Eventi

Foggia, prima domenica ecologica dedicata al Bike sharing


Di:

Bike sharing a Viale Telesforo, ecco le bici (foto: la Voce di Foggia)

Foggia – LINK Kollettivo e i Cicloamici Foggia FIAB intendono dedicare la prima domenica ecologica dell’anno prevista per il 15 Gennaio alla scoperta del bike sharing, facendo tappa presso le 12 postazioni e le decine di rastrelliere installate in città. Lo stesso giorno, le due associazioni lanceranno anche un altro ottimo servizio, purtroppo completamente eclissato: la Regione Puglia ha donato oltre 143 Bicilette all’Unifg che dovrà assegnarle agli Studenti, il bando, salvo proroghe, scadrà il 20 Gennaio.

Nel corso della giornata, sarà possibile iscriversi al servizio di Bike sharing (in via del tutto eccezionale), alla presenza del funzionario della Provincia (snellendo coì la pratica per il conseguimento della chiave) e compilare l’apposito modulo per l’assegnazione delle bici all’Università che il Link Kollettivo farà pervenire all’Ateneo.

“Con questa iniziativa – annunciano Link e Cicloamici – vorremo tacciare i soliti Professionisti del Disfattismo, onnipresenti protagonisti dietro le quinte e MAI pervenuti al momento di sporcarsi le mani per migliorare la città, ma non solo: noi riteniamo che sia giunto il momento da parte dei cittadini stessi di difendere il bike sharing dai primi atti vandalici già perpetrati a danno delle bici e di rilanciare questo utilissimo strumento capace di migliorare la viabilità, di abbattere le emissioni di CO2 e di far risparmiare un sacco di € (es. benzina, parcheggi, manutenzione auto, etc.)”.

Redazione Stato@riproduzione riservata

Foggia, prima domenica ecologica dedicata al Bike sharing ultima modifica: 2012-01-09T18:36:46+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Città del sole

    La Regione Puglia ha regalato una ciclofficina alle Università di Bari e del Salento. Adesso veniamo penalizzati anche sulle infrastrutture verdi? Non sarebbe una novità, visto che la Manfredonia-Zapponeta (che attraversa una zona SIC-ZPS) è stata rifatta senza piazzole di sosta panoramiche né piste ciclabili in barba alla legge regionale per la promozione della ciclabilità e al nuovo codice della strada. Sveglia, se non siamo in grado di assaltare il cielo, non dovremmo nemmeno accettare i contentini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This