Teatro

Controra, un ‘Caffè ai morti’ al Teatro Comunale di Manfredonia


Di:

ControraManfredonia –  QUANTO dura la Controra? Qualcuno dice dalle due alle quattro, qualcuno si allunga fino alle cinque, qualcuno dice che c’è solo d’estate per il caldo, qualcuno superata la linea di confine del centro sud non sa cosa sia. Bottega degli Apocrifi in questo spettacolo racconta di una Controra troppo immobile anche per passare e per finire, uno stato esteriore che si fa interiore, una condizione di impossibilità dell’anima, nutrita di vincoli affettivi e abitudini sacre come rituali. Controra è un Sud immutabile attraversato da slanci carsici, che non arrivano a produrre rottura. Controra è un Sud che si cuce addosso a se stesso ogni volta con punti più di sutura più resistenti. Controra è un Sud dove si impara a stare bene perché l’alternativa è il cambiamento, e il cambiamento a Sud è un assassino col fucile puntato sulle abitudini; Controra è un cane che si morde la coda, perché senza abitudini che cos’è il Sud? Controra è una relazione scomoda tra i figli di oggi e la terra che li ha generati; un peso sullo stomaco e la voglia di ridere. Si ride in questo spettacolo agrodolce, si ride mentre si esce dalla sala pensando ‘non c’è niente da ridere’. Lo spettacolo che ha visto un’anteprima a Manfredonia ad aprile, ha debuttato a settembre al Festival Internazionale ‘Castel dei Mondi’ di Andria, dove la regia di Cosimo Severo e la drammaturgia di Stefania Marrone hanno strappato il favore del pubblico e il riconoscimento della critica. Controra torna adesso sul palco del Teatro Comunale di Manfredonia portando con sé i suoi attori – Nunzia Zoccano, Livia Gionfrida e Franck Nassirou – i suoi musicisti – Fabio Trimigno, Luca Lalla e Vincenzo Raddato – e il coro/corpo dei rifugiati politici che hanno preso parte all’ultima fase di questo progetto Alì Agrebi, Abdelkbir Zrour, Brahim Abyou, Mustapha Amrane, Omar Abdullah e la partecipazione di Vincenzo Scarpiello. Un coro/corpo di uomini presenti con la loro evidente fisicità nella veste di nuovi arrivati in un Sud spopolato di forza lavoro, nuovi arrivati portatori di energia, di vita: gliela si legge scritta nei muscoli che rigonfiano le camice che indossano; nello spettacolo sono chiamati ad essere i salvatori, il futuro di un Meridione stagnante…fino ad integrarsi in questa terra accogliente imparando a re-agire come gli altri hanno fatto prima di loro: assuefacendosi senza pensiero o fuggendo via e mettendo distanza. Venerdì 11 e domenica 12 dicembre 2009, Teatro Comunale,  ore 21.00

Controra, un ‘Caffè ai morti’ al Teatro Comunale di Manfredonia ultima modifica: 2009-12-09T21:06:40+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This