Manfredonia
"Ci chiediamo se la gravità della situazione sia chiara anche ai cittadini di Manfredonia"

M5S Manfredonia “Riccardi inchiodato dalla Corte dei Conti”

"Siamo curiosi di vedere come il sindaco Riccardi, con la sua Corte dei Miracoli, mistificherà anche questa innegabile e disgraziata realtà"


Di:

Manfredonia, 08 ottobre 2018. ”Siamo giunti al “Redde Rationem”. Le malefatte dell’Amministrazione Riccardi sono chiare, ormai, anche alla Corte dei Conti. Ci chiediamo, però, se la gravità della situazione sia chiara anche ai cittadini di Manfredonia. Se essi hanno compreso l’enorme mole debitoria in cui questo spregiudicato sindaco, spalleggiato da pàvidi assessori e consiglieri, ha sprofondato la città che dice di amare, ma che ha sfregiato con la sua mancanza di scrupoli.

Adesso c’è la conferma che le estenuanti, quanto degradanti, trattative fra il sindaco Riccardi, assessori uscenti e consiglieri ambiziosi, non erano finalizzate a mantenere una guida della città con senso di responsabilità, ma alla conservazione di poltrone ad ogni costo.

Perché solo la mancata considerazione della realtà ed il distacco dai problemi della cittadinanza, poteva portare Riccardi, insieme ad un manipolo di consiglieri ed inconcludenti aspiranti amministratori, ad ignorare l’inevitabile che, alla fine, è arrivato con la delibera della Corte dei Conti n.134/PRSP/2018.

Adesso mettetevi comodi, perché vi spieghiamo tecnicamente il documento che inchioda Angelo Riccardi, e tutti coloro che incoscientemente lo hanno spalleggiato, alle sue gravissime responsabilità.

Questo documento, quindi, si riferisce al secondo monitoraggio (1° semestre 2018) del velletario Piano di Rientro, presentato dal Comune di Manfredonia – approvato dalla Corte dei Conti con pronuncia n.120/PRSP/2017 – che aveva la presunzione di sanare la gravissima carenza di liquidità, ad oggi fortemente peggiorata.

Tale delibera, che stronca e certifica la palese incapacità dei nostri amministratori –  evidenziando la colpevole collusione dei consiglieri che, per ignoranza (nel migliore dei casi) o malafede (nel peggiore), hanno sostenuto la sciagurata azione del sindaco Riccardi – farebbe vergognare chiunque abbia un briciolo di dignità, per i disastri causati dall’ Amministrazione alle casse comunali, con conseguenze per la collettività molto serie.

Il contenuto della delibera in esame indica che, al 26 giugno 2017 – data in cui il Comune di Manfredonia, con delibera di n. 29 del Consiglio Comunale, approvava il piano di rientro triennale richiesto dalla corte dei conti con deliberazione n.57/PRSP/2017 – il TOTALE FABBISOGNO DI LIQUIDITA’ risultava essere di € 11.010.592,46 e comprendeva le seguenti voci:

  • Utilizzo di anticipazioni di tesoreria non restituite
  • Somme vincolate da ricostruire
  • Debiti Fuori Bilancio
  • Debiti di Bilancio

ATTENZIONE:

Già con la Pronuncia n.25/PRSP/2018 della Corte dei Conti,  riferita al primo monitoraggio (2° semestre 2017), la situazione di cassa del Comune di Manfredonia risultava sensibilmente peggiore rispetto a quella iniziale e a quella prevista dal piano di rientro, raggiungendo una carenza di liquidità pari a € 11.227.975,26 anziché i previsti € 9.264.200,16  – per una differenza, in negativo rispetto alle previsioni del piano, di €1.963.775,10  (un peggioramento del 21,20% rispetto alle previsioni).

MA, LEGGETE BENE:

Dati in allegato

I dati di cassa riportati nella delibera n.134/PRSP/2018, riferita al secondo monitoraggio (1° semestre 2018), sono ancora più sconcertanti e confermano un trend negativo. Come si evince dalla seguente tabella, contenuta nel documento della Corte dei Conti, che schematizza il trend negativo dalla richiesta (n.57/PRSP/2017) del Piano di Rientro della Corte dei Conti ad oggi:

La carenza di liquidità totale al termine del semestre è pari a € 13.578.638,09 (un peggioramento del 20,94% rispetto al semestre precedente che, come suindicato, era già peggiorativo del 21,20%) ma, il disastro si rivela in tutta la sua drammaticità quando si considera che, rispetto alle previsioni del piano di rientro riferite allo stesso periodo (€ 7.267.590,06), si è registrato un mancato rientro di liquidità di € 6.311.048,03 – cioè un peggioramento dell’86,84% rispetto alle previsioni).

Questo è un quadro apocalittico, ma reale, che non considera l’indebitamento da mutui e anticipazioni di liquidità ottenute (costi per interessi passivi maturati).

Infatti, la presenza di ingenti debiti da pagare, determinerà un ulteriore peggioramento dei tempi di pagamento e comporterà, quasi certamente, un incremento del rischio di azioni legali, da parte dei creditori, nei confronti dell’Ente, con conseguente aggravio di spese.

 

Da ultimo, sono state confermate le criticità relative alla società partecipata Gestione Tributi.

I revisori, infatti, hanno ribadito quanto già segnalato in precedenza, ossia che il contratto di servizio è scaduto il 9 dicembre 2016 ed è stato oggetto di diverse proroghe (peraltro solo fino al 31 ottobre 2017).

La suddetta società, quindi, ha continuato a svolgere il servizio di riscossione in assenza di FORMALE INVESTITURA, riscuotendo un aggio che, in assenza d’impegno di spesa, rappresenta un debito fuori bilancio.

Perciò – oltre che al Sindaco, al Presidente del Consiglio Comunale e all’Organo di Revisione del Comune di Manfredonia – la Corte dei Conti ha inoltrato copia della presente pronuncia:

 

– all’ANAC, riguardo al contratto di servizio con la società partecipata Gestione Tributi per la riscossione delle entrate tributarie e patrimoniali;

– alla Procura Contabile, in riferimento alla possibile presenza di diverse somme non più riscuotibili perché prescritte e alla riscossione dell’aggio da parte della società, per il periodo non coperto dalla proroga contrattuale;

– alla Ragioneria generale dello Stato per quanto previsto dall’art.148 del D.Lgs: n.267/2000 (Controlli esterni da parte del Ministero dell’Economia e della Finanza, sulla regolarità della gestione amministrativo-contabile, ai sensi dell’art.14 comma1 lettera d della legge n. 196 del 31 dicembre 2009).

Questi dati mostrano, inequivocabilmente, che l’obiettivo previsto appare molto lontano, in quanto la situazione di cassa risulta sensibilmente peggiore di quella attesa.

Gli stessi Revisori dei Conti e la Dirigente del servizio Finanziario dell’ente, dott.ssa Maricarmen Distante, hanno chiaramente affermato che è “assolutamente problematico ed improbabile il raggiungimento degli obiettivi fissati dal piano di rientro triennale” ma, nonostante la Corte dei Conti abbia, continuamente, sollecitato l’apporto di misure correttive al Piano di Rientro, l’Amministrazione finora non ha provveduto, mostrando una spregevole indifferenza.

D’altronde cosa si pretende da costoro?

Fin quando si continueranno a portare in equilibrio i Bilanci utilizzando entrate inesistenti per coprire spese certe, non solo non si ridurrà la carenza di liquidità ma, addirittura, tale carenza continuerà ad aumentare, come già accaduto e dimostrato nei primi due monitoraggi semestrali.

A tal proposito, la Sezione di Controllo Regionale – ritenendo prioritario ed indispensabile evitare un ulteriore aggravarsi della situazione finanziaria del Comune di Manfredonia -precisa che l’accertamento del mancato rispetto degli obiettivi fissati del piano di rientro per la fine dell’esercizio del 2018, attestando il perdurare dell’inadempimento dell’ente rispetto agli obblighi assunti, potrà determinare l’applicazione delle misure previste dall’art. 6, comma 2, del D.Lgs. n.149/2011 (c.d. dissesto guidato).

E’ IMPORTANTE RICORDARE CHE:

L’omesso o tardivo ricorso alla procedura di riequilibrio finanziario, oppure alla dichiarazione di dissesto eventualmente dovuti, può arrecare ulteriore DETRIMENTO allo stato economico finanziario di un ente già gravemente compromesso, sia per il rischio di una ulteriore involuzione della situazione, sia per l’impossibilità di avvalersi delle numerose agevolazioni offerte in merito, dal D.Lgs.267/2000.

Pertanto:

  • Vista l’incapacità ed irresponsabilità, oramai acclarata, degli attuali amministratori;
  • Visto il continuo ricorso ad operazioni contabili surreali ed illegittime;
  • Considerato il poco tempo a disposizione (solo circa 2 mesi e mezzo alla fine del 2018) – termine ultimo concesso nell’ultima delibera n.134/PRSP/2018 per ottemperare a quanto richiesto dalla stessa Sezione di Controllo Regionale della Corte dei Conti,

siamo ormai certi che questo sarà l’ultimo Natale che l’Amministrazione Riccardi bis, con l’intera coalizione di maggioranza, mangerà il panettone.

Non potrà più fare danni alla nostra meravigliosa città che, a breve, tornerà ad essere libera, nella speranza che tutti i cittadini terranno ben impressi i nomi di tutti i responsabili del disastro economico attuale che, lo ripeteremo fino allo sfinimento, ha portato  gravissime conseguenze per l’intera collettività.

Lo ricordino il giorno delle prossime amministrative dando loro il giusto ben servito.

Infine, siamo curiosi di vedere come il sindaco Riccardi, con la sua Corte dei Miracoli, mistificherà anche questa innegabile e disgraziata realtà.

Qualcuno dei suoi sodali, in un afflato coraggioso, potrebbe consigliargli di assumere un comportamento più dignitoso e dimettersi.

Concludiamo citando Luca (16,2), un versetto che la città dovrebbe far proprio:

Redde rationem villicationis tuae: iam enim non poteris villicare

“Rendimi conto della tua amministrazione, perché non potrai più amministrare””.

MOVIMENTO 5 STELLE MANFREDONIA

M5S Manfredonia “Riccardi inchiodato dalla Corte dei Conti” ultima modifica: 2018-10-08T10:43:06+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
27

Commenti


  • Mai più 5 stelle

    Vogliamo il cambiamento…
    Vogliamo gente che mantiene le promesse…
    Per l’esattezza Di Maio aveva promesso il dimezzamento dello stipendio dei parlamentari, a cominciare dal M5s e dal suo.
    Lo avete visto? Si, aspetta e spera.
    Però si è visto lo stipendio di Casalino (169 mila euro), della sua segretaria (72 mila euro), ecc.

    Falsi e bugiardi

    L’unica cosa positiva è che, visto che lavoro in nero, mi godrò il reddito di cittadinanza.


  • Aldo

    Quelli del Movimento 5 stelle continuano ad avvelenare i pozzi, senza rendersi conto conto che quell’acqua l’acqua devono berla tutti i cittadini, anche quelli che li hanno votati.

    Se ne accorgeranno a breve, quando arriveranno le prime vittime.


  • Lello

    Non ho capito come si faccia ad avvelenare pozzi prosciugati..più vittime di cosi….mah..debito cittadino semplicemente mostruoso, inefficienza acclarata in vari settori tipo la monnezza, tasse esosissime..peggio di cosi..


  • Francesco W M5S

    Più che un piano di rientro mi sembra un’emorragia incontrollata di denaro pubblico ….. quest’amministrazione ha avuto l’ardire di mettere a punto un piano di rientro triennale, ma conoscono almeno le quattro operazioni fondamentali della matematica? (Per non parlare del senso del pudore,del senso di responsabilità e del senso di consapevolezza e di colpa)

    Direi di noooooooo, allora???? COMMISSARIO PREFETTIZIO SUBITO.

    Complimenti ai consiglieri e al Movimento 5 Stelle di Manfredonia, continuate così !!!


  • stufo

    Commissario prefettizio!


  • ilproletario

    Con una situazione catastrofica del genere, chi sarà il fesso che si farà eleggere a nuovo amministratore, alle prossime eventuali elezioni?????
    Io credo che nessuno, sano di mente, stante così le cose, si metta in mezzo a dire “votate per me” perché dovrà chiarire come farà a risanare le finanze comunali e secondo me, ci vorrebbe qualcuno ricco e fesso: ma se è fesso è povero come me, se ricco non è fesso!!!


  • antonio

    meno male che non c’è piu berlusconi altrimenti si continuava a dare la colpa a lui dei guai di Manfredonia. Smettetela di parare il c. ai colpevoli del dissesto finanziario di Manfredonia quando ormai è evidente altrimenti la corte dei conti a che serve!!!!!!!!! non si può coprire una colpa sparando su altre colpe e problemi.
    a scuola chi fa un compito sbagliato e prende un brutto voto non si giustifica dicendo che la colpa è dei compagni di classe ed una volta veniva bocciato se prendeva sempre brutti voti


  • Alibaba uno dei quaranta ladroni

    Cari concittadini un vecchio detto, ancora d’attualità dice che non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire. Noi manfredoniani non vogliamo intendere e ban ci sta quello che ci sta capitando, abbiamo osannato l’attu sindaco e reggendolo a Salvatore della patria e continuiamo a difenderlo quando non c’è più nulla di difendibile. Angelo Riccardi saprà essere sta un discreto presidente di società calcistica ma nulla ha a che vedere con l’amministrare una Cittadina dove non occorre fortuna ma qualità amministrative che, sicuramente, non appartengono a questo sindaco. Occorrerebbe fermarlo in tempo prima che continui, col beneplacito di “ questi assessoruncoli e demenziali consiglieri” a far sprofondare la nostra cittadina ancora di più nel baratro. Il prossimo sindaco avrà grossi problemi, il PD in questo è maestro “prima crea i disastri e poi li passa agli altri” ma questa volta non mi fregate perché io voterò ( tappandomi il naso ). PD e speriamo che altri mi seguano in modo che i registri al tribunale per fallimento ricada su questi scellerati.


  • AT

    Andate a lavorare fannulloni. Fate un bell’articolo su Roma e dove governate, inetti


  • Achille ex elettore 5 stelle

    Aumento dei numeri delle riscossioni per avere capacità di spesa……… Non è quello che stanno facendo salvini e i 5 stelle al governo con il condom pace fiscale?


  • Mamma mia!

    Ma un comunicato leggibile potete proporlo una volta tanto?
    I temi sono importanti fate capire agli ignoranti


  • Gil

    Ma perchè Angelo Riccardi si ostina a tenere come Dirigente di Ragioneria la Distante?


  • Santiago nadar

    Carissimi Gianni e Pinotto,voi chiedete il rendiconto al sindaco ma sapete che siete pur essendo all ‘opposizione parte integrante di quell’assise?Fiore ,carissimo lei invece deve rendere conto del disastro del mercato ittico che con la chiusura ha lasciato orfana la categoria dei pescatori ed ha lasciato senza lavoro una quindicina di famiglie che lavoravano e si sostenevano grazie alla struttura ittica,non tutti sanno che lei carissimo avvocato faceva parte anzi,era il presidente delle commissione mercato.La chiusura non ti ha scalfito mentre,ha differenza tua il signor sindaco si sta adoperando da mesi per cercare di dare ai pescatori un punto di riferimento del prezzo delle specie ittiche inoltre sta facendo di tutto per ricollocare la gente che vi lavorava ed ha perso il lavoro.Fatti devi fare i fatti le chiacchiere lasciano il tempo che trovano,io ti farei dare risposte alla corte dei conti in merito a tutto ciò che hai provocato alla categoria dei pescatori di Manfredonia.


  • anonima

    Fiore finiscila siete affatto credibili.Ringraziate Angelo Riccardi L’amministrzione Campo vi avrebbe preso a calci nel sedere.


  • Francesco

    E mai possibile fare debiti senza pagare Delle malefatte , ecco perché in Italia non paga mai nessuno.


  • Bufalara Nuova

    Noi bufalari siamo persone ignorante…se scrivete troppo difficile non capiamo.

    Noi sappiamo fare solo mi piace e condividere bufale su facebook.

    L’articolo noi gnoranti non lo capisciamo proprio.


  • Piddiota

    Dove mette le mani il Partito Democratico lascia solo macerie e disastri. Vergognatevi. ci avete riempito di tasse , debiti, rifiuti e scarafaggi.


  • Linus

    Andate a lavorare come ho fatto io da 50 anni e pago tasse da 50 anni. E non mi dite che non trovate lavoro. Lo dicevano 50 anni fa anche i miei coetanei….ma già sapevano come …fottere lo stato. Che in fondo siamo noi tassati. Quindi considerato che ogni tipo di lavoro…onesto nobilita l’uomo….iet a fatie ‘ brutte zecche.


  • Manfredonia= Calcutta 1800 +_Napoli 1943

    Manfredonia è inguardabile, non mi meraviglio se scoppiasse il colera. A parte monnezza merda e piscio si vende sui marciapiedi come avveniva a Calcutta nel 1800 e senza che le autorità controllano e reprimono.


  • Pasquino

    Egregi consiglieri comunali pentastellati, non solo l’attuale amministrazione mangerà il panettone ma anche la colomba, considerando i tempi biblici della pubblica amministrazione. Difatti la Sezione di Controllo Regionale “potrà determinare l’applicazione dell’art. 6, comma 2, della legge 141\2011”. Quel “potrà” che mi lascia dubbioso perché, a fronte del mancato rispetto del piano di rientro e, continuando imperterriti a peggiorare la situazione contabile, onde evitare ulteriori aggravio di imposte e tasse sui cittadini, doveva esserci un “dovrà” oppure un “deve” Spero che quanto prima venga invitato il consiglio comunale a deliberare il dissesto. L’attesa non vorrei fosse lunga.


  • Le bufalate di pinocchio

    Le bufalate di pinocchio, ormai la corte dei conti ha sentenziato sulla gestione colpevole ed incapace di questo sindaco, siamo alla vergogna nera, ma state tranquilli che adesso diranno che” è tutto appost”😂😂😂😂😂
    Bufoloni e bufaline di palazzo, datevi da fare a scrivere fake news in difesa
    dell’indifendibile pinocchio😂😂😂.


  • Vale

    X piddiota invece dove mette le mani il movimento lascia buche, spelacchi, affari illeciti, male parentele, srl che gestiscono marchi politici come se fossero mozzarelle, prossimi deficit pubblici e tanto altro ancora…… A dimenticavo, alleanze con salvini che oggi con la le Pen ha tirato fuori quel suo orgoglio nordico e di destra che a noi meridionali che ripariamo le strade con i soldi della Ue ci piace tanto….


  • Il governo degli asini

    “Tutto è relativo: chi dice che 2+2 fa 4 è un arrogante, mentre chi dice che fa 5 è un coraggioso pensatore contro la lobby delle calcolatrici.
    In realtà non è così, chi dice che fa 5 è un somaro”


  • kalip

    xcaro sandiago lei non sa cosa combinavano quelle quindici famiglie nel mercato…
    ti dico solo questo che si sono arrichite …


  • Elettore sipontino

    Cari 5 stelle, come mai alle luce di tante denunce non invitate a Palazzo dei Celestini Di Maio e gli altri, cosi come successe nel passato quando venne Di Maio a ha sfidare il mostrogas? Temo che a Maggio avrete una batosta mentre il PD sparirà una volta x sempre il tutto a favore della lega di Salvini che al di là dei sondaggi ufficiali naviga attorno al 77/80% di preferenze. Ci ho votatobperche schifato dal PD ma a Maggio potrei votare Lega.Fate venire Di Maio e Conte a liberarci dai mostri sipontini. Grazie


  • Pescatore

    Di pidocchi si sono arricchite,che -dici .


  • M.LaTorre

    X calip e secondo te se si sono arricchite non va bene? Hanno lavorato senza guardare l orologio di notte di mattina e di pomeriggio e a te se si sono arricchite ti fa.male a qualche parte? Fai il serio e ti consiglio di non farti sentire troppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This