Edizione n° 5404

BALLON D'ESSAI

FOGGIANA // A Parma la più giovane laureata di sempre. E’ foggiana
21 Luglio 2024 - ore  13:02

CALEMBOUR

GIALLO // Bergamo: ripescato cadavere dal fiume Serio, sul torace tatuaggio con la scritta “family”
21 Luglio 2024 - ore  13:04

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

Sfratti: 77.200 nel 2014 (+5%), Uil: situazione drammatica

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
9 Luglio 2015
Economia //

Roma – I dati sui provvedimenti di sfratto emessi nel 2014 rappresentano per il Codacons una “vergogna nazionale”. I numeri forniti dalla Uil ci dicono che nel 2014 gli sfratti sono aumentati rispetto all’anno precedente, con una crescita del +5% – spiega l’associazione – Ciò significa che sulla questione dell’emergenza abitativa il Governo Renzi e l’ex Ministro delle infrastrutture Maurizio Lupi hanno saputo fare peggio dei loro predecessori, e che ora migliaia di famiglie, dopo la mini-proroga agli sfratti scaduta lo scorso 28 giugno, rischiano di finire in mezzo a una strada. “Da mesi denunciamo il problema degli sfratti in Italia, senza alcuna risposta da parte delle istituzioni – afferma il Presidente Carlo Rienzi – L’unico riscontro, e niente affatto rassicurante, è giunto da Confedilizia, secondo cui “solo” 2000 famiglie disagiate saranno coinvolte dal problema dopo la scadenza del 28 giugno”.

“Vogliamo capire come il Ministro Delrio intenda affrontare l’emergenza casa, dal momento che l’allarme riguarda famiglie bisognose che non possono essere abbandonate al loro destino” – conclude Carlo Rienzi.

Redazione Stato

Lascia un commento

“Ero dentro e fuori, contemporaneamente incantato e respinto dall’inesauribile varietà della vita.” FRANCIS SCOTT KEY FITZGERALD

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.