Edizione n° 5348

BALLON D'ESSAI

ANDREA // Tacconi: “Devo operarmi di nuovo, il mio calvario non è finito. Lapo Elkann? È sparito”
26 Maggio 2024 - ore  11:17

CALEMBOUR

PATOLOGIA // Morto Paolo Spada, il medico delle “Pillole di ottimismo” durante il Covid
25 Maggio 2024 - ore  17:59

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

ECOMOMIA Bollo auto: Fratelli d’Italia presenta proposta di legge per riduzione tariffaria crescente

Questo l’obiettivo della proposta di legge che il gruppo consiliare di Fratelli d’Italia in Regione Puglia ha presentato questa mattina

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
9 Aprile 2024
Cronaca // Cronaca //

FOGGIA – Riduzione degli importi dovuti a titolo di tassa automobilistica regionale per i contribuenti che effettuano il pagamento entro i termini previsti.

Questo l’obiettivo della proposta di legge che il gruppo consiliare di Fratelli d’Italia in Regione Puglia ha presentato questa mattina nel corso di una conferenza stampa a Bari a cui ha preso parte anche il presidente Aci Bari-Bat, Francesco Ranieri.

Necessario cambiare approccio nei confronti dei cittadini che onorano nei tempi prestabiliti quanto previsto dalla normativa ministeriale – commenta Michele Picaro, primo firmatario della pdl – attraverso l’introduzione del principio di premialità.

Ciò consentirà di avere un vantaggio sia per i contribuenti che per la Regione Puglia, poiché si otterrebbe un risparmio e conseguenti maggiori entrate in considerazione del fatto che i contribuenti sarebbero spinti a versare correttamente quanto dovuto, evitando procedure forzose che hanno dei costi tanto per l’amministrazione quanto per i cittadini colpiti dalle sanzioni”.

Nello specifico, la proposta di legge presentata dai consiglieri Michele Picaro, Francesco Ventola, Luigi Caroli, Giannicola De Leonardis, Antonio Gabellone e Renato Perrini prevede, per l’anno tributario 2024, una riduzione del 5% dei corrispondenti importi dovuti nell’anno tributario 2023; per l’anno tributario 2025, nella ulteriore misura del 2,5% dei corrispondenti importi vigenti nell’anno tributario 2024; per l’anno tributario 2026, nella ulteriore misura del 2,5% dei corrispondenti importi vigenti nell’anno tributario 2025.

Lascia un commento

“Il politico diventa uomo di stato quando inizia a pensare alle prossime generazioni invece che alle prossime elezioni.” Sir Winston Leonard Spencer Churchill

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.