Eventi

Un sorriso per l’Africa


Di:

Un sorriso per l'Africa, progetto (Stato)

Un sorriso per l'Africa, progetto (Stato)

Manfredonia – UN viaggio in Africa si è trasformato nel desiderio concreto di realizzare i sogni di un popolo che vive nel lontano Benin, un segno di rinascita e di speranza è l’associazione “Monica, un sorriso per l’Africa” che ha presentato di recente i diversi progetti alla base del piano al teatro comunale di Manfredonia. La Repubblica del Benin è uno stato dell’Africa Occidentale che confina con il Togo, la Nigeria, con il Burkina Faso e il Niger. L’economia del Benin è sottosviluppata e dipende dall’agricoltura di sussistenza, dalla coltivazione del cotone e dal commercio regionale. L’inflazione è stata tenuta sotto controllo negli ultimi anni con lo scopo di aumentare ulteriormente il tasso di crescita dell’economia. Il programma del 2001 riguardo alle privatizzazioni nei settori delle telecomunicazioni, acqua potabile, elettricità, e agricoltura è ancora in attuazione, nonostante le iniziali riluttanze del governo. Nel Benin vivono circa 40 gruppi etnici differenti, il maggiore è quello dei Fon che sono circa il 40% della popolazione. Proprio durante il viaggio compiuto da Rosa Russo, ora presidente dell’Associazione, nasce l’idea di realizzare una rete di aiuti per la popolazione che vive senza le risorse necessarie, come l’acqua potabile e l’elettricità. Padre Denis, sacerdote camilliano del Benin, crea i contatti necessari con la popolazione del posto, mentre la mamma di Monica Colicelli, aderisce all’iniziativa per portare avanti il sogno della sua amata figlia e cara amica di Rosa Russo, scomparsa prematuramente a causa di una malattia. Rosa Russo racconta: “ Un viaggio di condivisione, nato dalla volontà di realizzare i sogni del popolo africano, un sogno della mia cara amica Monica. Ci siamo autotassate per affrontare le spese del viaggio e per promuovere l’associazione”. In Africa è il sorriso dei bambini che ti accoglie, un sorriso che non tramonta tra le difficoltà e le asprezze della vita. Rosa ricorda di aver pianto di commozione, ma in Africa nessuno piange, come a voler significare che il dolore e la penuria non demoliscono la gioia di vivere. L’associazione, con la collaborazione dei Padri Camilliani, impegnati nel mondo della sanità, sta procedendo alla realizzazione di un gruppo elettrogeno per l’Ospedale “La Croix” di Zinviè. Numerosi i progetti che l’associazione si è prefissa, oltre alle 34 adozioni a distanza, nel villaggio di Kotopounga è in costruzione un centro femminile per l’educazione delle ragazze e la realizzazione di un centro per la trasformazione dei prodotti agricoli. Inoltre si prevede la creazione di un pozzo per l’acqua potabile, un bene che manca alla maggior parte della popolazione. Padre Denis presenta Il Progetto Omar, un commerciante che aveva la necessità di ingrandire il negozio, costretto a vendere la sua merce in pochi metri quadrati; il Progetto Bibianne, una sarta che non aveva gli strumenti per esercitare la sua professione, ora vedrà la costruzione di un laboratorio di sartoria; poi il Progetto Armelle, il sostegno per una studentessa universitaria che ha il padre gravemente ammalato e ha dovuto per un periodo interrompere gli studi.

Anche nella Repubblica del Togo (il nome “Togo” indicava un insediamento del popolo Ewe che si trovava sulle sponde del lago omonimo. In lingua ewe, to-go significa approssimativamente “andare all’acqua”) l’associazione si è impegnata per la realizzazione di un collegamento della Scuola Primaria Elementare alla rete elettrica. Padre Denis ci conferma che appena il sole tramonta, i bambini sono costretti a tornare a casa per la mancanza di energia elettrica, mentre sono partiti diversi progetti a sostegno di una famiglia di una bimba sordomuta, che presto imparerà il linguaggio dei segni per comunicare e il sostegno allo studio di un ragazzo universitario.Realizzare i sogni e sostenere le necessità di una fetta di umanità nel rispetto delle proprie tradizioni, della propria cultura, senza imporre il proprio sistema di vita, contribuire per rendere questo mondo più vivibile per tutti, alleviando il dolore anche con un semplice sorriso è lo scopo dell’associazione. Per chi fosse interessato a contattare l’associazione, è in viale Togliatti 39.

Un sorriso per l’Africa ultima modifica: 2010-05-09T23:13:09+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Share This