Edizione n° 5253

BALLON D'ESSAI

TRUFFA // Ferragni, casi Oreo e Dolci Preziosi: acquisiti nuovi documenti
21 Febbraio 2024 - ore  19:29

CALEMBOUR

CLANDESTINI // Salento, ha una relazione clandestina con la zia ma lei lo denuncia dopo essere stata lasciata: “Mi ha costretta”
21 Febbraio 2024 - ore  10:01
/ Edizione n° 5253

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

STATO Misseri esce dal carcere, ‘mi sentivo più libero dentro’

Luca La Tanza ha fornito ulteriori dettagli sullo stato di Misseri, affermando che "fisicamente sta bene"

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
11 Febbraio 2024
Attualità // Cronaca //

“Uscendo dal carcere di Lecce questa mattina poco dopo le 7, Michele Misseri ha condiviso con l’avvocato Luca La Tanza il suo contrastante stato d’animo: ‘Mi sentivo più libero dentro, fuori mi sento invece incarcerato’, ha dichiarato il 69enne. Questa testimonianza è stata riportata dallo stesso legale all’ANSA.

Misseri è stato rilasciato dopo aver scontato la sua pena per la soppressione del cadavere della nipote 15enne, Sarah Scazzi, assassinata il 26 agosto 2010. La moglie e la figlia di Misseri, Cosima Serrano e Sabrina, sono state condannate all’ergastolo per l’omicidio di Sarah.

Luca La Tanza ha fornito ulteriori dettagli sullo stato di Misseri, affermando che “fisicamente sta bene”, ma psicologicamente è profondamente provato. Misseri, nel tentativo di riprendere una vita “normale”, ha manifestato l’intenzione di non parlare con nessuno per i prossimi giorni.

L’avvocato ha anche rivelato di aver lasciato Misseri con una persona di sua conoscenza dopo essere uscito dal carcere, senza conoscere la sua destinazione. La Tanza ha precisato che oggi Misseri non si dirigerà verso Avetrana, la sua residenza in via Deledda, dove avvenne l’omicidio di Sarah. “Sicuramente oggi non andrà, e forse neanche domani”, ha concluso l’avvocato.

Il ritorno in libertà di Michele Misseri ha attirato l’attenzione su Avetrana, con diverse reazioni nella comunità. C’è chi è disposto ad accoglierlo per una partita a carte, chi ritiene che abbia espiato la sua pena e che sia giusto che torni alla sua vita, magari lavorando nei campi se è quello che desidera, e chi, invece, invoca la fine del circo mediatico per preservare la tranquillità della comunità.

Lo riporta l’ANSA.

Lascia un commento

“Quando hai lasciato il sistema e hai preso il premio, i combattimenti sono finiti e i cacciatori si sono sciolti. Sai com’è. Sono mercenari. Non sono fanatici.” Carl Weathers (Greef Karga)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.