So’ cangéte schjitte i rime


Di:

Ammizz’a stréde, juna voce,

lla menèstre ne nge coce,

mange chi porte a paste,

se ne ndine statte a caste.

Sop’u luche c’ji cangéte

e tu ne dice chica ji stéte?

“No!”, responne llu Frecone,

“Cittite, ne nn’ji cangéte llu temone,

ce so’ meschète schjitte i rime,

ma tutt’ji rumaste accum’e prime.”

Pascalonia

Son cambiati solo i remi

In mezzo alla strada, un’unica voce/ la minestra non si cuoce,/ mangia chi porta la pasta,/ se non hai, resti a casa./ Sul luogo è cambiato/ e tu non dici chi è stato?/ “No!” risponde il Frecone,/”State zitti, non è cambiato il timone,/ si sono mescolati solo i remi/ ma tutto è rimasto come prima.”

So’ cangéte schjitte i rime ultima modifica: 2018-11-09T08:00:13+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Il Tuo lettore

    Caro Pascalonia,
    Le Tue poesie sono bellissime ed io le leggo con gran piacere.
    Però,
    Non mi piace il Tuo pseudonimo “Pascalonia”.
    “P’a scalonjia” in dialetto significa “con la scalogna”, e sembra che ci venga fatto a noi, seppure Tuoi affezionati lettori, proprio quel tristo augurio.
    Ti suggerirei pertanto di cambiare lo pseudonimo in “Ognipasq”, invertendo le due sillabe.
    In questo modo tutte le volte che pubblichi le Tue poesie ci sembrerà di leggere Ogni Pasqua, “ogni pasq” in dialetto, e noi saremo sembre felici come se fosse ogni volta Pasqua.
    Con sincero affetto
    Il Tuo lettore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This