ManfredoniaStato news

Pecorella: Geoparco? Un’occasione che non perderò


Di:

Fare del Gargano il primo Geoparco del Mezzogiorno d’Italia. Prende sempre più forma la candidatura del Promontorio avanzata dal Presidente dell’Ente Parco, Avv. Stefano Pecorella, che oggi, presso la sede dell’ Ente Parco Nazionale del Gargano ha dato inizio ai lavori del “Seminario sulla geodiversità in Puglia: aspetti normativi, tutela e valorizzazione”, attività compresa nel Progetto Geositi della Puglia.
Presenti all’ evento due Esperte della Sigea (Società Italiana Geologia Ambientale), Magda Gallo Maresca e Brunella Favia che hanno illustrato Il Patrimonio Geologico e il censimento dei Geositi, in particolar modo iGeositidel Parco Nazionale del Gargano.

“Tutti d’accordo nel constatare l’incommensurabile patrimonio geologico del Gargano e di quanto innovativa ed opportuna sia la creazione, attraverso il riconoscimento, di un ‘Geoparco” – dichiara il Presidente dell’Ente Parco –“Nell’ottica di questo percorso, la mappatura di geositi nel nostro territorio diventa un ulteriore passo in avanti per centrare il nostro obiettivo e, pertanto, diventa fondamentale una messa in rete di questo patrimonio.Il riconoscimento del Parco Nazionale del Gargano quale Geoparco– ha aggiunto il Presidente – è una opportunità da non perdere. Un Geoparco, infatti, rappresenta un’opportunità reale per lo sviluppo locale, il supporto della popolazione garganica ed il coinvolgimento sia delle autorità pubbliche, sia degli interessi privati legati fra loro per realizzare efficace azione multidisciplinaredi conservazione e promozione territoriale e culturale.

Si deve comprenderecheil Geoparco è un tipo di parco che nasce dall’ idea di trasformare la natura in risorsa economica. Un patrimonio geologico significativo, speciale per rarità ed interesse scientifico. Un richiamo estetico e valore educativo. La sua identità è strettamente legata alla geologia, ma sono importanti anche il patrimonio naturale, , archeologico, ecologico e storico. Caratteristiche di cui il nostro territorio è ricchissimo”.

I beni geologici individuati potranno essere inseriti nei percorsi turistici dell’area Parco e favorire il processo di istituzione/riconoscimento del Parco del Gargano quale GeoParco.

“Un Geoparco – conclude il Presidente, Avv Stefano Pecorella – è una opportunità da non perdere. Uno stimolo in più ad aggregare i vari tipi di offerta ed incentivare il turismo alternativo.”

Redazione Stato

Pecorella: Geoparco? Un’occasione che non perderò ultima modifica: 2014-10-09T12:44:07+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • Dino

    Sig. Pecorella, Lei che è il presidente del Parco, mi può rispondere a una domanda: Visto la stagione micologica favorevole,visto le belle giornate per passeggiare e raccogliere funghi, perchè vi siete inventati una tassa per raccogliere funghi e un corso di aggiornamento da fare alla ASL( corso a numero limitato)?
    Capisco benissimo che ci vuole un patentino per raccogliere funghi, capisco benissimo che ci vuole il cestino per diffondere le spore, capisco benissimo che non posso raccogliere fino a un certo quantitativo di funghi, ma allora perchè vi siete inventati la tassa per il corso di aggiornamento, perchè dovrei fare un corso di aggiornamento, visto anche i miei due patentini (Marche e Puglia), qual’è lo scopo?
    Il bosco è di tutti e io voglio andare a fare i funghi e le passeggiate senza trovarmi i vigili urbani e la forestale che mi chiedono ha pagato la tassa per raccogliere i funghi?
    Grazie di un’eventuale risposta.


  • gino

    Perchè per raccogliere le castagne bisogna fare una domanda, aspettare i comodi vostri per la risposta e anche pagare?
    Le bici non le prende NESSUNOOOOO, buttate solo soldi pubblici.
    Non c’è una iniziativa buona. Questa del geoparco sarà un altro flop.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Share This