Economia

Finanziamenti Aree Vaste ‘Capitanata 2020’. Castrignano: determinante il ruolo delle parti sociali


Di:

SalvatoreCastrignanoCgilFoggia

SalvatoreCastrignanoCgilFoggia

Foggia – I primi finanziamenti provenienti dai fondi comunitari 2007-2013 destinati alle Aree Vaste, recentemente deliberati dalla Regione Puglia, rilanciano per la Capitanata la funzione delle aree produttive ASI (Aree sviluppo industriale: partendo dalla riqualificazione di quelle di Foggia e di San Severo) e di un più rispondente ed innovativo sistema della mobilità (con l´avvio del progetto treno-tram), oltre “all’efficientamento energetico degli edifici pubblici, alla valorizzazione dei centri storici, alla messa in sicurezza del territorio, alla funzionalità e al recupero di strutture e beni di valore turistico”. “Le risorse destinate al Piano Strategico Capitanata 2020, afferma il Segretario Salvatore Castrignano, rappresentante di CGIL CISL UIL nella Cabina di Regia di Capitanata 2020, risultano al momento di poco superiori a 34 milioni di euro, non essendo state ancora rese disponibili altre più consistenti, come quelle relative al FAS che il Governo ha sospeso. La ripartizione futura dei fondi comunitari deve ancora considerare altre linee di intervento e le relative risorse per attivare ulteriori progetti strategici in materia di infrastrutture, di innovazione e ricerca, di risorse idriche, di sostegno ai sistemi produttivi. Pertanto i finanziamenti resi disponibili in questa prima fase assumono essenzialmente un importante valore di indirizzo, sia sui progetti specifici (che, una volta avviati, dovranno necessariamente potersi completare) che sull´impianto complessivo del Piano Strategico proposto”. “Per la prima volta nella storia della Capitanata, con il Documento Strategico di Capitanata 2020, abbiamo dato vita ad un organico Piano di Sviluppo di tutta l´Area Vasta interessata, concordato unitariamente da tutti gli attori del territorio, che ha messo in relazione progetti ed interventi esplicitamente definiti prioritari e valevoli per lo sviluppo di tutta l´Area Vasta con altri classificati complementari e di valenza locale. A questa sintesi unitaria il Sindacato ha contribuito in modo determinante costruendo preventivamente dal 2004 al 2006 il più ampio consenso delle parti istituzionali, economiche e sociali del territorio sulle proposte contenute nella Piattaforma sindacale per l´occupazione, la sostenibilità sociale, lo sviluppo e la competitività del sistema Capitanata, divenuta difatti la base di partenza del Piano Stategico”. “Bene abbiamo fatto, sostiene Castrignano, a mantenere integra la visione complessiva e unitaria del Piano Strategico di Capitanata 2020 anche di fronte alle difficoltà determinatesi con la definizione contrastante delle prime linee regionali di intervento riguardo alla ripartizione delle risorse dello e a seguito dei gravi ritardi con cui si sta procedendo a rendere disponibili le risorse comunitarie per le aree sottoutilizzate del Mezzogiorno. Insomma la nostra coerenza e la forza di una proposta di sistema hanno dato i primi importanti frutti. Bisogna proseguire con convinzione su questa strada. Più volte abbiamo scongiurato il rischio di vedere frantumarsi l´azione dei soggetti istituzionali di Capitanata 2020 e di disperdere il valore vitale di una proposta di insieme. Ora è ancora più chiaro che solo con l´azione unitaria del territorio e quindi con il superamento definitivo di campanilismi e particolarismi si potranno raggiungere i grandi obiettivi del cambiamento necessario alla crescita dell´intera Capitanata”.
L’insieme dei progetti presenti nel Piano Strategico di Capitanata 2020 prevede complessivamente un impegno finanziario che si aggira sui 3 miliardi di euro, di cui 1,3 miliardi di euro per i soli progetti definiti prioritari. Si tratta di interventi che naturalmente possono realizzarsi solo in parte con i fondi europei della Programmazione Operativa 2007-2013, per il resto devono essere ricercati ed impiegati anche altri canali di finanziamento comunitari, nazionali, regionali, locali e investimenti privati. “Nel prossimo futuro dobbiamo preservare la coerenza, l´integrazione e la forza innovativa dei progetti prioritari del Piano Strategico Capitanata 2020 finalizzati a riqualificare le aree industriali, ad adeguare i collegamenti e la intermodalità, a promuovere l´innovazione produttiva, ad assicurare la disponibilità della risorsa idrica, a valorizzare le potenzialità ambientali e turistiche. Dobbiamo affermare e radicare nel territorio la cultura della programmazione interistituzionale partecipata su cui fonda il Piano di sviluppo di Capitanata 2020, recuperando l´unicità del territorio provinciale anche considerando la programmazione dell´Area Vasta Sub-appenninica ed incardinando concretamente in ognuna delle iniziative locali che riguarderanno le aree comunali le stesse priorità strategiche individuate”.

Finanziamenti Aree Vaste ‘Capitanata 2020’. Castrignano: determinante il ruolo delle parti sociali ultima modifica: 2010-01-11T19:31:23+00:00 da Pasquale Gargano



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This