Edizione n° 5253

BALLON D'ESSAI

TRUFFA // Ferragni, casi Oreo e Dolci Preziosi: acquisiti nuovi documenti
21 Febbraio 2024 - ore  19:29

CALEMBOUR

CLANDESTINI // Salento, ha una relazione clandestina con la zia ma lei lo denuncia dopo essere stata lasciata: “Mi ha costretta”
21 Febbraio 2024 - ore  10:01
/ Edizione n° 5253

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

CORTEO Protesta trattori, marcia nel nord barese “Non ci seppellirete nella terra che coltiviamo”

"Anche noi giovani desideriamo un futuro", dichiarano gli agricoltori del nord Barese

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
9 Febbraio 2024
Economia // Focus //

Anche noi giovani desideriamo un futuro“, dichiarano gli agricoltori del nord Barese attraverso slogan come “Non ci seppellirete nella terra che coltiviamo” esposti su manifesti e cartelli affissi su mezzi agricoli, trattori e segnaletica stradale. La protesta, che ha presidiato gli svincoli stradali da San Ferdinando di Puglia verso Canosa, Barletta, Cerignola e Margherita di Savoia, è caratterizzata da un tono pacifico, con l’intento di rallentare il traffico senza bloccarlo.

Nicola Calefato, uno dei manifestanti, spiega che nonostante San Ferdinando sia un luogo agricolo prospero, le privazioni subite minacciano di far precipitare la comunità in una crisi. Giuseppe Memeo aggiunge che la mobilitazione mira a ottenere un accordo per consentire loro di lavorare con la stessa dignità dei loro predecessori.

I motivi della protesta includono l’aumento dei costi di gestione, l’assenza di sgravi fiscali sul gasolio, la mancanza di monitoraggio sui prezzi di vendita, l’importazione ingiusta di prodotti agricoli coltivati con pesticidi vietati in Italia, la scarsa manutenzione degli impianti di irrigazione, la carenza di strategie di marketing e promozione, oltre alla richiesta di detassazione di Iperf e Imu nell’agricoltura.

Giuseppe Memeo sottolinea l’esigenza di eliminare l’IVA su alcuni prodotti primari e critica l’insostenibilità economica e ambientale derivante dall’attivazione della nuova Politica Agricola Comune (PAC). I manifestanti hanno annunciato la loro intenzione di rimanere sul posto fino a quando non si instaurerà un dialogo costruttivo finalizzato a trovare una soluzione condivisa. Una delegazione di agricoltori a bordo di una ventina di trattori si è diretta verso la Prefettura di Barletta per essere ricevuta e discutere delle loro richieste.

Lo riporta l’Ansa.

Lascia un commento

“Quando hai lasciato il sistema e hai preso il premio, i combattimenti sono finiti e i cacciatori si sono sciolti. Sai com’è. Sono mercenari. Non sono fanatici.” Carl Weathers (Greef Karga)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.