Manfredonia
"Capisco che hai a cura le tue attività e le altre cose". "Si informi di quello che faccio io e qual è la mia attività, che non c’entra assolutamente niente"

Manfredonia, ok regolamento gestione rifiuti urbani e assimilati. “Scontro” D’Ambrosio – Ritucci

Atto in allegato


Di:

Manfredonia, 08 agosto 2017. NEL corso della seduta del 26.07.2017, il Consiglio comunale di Manfredonia ha approvato il Regolamento comunale per la Gestione dei Rifiuti Urbani ed Assimilati parte integrante e sostanziale alla presente deliberazione.

“Per quanto non disciplinato dal regolamento – è scritto nell’atto in allegato – continuano ad applicarsi le vigenti disposizioni di legge in materia ambientale e, in particolare, sulla gestione dei rifiuti”.

ATTO INTEGRALE – IL REGOLAMENTO (e tutti gli interventi integrali dei consiglieri comunali, del presidente del consiglio comunale e dell’assessore al ramo)
n036 del 26072017

L’approvazione è stata preceduta da uno “scontro” verbale – durante i rispettivi interventi – tra i consiglieri Massimiliano Ritucci (Movimento 5 Stelle) e Damiano D’Ambrosio (capogruppo del Partito Democratico).

“Ritengo che con l’approvazione di questo regolamento, così come ci viene proposto, – ha esordito il consigliere Ritucci – andremmo a firmarvi (rivolto alla Maggioranza,ndr) un ulteriore assegno in bianco”. “Perché? (..) passando al ritiro dei rifiuti prodotti anche da utenze non domestiche con il servizio porta a porta effettivamente i passaggi – per esempio per il cartone, per la plastica a determinate attività – non basta farli solo il giorno stabilito (..) ma servirà farlo più volte e quindi ci sarà bisogno di più passaggi. Questo poi serve a giustificare un futuro nuovo contratto che l’ASE dovrà sottoscrivere (..) con le utenze non domestiche per farsi riconoscere un ulteriore costo per il servizio. Ritengo che questo sia un modo per tassare ulteriormente le utenze
non domestiche. (..) Dal mio punto di vista dobbiamo cominciare innanzitutto a comprendere se vogliamo passare alla tariffa puntuale o vogliamo continuare a tassare le utenze non domestiche sulla base dei metri quadri. Perché tutte e due le cose secondo me sono incompatibili”.

In seguito, tra gli altri, gli interventi dei consiglieri Cristiano Romani (Forza Italia) e Italo Magno (Manfredonia che funziona): “Abbiamo la necessità di chiudere tutto il ciclo per quanto riguarda questa benedetta differenziata e porta a porta”, ha detto il capogruppo consiliare di Forza Italia. “Quando dico ciclo non intendo il ciclo produttivo, intendo quella serie di step che deve fare la nostra azienda per poter poi arrivare al sogno di abbassare la tassa rifiuti. E come si arriva? Si arriva con la differenziata, il porta a porta, i mastelli, una approvazione del Regolamento che disciplini proprio questo settore. E io parto dal presupposto che quando le cose sono disciplinate ben vengano. (..) il Regolamento per me oggi in linea di massima potrebbe andare… per Forza Italia potrebbe anche andare bene. Ma va bene perché poi noi ci rivedremo in aula per vedere se poi raggiungeremo la performance (..)”.

Dunque l’intervento di Magno che si è associato “con le stesse motivazioni a quanto espresso dal consigliere Romani”.

Infine un nuovo intervento di Ritucci “(..) La legge nazionale già prevedeva gli sgravi sia per chi produceva rifiuti speciali non assimilabili e sia per chi produce rifiuti speciali assimilabili.
Quindi il nostro regolamento attualmente è carente da questo punto di vista. Non è previsto proprio l’aspetto degli sgravi per chi produce rifiuti speciali assimilabili e provvede allo smaltimento
privatamente, cioè senza passare per ASE. Ci sono già aziende che producono carta, cartone, plastica, vetro e non conferiscono questa roba ad ASE, ma la conferiscono per esempio a Spagnuolo.
Già c’è. Però non ottengono nessun tipo di sgravio nonostante non si servono del servizio che dà ASE. E questo è sbagliato. Cioè non è che deve arrivare questo Regolamento per prevedere nel
regolamento TARI che debbano essere fatti degli sgravi per chi conferisce questi rifiuti speciali presso società private. Quindi non ritengo che sia consequenziale, ma è il contrario. Doveva già
esserci questo aspetto. Per questi motivi noi voteremo contro questo Regolamento”.

UN MOMENTO DI UN RECENTE CONSIGLIO COMUNALE A MANFREDONIA (14.03.2017)

UN MOMENTO DI UN RECENTE CONSIGLIO COMUNALE A MANFREDONIA (14.03.2017)

Segue la precisazione del consigliere Alfredo De Luca “(..) innanzitutto ASE non fa utili ma è sul mercato, per cui è sicuramente un concorrente importante anche con i privati. Cioè vuol dire che non dovendo fare un utile di impresa ovviamente dovrebbe avere ovviamente costi sicuramente più bassi per tutti quanti, di concorrenza rispetto ai privati. La determinazione di un costo, eventuale costo, dipende da tante cose: dal borsino di quei prodotti. Perché sapete che c’è la borsa merci anche per i rifiuti. E la stessa cosa anche per quello che riguarda eventuali prodotti diversi. Per cui non può essere mai stabilito un costo di questo genere, perché dipende ovviamente da queste cose. E soprattutto non può essere inserito in un Regolamento. Questi sono dati che vengono fatti ovviamente dal mercato e dall’attività dell’impresa, e non dal Consiglio Comunale che va a definire quanto per ciascuna… L’aspetto tariffario non la facciamo in nessuna cosa noi Consiglio Comunale, che spesso demandiamo alla Giunta la determinazione di alcuni costi, figurati se possiamo andare a determinare i costi della raccolta per quello che riguarda i rifiuti specifici che superano quello che sono il quantitativo, eccetera, degli assimilati”.

Dunque l’intervento del capogruppo Pd Damiano D’Ambrosio “(…) invito in questa occasione, in questa circostanza, l’assessore all’ambiente, ma tutta l’Amministrazione, ad accelerare nel più breve tempo possibile la messa in opera dell’impianto di selezione, che potrebbe essere per noi un aspetto fondamentale per completare il ciclo dei rifiuti (..) Altro argomento è invece la questione delle tariffe, che non mi sembra assolutamente pertinente, consigliere Ritucci. Capisco che hai a cura le tue attività e le altre cose, ma non è assolutamente pertinente su questo regolamento la questione delle tariffe del ciclo dei rifiuti. Per queste motivazioni annuncio il voto favorevole del gruppo del Partito Democratico. Grazie”.

In aggiunta l’intervento del presidente del consiglio comunale, Antonio Prencipe (pd) “Consigliere Ritucci, in questo Consiglio Comunale ci sono solamente consiglieri che fanno gli interessi della città. Lo dico io. Sono consiglieri comunali. Non ci sono attività. E siccome il riferimento è diretto, prego consigliere, ha il diritto di risposta”.

“Grazie Presidente”, ha replicato Ritucci. “Consigliere D’Ambrosio non le permetto di fare queste affermazioni. Lei non si deve proprio permettere. Innanzitutto si informi di quello che faccio io e qual è la mia attività, che non c’entra assolutamente niente con questo Regolamento. Perché io con la mia attività produco rifiuti speciali non assimilabili. Quindi è tutta un’altra cosa. E già provvedo a smaltire con dei contratti. È tutta un’altra cosa. La TARI la pago come tutti quanti gli altri. Quindi far passare il messaggio fuori che io faccio degli interventi su dei provvedimenti perché voglio trarne io del benefici, io non glielo permetto. Perché non sono così ingenuo da venire in Consiglio Comunale a fare una cosa del genere. Grazie”.

redazione stato quotidiano.it – riproduzione riservata

Manfredonia, ok regolamento gestione rifiuti urbani e assimilati. “Scontro” D’Ambrosio – Ritucci ultima modifica: 2017-08-08T20:08:44+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
13

Commenti


  • Benjamin

    D’Ambrosio, il “poderoso” capogruppo del PD, con il suo intervento HA DIMOSTRATO DI NON CONOSCERE LA DIFFERENZA FRA RIFIUTI SPECIALI ASSIMILABILI E RIFIUTI SPECIALI NON ASSIMILABILI.

    Questo è quello che avete votato.

    Questo è quello che la città si merita.

    …e intanto qualcuno sta abbandonando la nave che affonda…informatevi…


  • Mario

    avrei pagato per vederlo in video
    che figura di m… (Emilio Fede)


  • Roberto

    Nessuno ha colto il messaggio. Tra poco bisognerà far smaltire a PAGAMENTO i rifiuti speciali e ingombranti a Spagnuolo. Si inizierà con le attività commerciali per poi estendere per questo tipo di rifiuti anche a i privati.


  • socialismo o barbarie

    Imbarazzo, non posso che provare imbarazzo per le affermazioni del capogruppo del PD, imbarazzo misto ad un po’ di tenerezza e a tanta tristezza al pensiero che una persona, che parla a nome di un partito – erede del glorioso PCI – PDS – DS (formazioni politiche dele quali non ha mai avuto l’onore di farvi parte) – lanciando “strali” che nulla hanno a che fare con il provvedimento votato.


  • ciccillo


  • Disgustato dalla politica

    Nullafacenti della politica che,si credono i padroni di Manfredonia..


  • Franco

    Ritucci sindaco


  • svolta

    Il capitano del “Trabaccolo” sta per affondare…… e quindi sparire in fondo al mare.


  • un caffe al bar non si nega a nessuno

    Fa piacere che uno dei due “eletti” del M5S sta facendo opposizione
    tardi meglio che mai

  • PD: SCIAGURATI!!!!!!!


  • Lello

    D’Ambrosio ha pensato all’attività lavorativa di Ritucci, della sua ….


  • Sipontino indignato

    Commissario Prefettizio!


  • E io pago

    I nulla facenti del PD, che cosa aspettarsi da questi parassiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This