AttualitàManfredonia
La percentuale di riscossione di tribuni è pari al 3%

Manfredonia: aumentano le tasse (e aumenta l’evasione fiscale)

Tra le tasse più evase, quelle relative al raccoglimento dei rifiuti: in dieci anni evasi 9 milioni di euro


Di:

Manfredonia, 10 maggio 2019. Il documento del piano di riequilibrio finanziario pluriennale mette in luce non solo le grosse lacune nelle casse del Comune di Manfredonia, ma anche una tendenza all’evasione fiscale in diversi ambiti finanziari. La situazione di attività di recupero evasione è affidata nelle mani della “Gestione Tributi S.p.A.”, società con la quale il Comune ha cessato la sua attività di partecipazione: essa ha posto in analisi i diversi tributi relativi alla TARSU/’TARES/ICI/IMU e  ICP/TOSAP/DIRITTI DI AFFISSIONE in riferimento al triennio 2010/2013 e, come evince dal documento alla proposta del piano di riequilibrio, in via generale è stato riscontrato un livello di riscossione molto basso.

Un esempio? Partendo dall’ambito relativo ai rifiuti, e cioè le tasse TARSU/TARES/TARI, il documento mostra come per l’anno 2017 il carico complessivo di tale imposte abbia raggiunto il valore di 9 milioni. Di queste, al 31 dicembre 2018 le somme ancora da riscuotere erano pari a 2 milioni. Prendendo in analisi l’intero periodo 2007-2018, evince come i tributi ancora da percepire al 31 dicembre 2018 erano pari a una spesa complessiva di 9.731.289,72 euro, dei quali 489.622 inesigibili. Ancora, per quanto concerne l’entrata dell’imposta pubblicità: prendendo in esame gli atti dall’anno 2011 al 2018, la somma da riscuotere al 31 dicembre 2018 risulta essere pari a 212.609,99 euro, dei quali inesigibili solamente 12.000.

Stando al rendiconto dell’esercizio 2018, la capacità di riscossione è pari a una percentuale del 3,65% (il 56,80% per l’anno precedente). Un tasso molto basso, con la conseguenza di una criticità per la gestione di cassa.

Venendo al piano di risanamento: le aliquote dei tributi principali (IRPEF, IMU e TASI) risultano essere già fissate al massimo consentito dalla normativa vigente. Pertanto, l’unica possibilità di intervento è stata realizzata mediante gli innalzamenti di alcune tasse, quali ad esempio la COSAP (Canone per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche, praticamente triplicata) o la tariffa mensa scolastica o trasporto pubblico. Un problema peggiorato anche dall’evasione, che va a colpire le fasce di cittadini più bisognosi come i bambini. Nel 2018, il tasso di copertura mensa scolastica è stato pari solo al 47%.

Le aliquote aumentato in maniera vertiginosa, ma cosa si propone di fare all’interno del piano per risanare al problema dell’evasione? La gravosa problematica delle entrate tributarie, come recita il documento, ha posto in essere la necessità di razionalizzare interamente la  gestione delle entrate attraverso la ricerca di un nuovo soggetto in grado di rendere efficiente tale servizio. Tuttavia, se per il recupero dell’evasione ICI/IMU sono state proposte attività di accertamento per fabbricati civili, ex rurali, terreni agricoli e aree edificabili, non sono state invece adottate misure straordinarie di lotta all’evasione fiscale per tutti gli altri importanti tributi quali, ad esempio, la COSAP. Praticamente, un via libera a tutti i furbetti, sia privati che attività di varia natura, che potranno appropriarsi liberamente del suolo pubblico di Manfredonia.

Manfredonia: aumentano le tasse (e aumenta l’evasione fiscale) ultima modifica: 2019-05-10T20:42:24+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
15

Commenti


  • Sorridi sei a Manfredonia la città dei balocchi

    La lotta all’evasione fiscale ed altri comportamenti fuori legge porta alla perdita di consensi politici. Tanto ci sono i soliti fessi noti che pagano x tutti.


  • pensionato

    Pur camminando in tutte le vie di Manfredonia da tempo non vedo un vigile in divisa, hanno chiuso la caserma o girano in borghese per motivi di servizio?


  • Pasquino

    Anche quelli votano, purtroppo. La domanda nasce spontanea sulla SpA Gestione Tributi ma il personale c’era e se c’era cosa faceva???? Non credo di dire un’eresia, ma il compito di combattere l’evasione era loro. Perché non lo hanno fatto???? Partendo da quanto pubblicato e’ facile evincere che il piano di riequilibrio, anche se ora è decennale, rappresenta solamente aria fritta. L’attuale Commissario del comune di Manfredonia accertasse il perché delle disfunzioni ed in capo a chi addossare le colpe, che sicuramente ci sono. Ora occorre solo scoprirle


  • cittadino

    C’è da chiedersi perché tanta evasione, tanta tolleranza verso gli evasori, è proprio vero che quanto evaso viene sempre pagato dagli onesti contribuenti….dopo. Oltre a tale verità c’è qualcosa che non funziona nell’azione di accertamento, se c’è stato, o ci sarebbe dovuto essere a meno che … anche questo fenomeno non sia da addebitare alla gestione della politica sulla cosa pubblica. Il tempo sarà galantuomo….


  • Franco

    Recuperare le tasse non pagate , aggredendo i debitori incalliti, fa perdere consenso elettorale.
    Solo un Commissario può dare una sistemata.


  • L'oro nero di Manfredonia

    In questi giorni nelle strade di Manfredonia si sono venduti e si vendono decine di tonnellate di seppie da venditori clandestini, il prezzo è da un minimo di 12 al in su con totale tolleranza di tutte le autorità intanto Manfredonia è il solo compartimento marittimo senza mercato ittico e senza alcun controllo sulle vendite dei prodotti ittici. Tranne qualche attività onesta e che rispetta le norme-.


  • Claudio

    il commissario che sta al Comune si potrebbe dare una bella mossa..perchè nessuno riesce a cambiare questo scandaloso fatto. E mai possibile che i furbi la spuntino sempre?


  • Un paese di evasori

    Anziche’ 3 volte farei pagare 10 volte , cosi impariamo ad essere onesti.In questo nessuno paga(basta guardare le tabelle) , pero’ sono pronti solo a lamentarsi.La citta’ e’ allo sfascio anche perche’ siamo delle personi incivili ed evasori.Poi pretendiamo la mensa, il servizio bus ecc andate pagare massa di mal pagatori.!!!!


  • Viva LA COSAP

    Speriamo che il Commissario faccia quello che non ha fatto il Sindaco Pinocchio,.Mi chiedo come mai vi erano 10 impiegati alla GESTIONE tributi SPA e non sono stati capaci di far rientrare i soldi dagli evasori??? forse a qualcuno faceva comodo cosi??? una cosa buona e’ stata fatta , LE DISMISSIONI della Soc GESTIONE TRIBUTI visto che si pagavano tante persone per un servizio (recupero tasse) scadente.Speriamo che un anno di Commissario raccolga un po di evasione, la stessa gente che sui social si lamenta dalla mattina alla sera, sono gli stessi che non pagano le tasse.Ben vi sta l’aumento della COSAP, aumenterei tutto cosi imparate a fare gli onesti cittadini.


  • ManfredonianoDOC

    Non diamo solo la colpa ai pescivendoli abusivi! Anche chi dovrebbe essere in regola fa un bel po’ il furbo! Io x esempio quando accompagno e vado a prendere la bambina all’asilo alle spalle di via Barletta, faccio una fatica tremenda x parcheggiare poiché c’è un furbetto che si prende 40 metri di strada piazzando 4 crik x poi lavorare le auto ed in più 2 furgoni!! Quindi x favore non diamo solo e sempre la colpa ai pescivendoli! Li non paga suolo pubblico ma lo sfrutta al massimo!!


  • cittadino

    Come a ridire che qui regna l’anarchia….alimentata, molto probabilmente, dal consenso politico. Quindi ricollegandomi a quanto scritto in precedenza da Claudio, si auspica che il commissario ponga attenzione a questo scopo al solo fine di dare forza al valore della legalità che a quanto pare è stata soppiantata dall’anarchia che è noto non vuole rispettare le regole democratiche scritte e che sono rispettate dalla maggior parte dei cittadini “ONESTI”.

  • Quanda drit du -nei commenti jet a -parasst


  • Antonello Scarlatella

    In primis bisogna capire in percentuale quanta è evasione e quanti invece non sono in grado di pagare a causa della crisi.
    Generalizzare con la parola evasione è sbagliato.
    Ovviamente vi è il recupero coatto ma tale procedura non è gratis e rischia di appesantire in fase di procedimento ancora di più le casse, salvo buon fine per il recupero.
    Secondo il mio punto di vista è il metodo della riscossione che va rivisto specie nelle rateizzazioni.
    Esempio se un impresa ad oggi ha un debito di 10 mila euro con Gestione Tributi, la rateizzazione è possibile a 36 rate con una rata iniziale pari al 30%.
    Questo metodo non fa raggiunge l obiettivo nella riscossione del tributo e non da la possibilità di suddividere chi realmente non può pagare e chi invece è evasore.
    L’ente dovrebbe concedere una rateizzazione più lunga e senza acconto oppure rateizzazione più lunga e subordinare il mancato versamento dell’acconto all’Isee.
    Una rateizzazione a 72 rate e per importi più alti a 120 (subordinato ad isee) ….e se il contribuente non paga le rate con un piano di rateizzazione più agevole avviare a quel punto tutti i mezzi coercitivi e legali per il recupero del credito.
    L’operazione più efficace ad oggi è il fermo amministrativo dell’autovettura. È il procedimento meno costoso…poi le azioni di pignoramento.
    Io sono certo che con questo sistema si ridurrebbe al minimo il mancato pagamento dei debiti verso la società di riscossione.
    Con questo metodo inoltre l’ente di riscossione potrebbe per fare cassa immediatamente e cartolarizzare i crediti con il pro solvendo.


  • Ciro

    La crisi riguarda sono talune categorie mentre la crisi non riguarda certo pensionati, salariati e dipendenti e non a caso sono quelli che sono quelli che pagano sino all’ultimo centesimo di tasse (crisi o non crisi)
    Inoltre pagano l’Iva (a prescindere se viene versata o meno. Ma dove vivete su Plutone per Dio!


  • keoma

    In nome della crisi molti imprenditori sanno facendo i c…i loro a discapito dei lavoratori. Per quanto riguarda le tasse io dico che è il contrario, meno si pagano e più aumentano, perchè ci sono i furbi che pensano(tanto prima o poi ci sarà qualche m5s o lega o qualsiasi altro partito che farà un condono) e poi ci sono gli onesti come me ma giorno dopo giorno mi pento di esserlo. Cappellaio matto qua nu parassut ste…e si tu.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Share This