in Regione”.

PRIMARI: “CONFIDIAMO NELLE DEROGHE, MA RICORDO CHE PER IL FUNZIONAMENTO DI UN REPARTO E’ FONDAMENTALE UN NUMERO ADEGUATO DI DIRIGENTI MEDICI CON RUOLO AD UNO DEGLI STESSI DI COORDINATORE AD INTERIM”. Per la mancanza di primari: “mancano in tutti gli ospedali della Puglia e dunque della Provncia di Foggia, penso a San Severo, Cerignola, Lucera. Purtroppo le deroghe per i primari avranno ancora tempi lunghi per una risoluzione. Ci sarà un impegno comune in questo senso. Se ci saranno 500 deroghe, 100 mi auguro che vengano destinate alla Provincia di Foggia per colmare le lacune vigenti in tutti gli ospedali. Ma non credo che siano i primari il problema centrale per il funzionamento di un reparto: il reparto funziona non se c’è un primario ma se c’è un numero di dirigenti medici adeguato ai fabbisogni del reparto, poi uno degli stessi dirigenti si può assumere ad interim il compito di coordinare l’altro. Questa potrebbe essere una strada da percorrere”.

g.defilippo@statoquotidiano.it

VIDEO


IERI IL PRESIDIO DI SINDACO E GIUNTA IN OSPEDALE

FOTOGALLERY

Disposizioni Piano di rientro e di riqualificazione del Sistema Sanitario Regionale 2010-2012Modifica ed Integrazione al Regolamento Regionale 7 GIUGNO 2012, n. 11, di riordino della rete ospedaliera della Regione Puglia

Redazione Stato@riproduzioneriservata

Ospedale, urla e scontro Riccardi-Gentile-Manfrini: “da voi solo tagli” (VIDEO@) ultima modifica: 2013-06-08T19:00:32+00:00 da Giuseppe de Filippo



Vota questo articolo:
26

Commenti


  • Saverio

    Onore al sindaco di Manfredonia,mi è piaciuto la presa di posizione contro i tagli regionali. Però vorrei ricordare che il buon andameto di una struttura pubblica come quella dell’ospedale di Manfredonia, si basa sulla capacità e professionalità dei dirigenti medici.Se un cittadino di Manfredonia fa 20 o 40 km per andare a curarsi o partorire in un’altro presidio ospedaliero, forse .. i motivi non sono solo della struttura ma li andrei a cercare in che modo operano o trattono i pazienti (o clienti, visto che si parla di numeri)il personale addetto.Chiaramente non faccio tutta erba un fascio, ci sono dei reparti a mio avviso che funzionano molto bene. Quindi io farei un mea culpa su come sono stati curati e trattati i pazienti nell’ospedale di Manfredonia.Io credo che è il medico che fa la struttura e non il contrario..


  • grande

    SONO ELETTORE DI DESTRA MA , DIAMO A CESARE QUELLO CHE è DI CESARE, OGGI SONO STATO FIERO DI ESSERE STATO RAPPRESENTATO DAL NOSTRO SINDACO, OGGI I COLORI NON C’ENTRAVANO.GRANDE SINDACO.


  • Marco di Domenica dorma

    Gentile è stata la tua caporetto oggi, non avrai una solo voto


  • salvatore

    Finalmente una città che si riprende la libertà di esprimere un consenso generale in merito alla questione ospedaliera. Dico questo perché, ieri il primo cittadino ha dato esempio di quello che deve essere un sindaco, difendere il proprio territorio anche se questo fa scontrare due politici come Riccardi e Gentile nonostante siamo dello stesso partito. Mi sarebbe piaciuto vedere il consigliere Gatta di fianco al presente Ognissanti, ma spero che prenda posizione anche se non è la materia di lavoro regionale per lui ma è pur sempre un cittadino di questa città. Vedete ieri si è consumata una pagina che rimarrà nella storia di questa città, teniamolo presente cari cittadini il sindaco è con la città, e i cittadini devono sostenere con forza la posizione che si è presa. La regione deve fare i conti con noi tutti prima di decidere drasticamente per questo ospedale. In fine vorrei elogiare la classe dirigenziale del comune di Manfredonia per aver partecipato alla conferenza stampa come un presidio di lotta contro i tagli e di difendere i valori che una città deve esprimere nei confronti dei propri cittadini, avanti così uniti di vince e speriamo che questo sia un apri pista per le cose da fare per questa città viva Manfredonia.


  • giiuanumunicip

    Da quanto ho sentito e letto… esprimo il mio parere sul caso… A quanto pare si vogliono rifare i conti dopo che sono usciti i risultati e fatte le varie prove di verifica….
    In sintesi, a parere, ci si doveva muovere prima e con l’ausilio ed il contributo dei consiglieri regionali “cittadini” .
    La foga mostrata è postuma….


  • Pino Murgo

    Marco ma c’eri? Concordo con ” grande” i colori ieri non esistevano, solo difesa del territorio; la gentile no comment


  • Nicola Fibonacci

    Concordo in parte con la disamina di saverio sopra, vogliamo un ospedale presente e ben organizzato in tutti i reparti, però vogliamo anche le persone al posto giusto e meritocrazia, la sanità deve sfuggire alle logiche clientelari,almeno la salute va salvaguardata,non occorre l ospedale solo x dare occupazioni a tizio e caio, nin deve piu succedere per ogni cavolata che si dica alzando le mani non e’ competenza nostra,vai a san giovanni rotondo o portatelo a Foggia…


  • ciro

    a parlare in dialetto hahahahhahahah…..e gli altri tt impauriti…madoooooooo che lvill!


  • maria

    Sindaco lei adora la sua città e la sua gente rimarrà nella storia


  • giiuanumunicip

    L’Angelo a Maria ha portato la novella Notizia. Non è opportuno adorare l’Angelo ma il Signore, vero Padre di tutti noi. Chi ha fede crede in questo e non negli uomini, specialmente di questi tempi, che fanno politica e che passeranno sicuramente alla… storia.


  • Tifoso presente a Molfetta

    Grande sindaco…pensare che qualche mese fa l assessore era in piazza del popolo a cercare voti


  • eletr

    io sono uncittadino che spesso sono costretto andare in ospedale al prontom soccorso ma vi posso garadire che forse sarebe meglio se chide perche i dottori che presiedono il prondo soccorso secondo la mia esperieza non msono dottori (censurato perchè diffamatorio,ndr)

    percio se veramente vogliomo che in nostrterritorio e la nostra cittadina deve avere un ospedele bisogna avere il coraggio di mandare a casa tutti gli esuberi che sono stati messi li solo perche (ipoteticamente,ndr) una promessa elettorale e non perche sono specializati sia come dottori sia come infermiari mimsono trovato diverse volte ad assistere cose in possibile che un operaio dalla mattina alla sera va in giro con un foglio in mano e fa avanti e dietro sepre con lostesso foglio e allora coso sta afare solo per prendere lastipedio? e se cuesta direzione non prede provvedimenti seri sia nei confrodi dei dottori ——sia nei confronti deglinfermieri altrimenmto e meglio che chide cosi rispariremo un po di soldi da pagare


  • pasquale

    credo che l’errore madornale che la città di manfredonia abbia fatto eleggere a Bari Ognissanti (non parlo della persona) ma della sua incapacità politica (diritto di critica,ndr), sta li per assicurarsi l’indennita mensile di consigliere regionale che equivale a qualla annuale di un operaio (diritto di critica, non diffamatorio, ndr) Credo che Angelo Riccardi sarebbe stato piu utile alla Regione e non al Comune. Quando un assessorato ai servizi sociali eroga milioni di soldi per assistenza è tutto dire….


  • ex operaio del contratto d'aria

    questa volta mi sento rappresentato dal primo cittadino .. E credo che questa lotta va fatta insieme…chiedo al sindaco perché questa lotta non è stata fatta per non far chiudere le aziende almeno tentare di … Perché non ho visto impegno da parte di nessuno sulla questione…visto che si parla anche di posti di lavoro


  • vincenzo g.

    È la prima volta che scrivo ed intendo esprimere il mio pensiero.
    Guardate tutti qli esseri umani sbagliano. Il sindaco sicuramente o per colpa sua o per altri, ha commesso degli errori. Ma da qui a dire che sia un cattivo sindaco, be ce ne vuole. Sopratutto nella continua difficoltà nell amministrare una realtà complessa come la nostra, e soprattutto in questo periodo di profonda crisi economica e sociale che stiamo vivendo.
    Be Sindaco mi hai reso orgoglioso di esse manfredoniano, hai messo da parte il politichese per esprimere con tono duro e diretto e soprattutto senza mezzi termini tutto ciò che nei tutti sentiamo dentro.
    Gli uomini sbagliano, e spesso non ho coi diviso le tue scelte e il tuo modo di fare, ma stavolta devo dire che non potevi essere migliore, mi hai sorpreso e rafforzato il mio desiderio di combattere per questa città e per la nostra gente, cancellando l’assuefazione al menefrechismo e disfattismo.
    Una nota che mi ha lasciato un po deluso, è stato il fatto di vedere,almeno del video proposto, ma puo darsi pure che mi sbaglio,un consigliere regionale Ognissanti seduto affianco a te assorto nei suoi pensieri, un assessore comunale Zingarelli perennemente al telefono, un assessore comunale Dambrosio che non si vedeva, poi dicono che sei accentratore?
    Be io dico
    Per fortuna.


  • Matteo

    Il problema è dare il potere di management agli Ingegneri…….


  • anonimo

    POSSO FARVI UNA DOMANDA.
    AVETE VISTO DALLE FOTO CHI ERA PRESENTE NELLA SALA A PROTESTARE OLTRE GLI AMMINISTRATOTI. ATTENDO RISPOSTA


  • Maria

    Ero presente e tre cose mi hanno colpito molto 1) la grinta del sindaco incazzato e determinato e forse anche schifato da quanto stanno combinando esponenti del suo stesso partito. 2)il menefreghismo di Gentile Manfrini e Totaro, I quali è evidente che (dato non riscontrabile e non veritiero, ipoteticamente diffamatorio, ndr) 3) il Grande assente… È vergognoso. Posso capire Campo che ormai non rappresenta più nessuno (diritto di critica,ndr). Ma non posso ne capire e ne giustificare L’onorevole Bordo. Faccia sua. Spero solo che cambi subito la legge elettorale cosi forse lo voterà (offensivo,ndr)


  • Mario

    Il centro destra era al mare? loro sono ricchi non hanno bisogno di curarsi a Manfredonia


  • Comitato di liberazione da G.G.

    Riscontriamo con tristezza l’assenza di ogni e qualsivoglia tipo di intervento e/o comunicato da parte del coordinatore pro tempore ( e speriamo che il congresso venga celebrato al piu’ presto) del PD locale. GUIDONE, batti un colpo se ci sei. Facci sentire ed apprezzare la tua posizione. Intervieni nella diatriba ed esprimi la pozione del partito di Manfredonia. Se non intervieni repentinamente, cooridinatore GUIDONE, chi non ha compreso, sino ad ora il tuo silenzio, dopo non comprendera’ nemmeno le tue parole (se mai, in precedenza le ha intese). Viva Giuseppe GUIdONE


  • Direzione Stato

    Un esponente politico che lotta per la tutela di un “bene” della comunità è un esponente politico da elogiare; grinta e spontaneità avvalorano, nei limiti del confronto democratico, la stessa lotta; in ogni modo nel corso dell’incontro tutti hanno potuto esprimere la propria opinione; correlati al testo ci sono 4 video con prefazione, domande, riflessioni e risposte; G.de Filippo – Direzione Stato – https://www.statoquotidiano.it


  • tonino led

    HO VISTO IL VIDEO E SONO COMPLETAMENTE DISGUSTATO, SEMBRAVA DI STARE AL MERCATO ITTICO, DURANTE L’ACCAPARRAMENTO DI TELAI DI POLPI. MA QUANDO RIUSCIRANNO A CAPIRE CHE I CITTADINI CHE SI RIVOLGONO A STRUTTURE SANITARIE NON SONO DEI ” NUMERI DI BILANCIO ” O TAGLI PER FAR QUADRARE I CONTI? LA NOSTRA AMATA COSTITUZIONE SANCISCE IL DIRITTO DELLA SALUTE DEL CITTADINO, E UN OSPEDALE NON PUO’ ESSERE PARAGONATO AD UNA INDUSTRIA CHE DEVE DARE, OGNI ANNO, UN PROFITTO. I VERI TAGLI, VANNO FATTI A COLORO CHE PER ANNI HANNO DERUBATO ED EFFETTUATI SPRECHI VOLONTARI A SCOPO PERSONALE, E OGGI TUTTI NOI STIAMO PAGANDO CON I VARI TICKET E 10 EURO AGGIUNTIVI DI TANGENTE ALLA NOSTRA CARISSIMA REGIONE PUGLIA.


  • anonimo

    TONINO LED,HAI RAGIONE, MA QUELLO CGHE DICI NON INTERESSA AL SINDACO. IN UN MOMENTO DI DIFFICOLTà POLITICA DEVO TROVARE UNO SLANCIO POLITICO E LA QUESTIONE DELL OSPEDALE à L UNICA.


  • armero

    Incredibile bravo Sindaco, sembra quasi tu abbia letto un mio commento di qualche tempo fa che diceva a proposito delle vicende asl :Sindaco vai avanti vai scontro lo sai bene che è una questione tutta politica.
    Incredibile, allora Sindaco vai avanti perchè lo sai bene che non è Elena Gentile (che hai fatto ad attaccare) ad aver fatto chiudere a Manfredonia reparti come, forse il reperto più bello che deve avere un’ ospedale “la nascita” . Lo sai bene come lo so io cosa conta sullo scacchiere regionale quali siano i pesi e contropesi storie vecchie più vecchie di Elena Gentile di politici “foggiani” cosa hanno combinato nell’antica arte del baratto. ORA CHIEDI SOLIDARIETA’ sulle tue posizioni A TUTTI GLI ATTORI POLITICI DI MANFREDONIA SUBITO chi non te la darà ti darà l’ennesima conferma di quanto inizi a puzzare questo baratto.
    Vai Sindaco.
    P.S. mi dispiace per i comuni lettori non poter essere più chiaro a certi livelli i soldi per gli avvocati costano assai, se non avete capito rileggete più volte.


  • tonino led

    NON LASCIAMOLO SOLO AD ANDARE AVANTI, DOVREMMO UNIRCI TUTTI QUANTI, A PRESCINDERE DAL COLORE POLITICO,PERCHE’ UN PO’ ALLA VOLTA, STANNO CREANDO LA STRADA DI CHIUSURA, SPERIAMO CHE MI SBAGLI.


  • Nicoletta

    @ Vincenzo G

    L’assessore comunale Zingariello sai perchè è sempre al telefono?
    —tanto — paghiamo noi…

    Leggiti l’articolo “Spese telefonia cellulare, 34mila euro nel 2013 per il Comune”
    al link:

    https://www.statoquotidiano.it/21/02/2013/spese-telefonia-cellulare-34mila-euro-nel-2013-per-il-comune/128885/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This