ManfredoniaPolitica
Recente sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale

ASI. Ricorso Riccardi contro ANAC: Tar Lazio boccia (L’ATTO)


Di:

Bari, 11 aprile 2019. ”(….) La lamentata incostituzionalità dell’art. 7, comma 2, D.Lgs. 39/13, nella parte in cui prevede che le fattispecie di inconferibilità riguardino anche chi ricopre funzioni di rappresentanza senza poteri gestori, oltre che infondata è questione non rilevante nel presente giudizio, essendo stato acclarato che il Presidente del Consorzio ASI Foggia è dotato di poteri di gestione.

Infine non è ravvisabile né è rilevante la dedotta questione di incostituzionalità degli artt. 15 e 16 D.Lgs. 39/13, nella parte in cui consentirebbero che l’ANAC accerti o dichiari la nullità degli incarichi conferiti dagli enti locali negli organi di rappresentanza dei consorzi ASI: invero, da una parte la nullità è comminata direttamente dalla legge, dall’altra il Consiglio di Stato, nella citata decisione n. 126/2018, ha chiarito expressis verbis, che al “… Responsabile per la prevenzione della corruzione, organo interno ai soggetti suddetti, [cui] spetta, invece, nella propria responsabilità di contestare all’interessato la situazione di inconferibilità e incandidabilità con conseguente adozione delle sanzioni dell’art. 18, comma 1, D.Lgs. 8 aprile 2013, n. 39: potere in cui è compreso il potere di dichiarare la nullità dell’incarico” (punto 11.5.3, 2°cpv.).

In conclusione, tutte le descritte questioni di incostituzionalità prospettate dalla difesa del Consorzio sono manifestamente infondate e non rilevanti”.

Con recente sentenza, la sezione prima del Tar Lazio (Carmine Volpe, Presidente – Roberta Cicchese, Consigliere – Laura Marzano, Consigliere, Estensore), definitivamente pronunciando sul ricorso in epigrafe e sui motivi aggiunti, ha respinto il ricorso del 2018, integrato da motivi aggiunti, proposto da Angelo Riccardi, contro ANAC – Autorità Nazionale Anticorruzione, nei confronti del Consorzio per l’Area di Sviluppo Industriale di Foggia, e della Regione Puglia, per l’annullamento,

quanto al ricorso introduttivo:

– della delibera ANAC prot. n. 453 del 9 maggio 2018, depositata in data 17 maggio 2018;

– di tutti i provvedimenti e gli atti ad esso connessi, presupposti e consequenziali, ancorché non conosciuti;

quanto ai motivi aggiunti:

– del provvedimento ANAC, Fascicolo UVIF n. 1027/2018, prot. n. 59765, del 6 luglio 2018;

– della delibera ANAC prot. n. 453 del 9 maggio 2018, depositata in data 17 maggio 2018;

– del provvedimento della Regione Puglia, prot. n. 7298 del 3 agosto 2018;

– di tutti i provvedimenti e gli atti connessi, presupposti e consequenziali, ancorché non conosciuti.

FATTO

”A) Con delibera del 27 settembre 2017 l’Assemblea Generale del Consorzio ASI di Foggia conferiva all’ing. Angelo Riccardi, già Sindaco del Comune di Manfredonia, l’incarico di Presidente del Consorzio stesso. Successivamente, alcuni esponenti del Consiglio regionale della Regione Puglia e del Consiglio comunale del Comune di Manfredonia segnalavano all’Autorità Nazionale Anticorruzione profili di inconferibilità dell’incarico suddetto, in violazione dell’art. 7, comma 2, lett. c), D.Lgs. 39/2013. Sulla base delle predette segnalazioni, l’ANAC avviava il procedimento di vigilanza e, con nota in data 8 marzo 2018, ne dava comunicazione ai soggetti interessati.

Con delibera n. 453 del 9 maggio 2018, l’ANAC, disconoscendo le osservazioni del responsabile del piano anticorruzione (RPC) del Consorzio ASI di Foggia formulate nel corso del procedimento di vigilanza, reputava inconferibile tale incarico all’ing. Riccardi dichiarando la nullità dell’atto di conferimento e del contratto; inoltre, ordinava al detto Responsabile di contestare la rilevata causa di inconferibilità al destinatario dell’incarico, nonché agli altri possibili destinatari della sanzione inibitoria ai sensi dei commi 1 e 2, dell’art. 18, D.Lgs. n. 39/2013.

Conformandosi, il RPC del Consorzio ASI di Foggia, con atto del 29 maggio 2018, comunicava l’avvio del procedimento di contestazione dell’inconferibilità dell’incarico in questione. Intervenivano poi, rispettivamente, in data 29 giungo 2018, la determinazione definitiva del RPC del Consorzio ASI Foggia che, confermando quanto osservato in precedenza, disponeva l’archiviazione del procedimento di vigilanza in questione e, a seguire, in data 6 luglio 2018, la nota dell’ANAC che, reputando, invece, l’incarico inconferibile e, conseguentemente, nullo ai sensi dell’art. 17 D.Lgs. 39/2013, ordinava al predetto Responsabile di omologarsi a quanto ritenuto.

Successivamente, con nota in data 3 agosto 2018, la Regione Puglia invitava il RPC ad omologarsi a quanto stabilito dall’ANAC con le pregresse determinazioni.

B) L’ing. Angelo Riccardi ha impugnato con il ricorso introduttivo la delibera ANAC n. 453 del 9 maggio 2018 e, con motivi aggiunti notificati il 10 agosto 2018, la nota ANAC n. 59765, del 6 luglio 2018 nonché la nota della Regione Puglia, n. 7298 del 3 agosto 2018”.

ATTO INTEGRALE

sentenza11042019tarlazioASIANAC

Redazione StatoQuotidiano.it – Riproduzione riservata

ASI. Ricorso Riccardi contro ANAC: Tar Lazio boccia (L’ATTO) ultima modifica: 2019-04-11T13:28:32+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
11

Commenti


  • Un TERRONE convinto

    Un po’ di giustizia. Scusate ma da quando Angelo Riccardi è divenuto ingegnere? Va bè che non c’è da meravigliarsi più di nulla visto che le lauree si prendono con i punti della mucca Carolina. Una riflessione, visto che il TAR ha bocciato il ricorso di Riccardi ( anche se ancora c’è il Consiglio di Stato) che fine farà il responsabile della trasparenza dell’ASI che nonostante tutto riteneva legittima la nomina? Sarebbe da cacciare a calci nel culo per la sua incompetenza e malizia dimostrata. Certe persone non sono idonee a ricoprire certi incarichi ed andrebbero allontanate da qualsiasi incarico pubblico. Certo che al nostro amato ( si fa per dire) sindaco non gliene va bene una, Un consiglio ” vada da Padre Pio”


  • Prof.Sassaroli

    Mi sto spanciando dalle risate.


  • La mantenuta di via Barletta, politichesa e gran marchesa

    No ti prego, non dimetterti, già mai farlo, se non per te, pensa a me che grazie a te ora son politichesa, faccio la marchesa;
    la poltrona contesa, serve ancora per soddisfare ogni mia pretesa!


  • Pecora Nera

    In conclusione, tutte le descritte questioni di incostituzionalità prospettate dalla difesa del Consorzio sono manifestamente infondate e non rilevanti.

    CHIAROOOOO ?

    Il presidente del consorzio e il responsabile della corruzione devono rimuovere il SupeAttack e scollarsi da quelle poltrone che non sono degni di occupare.

    Le stanno tendando di tutte per prolungare la loro agonia …


  • ss

    ingegnere? macchè… è soltanto un geometra!


  • antonio

    Angelo Riccardi non è ingegnere, ha un diploma da geometra
    E’ sempre stato un pessimo manager, insieme ai suoi amici del Partito Democratico ci hanno lasciato solo tasse e debiti.


  • cittadino

    Quando è uscito dalla Regione era dottore in un atto emesso dalla stessa Regione….ora il TAR lo cita come ingegnere….vuoi vedere che ha tante lauree e che solo quella di Pescara gli è andata buca/male….


  • Spazio

    Tutti a parlare di laurea o non laurea, non dimenticate che avete votato Salvini e Di Maio, ed adesso dirigono un barcone chiamato Italia.


  • cittadino

    Barcone costruito da pseudo dottori, ingegneri ed avvocati…. della prima e seconda Repubblica…. Che nel tempo hanno sostituito gli ideali con la corruzione e il malaffare e l’impunità. A quanto pare oggi l’illegalità, anche quella pregressa (Galan ultimo esempio), trova soddisfazione nelle sedi giudiziarie e chissà quanto ne vedremo ancora con questo governo retto da Conte ed i suoi vice.


  • Un TERRONE convinto

    X Spazio

    Almeno lo dicono e non hanno fatto nulla per prendersi una laurea in modo…… Capisci a me


  • Antonio

    Con quale faccia questa gente appare e parla ancora… Quando al posto delle telenovelas arriveranno I fatti? Quando vedremo questa gente PAGARE per aver distrutto la città e la dignità dei cittadini onesti che non appartengono a cricche e pastette varie? Sindaco la casa degli specchi ha esaurito gli specchi spero che ora cominci per voi la giostra della paura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Share This