Cronaca

Adelfia, le sirene dei Cc salvano nigeriana dal linciaggio


Di:

Nigeriano-arrestatodaCc

Nigeriano-arrestatodaCc

Adelfia – IERI pomeriggio i Carabinieri della Stazione di Adelfia hanno tratto in arresto un 27enne nigeriano, domiciliato in quel centro, accusato di lesioni personali e sfruttamento della prostituzione nei confronti di una giovane connazionale 23enne, salvata in extremis grazie ad una telefonata al “112”. I militari, attivati da una richiesta telefonica effettuata da alcuni passanti allarmati alla vista di un extracomunitario che stava colpendo con calci e pugni una connazionale, si sono precipitati in via Forno Vecchio giungendo giusto in tempo per bloccare, dopo un breve inseguimento a piedi, un giovane che alla vista dei carabinieri si era dato alla fuga. I successivi accertamenti hanno consentito di appurare che alla base dell’aggressione c’era il mancato pagamento da parte della donna dei 300 euro mensili dovuti al 27enne per poter esercitare l’attività di meretricio lungo la s.p. Adelfia-Sannicandro. Tratto in arresto il nigeriano è stato associato presso la casa circondariale di Bari.

Adelfia, le sirene dei Cc salvano nigeriana dal linciaggio ultima modifica: 2010-01-09T12:34:26+00:00 da Girolamo Romussi



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This