Edizione n° 5399

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

INDAGINI Sardegna, trovate tracce di Francesca Deidda: si attiva il Ris

Elementi riconducibili a Francesca Deidda, la 42enne scomparsa da maggio a San Sperate, sono stati ritrovati durante un'ampia operazione di rastrellamento nella zona tra Sinnai e San Vito.

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
10 Luglio 2024
Cronaca // Primo piano //

Elementi riconducibili a Francesca Deidda, la 42enne scomparsa da maggio a San Sperate, un piccolo comune nel sud della Sardegna, sono stati ritrovati durante un’ampia operazione di rastrellamento nella zona tra Sinnai e San Vito. Qui si è agganciata per l’ultima volta la cella del suo telefono. Vicino al ponte romano, sono stati rinvenuti indumenti ed effetti personali della donna. L’area è stata transennata e sono stati richiesti gli specialisti del Ris di Cagliari per effettuare i rilievi. Il marito, Igor Sollai, di 43 anni, è stato fermato con l’accusa di omicidio aggravato e occultamento di cadavere.

Francesca Deidda è sparita da maggio e secondo la Procura sarebbe stata uccisa dal marito, attualmente in carcere con le accuse di omicidio volontario aggravato e occultamento di cadavere. Martedì, il fratello della donna, Andrea, ha lanciato un appello sui social media al cognato, presunto femminicida, esortandolo a dire la verità e a smettere di negare l’evidenza.

Sollai continua a dichiararsi innocente, sostenendo che la moglie si sia allontanata volontariamente: “Voleva prendersi un periodo di riflessione”, ha detto agli inquirenti. Tra gli elementi che hanno portato al suo arresto vi sono le incongruenze nelle sue dichiarazioni e il rischio di fuga, dato che ha parenti in Olanda con cui ha avuto ripetuti contatti di recente. Il 43enne aveva già una relazione con un’altra donna e avrebbe voluto separarsi dalla moglie, ma temeva di perdere i beni comuni, tra cui la casa di San Sperate.

Lo riporta Tgcom24.it

Lascia un commento

“L'amore ha anche questo in comune con la poesia: che, quando ci si spiega, si è perduti.” MARIO ANDREA RIGONI

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.