Edizione n° 5307
/ Edizione n° 5307

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

La peste nera in 2 uomini sepolti a San Leonardo di Siponto

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
9 Luglio 2021
Cultura // Manfredonia //

Manfredonia, 09/07/2021 – (eurekalert) Le tombe contenenti i resti di due uomini (di età compresa tra i 30 e i 45 anni) sono la prima prova dell’infezione da Yersinia pestis, il batterio responsabile della peste, nell’Italia meridionale del XIV secolo, secondo una nuova ricerca presentata al Congresso europeo di microbiologia clinica e malattie infettive (ECCMID).

 

“Il ritrovamento del DNA antico della peste dai denti di due adulti sepolti presso l’Abbazia di San Leonardo a Siponto è una scoperta di importanza nazionale, poiché è la prima relativa alla seconda pandemia di peste (morte nera) nel Sud Italia”, afferma Il dottor Donato Raele dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Puglia e Basilicata di Foggia, che ha guidato la ricerca.

 

“Eravamo molto sospettosi quando abbiamo portato alla luce monete del 14° secolo dai vestiti di una vittima e più nascoste in una borsa legata intorno alla vita dell’altra, il che suggerisce che i corpi non sono stati ispezionati per confermare la causa della morte”.

 

A metà del XIV secolo l’Europa fu devastata dalla peste nera, una grave pandemia di peste che spazzò via fino al 60% della popolazione. La peste raggiunse le coste della Sicilia nel 1347 e devastò grandi città e paesi dell’Italia settentrionale e centrale. Quando nell’inverno del 1348 si era conclusa la prima ondata di Morte Nera, era morto più di un terzo della popolazione italiana. Sebbene casi di peste nera siano riportati in diversi documenti storici, nessun luogo di sepoltura è stato sottoposto ad analisi del DNA nel sud Italia.

 

L’Abbazia di San Leonardo a Siponto (Puglia, Italia Meridionale) fu un importante centro religioso e medico durante il Medioevo dove commercianti e viaggiatori si fermavano per riposarsi e ritemprarsi. Fu crocevia per i pellegrini diretti lungo la Via Francigena al Santuario di Monte Sant’Angelo, e per i mercanti di passaggio nel porto di Manfredonia.

 

Le due tombe singole sono state scoperte durante uno scavo di una sezione del cimitero dell’Abbazia che veniva utilizzata per la sepoltura alla fine del XIII-inizio XIV secolo.  La prima vittima era un maschio (30-35 anni). Indossava una cintura con fibbia in ferro rettangolare con asta, trovata appiattita sul femore destro. Molto probabilmente legata a questa cintura c’era una piccola borsa che conteneva 12 denari (monete romane d’argento) trovati ancora accatastati sotto la sua gamba.

 

La seconda vittima era un maschio adulto (45 anni). Fu sepolto completamente vestito e aveva alcuni oggetti personali su di sé tra cui anelli di ferro e bronzo, uno con puntinatura e l’estremità di un merletto; e numerosi grani di materiale vetroso scuro nella mano sinistra che potrebbe essere un rosario.

 

L’uomo custodiva 99 monete Deniers tournois in lega provenienti dalla Grecia franca (ultimi decenni del XIII secolo – primo quarto del XIV secolo) e un Gigliato d’argento emesso a nome di Roberto d’Angiò (1309-1343), rinvenuti in pile, probabilmente all’interno borse nascoste in varie parti dei suoi vestiti.

 

Dato che la datazione della sepoltura e delle monete coincide con l’arrivo della Seconda Pandemia in Europa, gli esperti sospettavano che gli adulti potessero essere morti durante la Peste Nera o per altre malattie infettive allora prevalenti, come malaria, tubercolosi, o tifo epidemico e febbre di Malta (brucellosi).

 

Per fornire ulteriori prove, tre denti di ciascun individuo sono stati inviati all’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Puglia e della Basilicata per l’analisi del DNA, insieme a due ulteriori denti umani non correlati (controlli negativi).

 

Quattro denti degli adulti nelle tombe sono risultati positivi per Y. pestis ed erano molto simili alle vittime della peste precedentemente studiate da altre parti d’Italia e avevano ceppi identici di Y. pestis.  “L’Abbazia di San Leonardo era un punto chiave lungo un sistema di percorsi che faceva parte della Via Francigena, un importante percorso di pellegrinaggio medievale verso Roma da nord, ed era un luogo ideale da cui poteva diffondersi la peste”, afferma Raele.

 

“Non abbiamo ancora del tutto chiarito l’entità delle ondate di pandemia durante la peste nera nel sud Italia. Infatti, il DNA di Y. pestis è di circa 300 anni più vecchio di quello precedente legato a una fossa comune risalente al fine 1600 e riportati dai nostri ricercatori a Foggia. Di conseguenza, i nostri risultati contengono dettagli preziosi per comprendere meglio l’entità della peste in tutta Italia.” (eurekalert)

Lascia un commento

“L’intelligenza è la capacità di adattarsi al cambiamento.” Stephen Hawking

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.