Edizione n° 5373

BALLON D'ESSAI

TURISMO // Erling Haaland al Gino Lisa, ha scelto il Gargano per le sue vacanze
20 Giugno 2024 - ore  14:42

CALEMBOUR

"GIU' LE MANI" // Manfredonia. “Giù le mani”, tutto sull’inchiesta. Avviso conclusione indagini per 10 (NOMI)
19 Giugno 2024 - ore  21:35

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

INDAGINE Bari, ginecologo “porcone”: le indagini iniziate prima delle trasmissioni tv

I carabinieri di Bari avevano raccolto le denunce di due pazienti nei confronti del 71enne ginecologo barese a processo per violenza sessuale su 20 pazienti

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
11 Gennaio 2024
Cronaca // L'inchiesta //

BARI – Già prima della messa in onda di due servizi da parte della trasmissione televisiva Le Iene, i carabinieri di Bari avevano raccolto le denunce di due pazienti nei confronti del 71enne ginecologo barese Giovanni Miniello.

Nelle denunce le donne «lamentavano di aver subìto manovre non convenzionali nel corso di visite ginecologiche».

Le indagini, poi, hanno avuto un «input ulteriore dopo la trasmissione dei servizi. In totale abbiamo raccolto sommarie informazioni e querele da parte di 22 pazienti, e siamo intervenuti anche in un centro antiviolenza in cui altre donne si erano rivolte» sempre dopo alcune visite con il ginecologo.

A dirlo in aula è stato il luogotenente dei carabinieri Giuseppe Toscano, ascoltato come teste dell’accusa nel processo a carico del ginecologo, imputato per violenza sessuale (tentata e consumata) e lesioni personali su 20 sue pazienti, 19 delle quali costituitesi parte civile.

Il 16 e 23 novembre 2021, la trasmissione “Le Iene” mandò in onda due servizi televisivi in cui venivano raccolte le denunce di alcune pazienti contro lo stesso ginecologo.

Miniello, dopo aver trascorso un periodo ai domiciliari, è in libertà da aprile 2022, quando la misura dei domiciliari fu sostituita con l’interdizione per un anno dall’esercizio della professione.

«Nel corso delle indagini abbiamo poi verificato – ha aggiunto Toscano – che l’ordine dei medici aveva disposto nei suoi confronti la radiazione, provvedimento contro il quale Miniello aveva presentato ricorso e che è quindi sospeso.

Formalmente, quindi, potrebbe ancora esercitare, ma già il 23 novembre 2021 (prima che iniziasse sia il procedimento penale sia il procedimento disciplinare dell’ordine, ma dopo la trasmissione dei due servizi, ndr) lui stesso aveva chiesto la cancellazione dall’albo».

Il difensore del ginecologo, l’avvocato Roberto Eustachio Sisto, ha detto che nel disporre la radiazione l’ordine dei medici non si era espresso sul merito dei fatti: «Noi ci siamo opposti al provvedimento perché avevamo già presentato istanza di cancellazione dall’albo», ha detto il legale.

Il processo a carico di Miniello continuerà nella prossima udienza del 7 marzo, in cui verranno ascoltati alcuni medici come testimoni dell’accusa.

Fonti verificate: lagazzettadelmezzogiorno.it //

Lascia un commento

“Il politico diventa uomo di stato quando inizia a pensare alle prossime generazioni invece che alle prossime elezioni.” SIR WINSTON CHURCHILL

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.