Edizione n° 5374

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

PROCESSO Strage di Erba: ammesso ricorso di Olindo Romano e Rosa Bazzi, condannati all’ergastolo

Udienza il primo marzo a Brescia. Il Pg: "Enorme soddisfazione"

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
9 Gennaio 2024
Cronaca // L'inchiesta //

BRESCIA – La Corte d’Appello di Brescia ha ammesso il ricorso di Olindo Romano e Rosa Bazzi, condannati all’ergastolo per la strage di Erba, fissando al 1 marzo l’udienza al termine della quale i giudici decideranno sull’istanza di revisione presentata dalle difese dei due coniugi e dal sostituto pg di Milano.

La Corte ha citato le parti civili e anche il procuratore generale di Milano, nella persona del sostituto pg Cuno Tarfusser.

I giudici valuteranno, all’esito della discussione tra le parti, se rigettare le istanze oppure accogliere le nuove prove proposte dagli avvocati Fabio Schembri e Nico D’Ascolo per Olindo Romano e Luisa Bordeaux e Patrizia Morello per Rosa Bazzi e disporre la revisione del processo.

Nella strage dell’11 dicembre del 2006 furono uccisi Raffaella Castagna, suo figlio Youssef, di poco più più di due anni, la madre di Raffaella, Paola Galli e una loro vicina di casa, Valeria Cherubini.

Si salvò soltanto, anche se gravemente ferito, il marito della Cherubini, Mario Frigerio che morì alcuni anni dopo e che fu testimone chiave nel processo riconoscendo Olindo Romano come il suo aggressore.

Olindo Romano e Rosa Bazzi confessarono la strage per poi ritrattare ma furono condannati definitivamente all’ergastolo.

Fonte: corriere

I legali coniugi Romano, ‘Ora il gioco è riaperto

Per Fabio Schembri, che con il collega Nico D’Ascola difende Olindo Romano, “è una grande soddisfazione aver riaperto i giochi” sulla sorte di Olindo e della moglie Rosa Bazzi condannati all’ergastolo per la strage di Erba delll’11 dicembre del 2006.

Così ha commentato la decisione della Corte d’appello di Brescia di discutere l’istanza di revisione della sentenza per l’ex netturbino e la moglie (difesa dalle avvocatesse Luisa Bordeaux e Patrizia Morello). “La nostra vera soddisfazione, però – ha aggiunto il legale – è se arriverà un proscioglimento, chiesto sula scorta delle prove nuove”.

La difesa punta su nuovi testimoni e consulenze

Vi sono alcuni nuovi testimoni e una serie corposa di consulenze alla base della richiesta di revisione della sentenza che ha condannato definitivamente Olindo Romano e Rosa Bazzi per la strage di Erba (quattro morti e un ferito grave l’11 dicembre del 2006).

Uno di questi, “mai sentito all’epoca dei fatti” per i difensori della coppia, è un uomo che abitava nella casa della strage, legato ad Azouz Marzouk, marito di Raffaella Campagna, una delle quattro vittime.

L’uomo aveva riferito di una faida con un gruppo rivale, nella quale anche lui è stato ferito con un’arma da taglio e aveva sostenuto che la casa della strage “era la base dello spaccio che veniva effettuato nella vicina piazza del mercato e il posto dove erano depositati gli incassi”.

Altro testimone citato dalla difesa è “un ex carabiniere che riferisce delle indagini e delle parte mancanti del 50% dei momenti topici delle intercettazioni”.

Le consulenze sostengono l’incompatibilità con la ricostruzione fatta dai coniugi – e poi ritrattata – della strage con quella emersa dalle indagini.

Un elaborato riguarda la testimonianza di Mario Frigerio, unico sopravvissuto alla strage, morto negli anni successivi, e diventato principale testimone dell’accusa che riconobbe Olindo in aula.

Una versione in dibattimento che, per i legali, contrasterebbe con quanto dichiarato da Frigerio nell’immediatezza, nel letto d’ospedale.

Anche la ricostruzione nelle sentenze della morte della moglie di Frigerio, Valeria Cherubini, contrasterebbe con quelle emerse
dalle loro consulenze.

Castagna, sulla strage non troveranno altra verità

Giuseppe Castagna, che nella strage di Erba ha perso madre, sorella e nipotino non è scosso dalla decisione dei giudici di Brescia di far discutere l’istanza di revisione della sentenza per Olindo Romano e Rosa Bazzi.

“Possono cercare in tutti i modi, ma non troveranno mai un’altra verità”, afferma. “Ogni volta che ci arrivavano notizie di iniziative della difesa o mediatiche provavamo dolore, ora è quasi noia: siamo stati anche attaccati personalmente”, aggiunge.

Fonti verificate: ANSA //

Lascia un commento

Un politico pensa alle prossime elezioni, un uomo di stato alle prossime generazioni. (James Freeman Clarke)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.