Edizione n° 5400

BALLON D'ESSAI

ANTIFASCISTE // Cerignola, il 25 luglio la “Pastasciutta antifascista” su Terra Aut
17 Luglio 2024 - ore  13:55

CALEMBOUR

TASK FORCE // Le ricerche di Antonio Draicchio, dopo 7 giorni, sono state interrotte come da prassi di legge
17 Luglio 2024 - ore  14:39

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

PUGLIA In Puglia la raccolta RAEE scende sotto le 18mila ton nel 2023. Qui Foggia

Si tratta di un risultato in calo del 7,3% rispetto al 2022più del doppio della flessione registrata a livello italiano

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
11 Aprile 2024
Stato news //

Milano, 11 aprile 2024 – Secondo il Rapporto regionalesui rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) realizzato dal Centro di Coordinamento RAEE – l’organismo che sintetizza i risultati ufficiali conseguiti da tutti i Sistemi Collettivi che si occupano del ritiro presso i centri di raccolta comunali e i luoghi di raggruppamento organizzati dalla distribuzione e della gestione dei rifiuti tecnologici in Italia – nel 2023 la Puglia ha raccolto 17.983 tonnellate di RAEE

Si tratta di un risultato in calo del 7,3% rispetto al 2022più del doppio della flessione registrata a livello italiano(-3,1%). La regione conferma l’ottavo posto nella classifica nazionale.

Discorso diverso in termini di raccolta pro capite: il calo del 7,5% si traduce in4,58 kg per abitante, valore molto inferiore al dato medio italiano (5,92 kg/ab), che fa così perdere alla regione una posizione classificandola penultima nel ranking nazionale.

Raccolta per raggruppamenti

Dall’analisi a livello di singoli raggruppamenti nei quali vengono suddivisi e raccolti i RAEE, emerge che il calo dei volumi regionali dipende quasi esclusivamente dalla rilevante perdita (-32,1%) di Tv e monitor (R3) che è però da considerarsi fisiologica al pari dell’andamento nazionale (-32,9%). In leggero calo (-1,1%) anche freddo e clima (R1) la cui raccolta scende così a 6.098 tonnellate.

Compensa la flessione la crescita delle raccolte di grandi bianchi (R2), che registra il +12,6% per un totale di 4.300tonnellate, di piccoli elettrodomestici ed elettronica di consumo (R4), che con il +3,5% sale a 3.362 tonnellate, e di sorgenti luminose (R5) che migliora del +2,2% per un totale di 92 tonnellate.

Va precisato che la performance particolarmente positiva di R2 non è sufficiente a colmare il gap esistente tra la raccolta regionale e il resto del Paese. Divario che si traduce in una raccolta pro capite inferiore di quasi 1 kg(-47%) rispetto al dato medio nazionale (2,07 kg/ab).

Raccolta per province

La contrazione dei volumi tocca trasversalmente tutte le province pugliesi. Il calo peggiore lo registra la provincia di Barletta Andria Trani la cui raccolta segna il -13,5% per un totale di 875 tonnellate. Segue Lecce con il -11,2% per 5.454 tonnellate complessive, Foggia con il -9,9% pari a 1.707 tonnellate, e Taranto con il -9,4% per un totale di 1.590 tonnellate. Molto più contenuta invece la flessione della raccolta della provincia di Bari (-0,8%) che si attesta a 5.962 tonnellate.

Nonostante una flessione a doppio digit (-11,3%), la provincia di Lecce mantiene il primato nella raccolta pro capite regionale con 7,03 kg/ab, seguita da quella di Brindisi con 6,28 kg/ab (-7,6%). Da sottolineare che entrambe le province sono particolarmente virtuose nella raccolta di frigoriferi e apparecchi per la climatizzazione (R1), e di televisori e monitor (R3): ogni abitante delle due province ne raccoglie infattiquasi 1 kgin più rispetto alle rispettive medie pro capite nazionali (1,71 kg/ab per R1 e 0,81 kg/ab per R3).

Seguono a distanza le province di Bari con 4,86 kg/ab (-0,8%), di Foggia con 2,85 kg/ab (-10,1%), di Taranto con 2,84 kg/ab (-9,6%). Ultima quella di Barletta Andria Trani con 2,30 kg/ab (-13,5%), che precipita così al terzultimo posto della classifica nazionale.

Raccolta per tipologia di siti

L’analisi della raccolta regionale dal punto di vista della rete infrastrutturale evidenzia che poco più dell’80% dei volumi di raccolta viene portato presso i centri di raccolta comunali (CdR), il resto presso i luoghi di raggruppamento della distribuzione (LdR).

Questa incidenza non è però identica in tutte province: se a BarlettaAndriaTrani i rifiuti elettronici vengono portati quasi esclusivamente nei CdR,in quella di Bari quasi il 30% degli abitanti consegnano i propri RAEE ai retailer di elettronica di consumo.

“Nel 2023 la crescita della raccolta che ha caratterizzato la Puglial’anno precedente si arresta: la regione subisce una delle peggiori perdite di volumi a livello nazionale perché le variazioni positive nelle raccolte dei RAEE dei raggruppamenti 2 e 4 non sono sufficienti a contrastare il calo fisiologico di Tv e monitor”, commenta Fabrizio Longoni, direttore generale del Centro di Coordinamento RAEE.

“Nonostante la crescita i quantitativi di grandi bianchi avviati a riciclo continuano a rimanere molto bassi in tutte le province. Sarebbe auspicabile che le istituzionisi rendessero conto che senza adeguata formazione ai soggetti coinvolti nell’attività di raccolta e senza maggiori controlli da parte degli organi preposti l’incrementoattesonon può arrivare.

I dati pro capite delle province di Foggia, Barletta Andria Trani e Taranto non raggiungono nemmeno la metà del valore pro capite nazionale, è bene che le tre provincelavorinoper raggiungere un obiettivo in linea con ilPaese,ambizioso con questi livelli di partenza. Uno stimolo potrebbe essere quello degli incentivi economici che si traducono in premi di efficienza più elevati per tutti i gestori della raccolta impegnati anche nell’attività di microraccolta”.

A questo link https://bit.ly/ReportPuglia2023il Rapporto RAEE 2023 in Puglia.

Piattaforma raeeitalia.it

Chi fosse interessato ad approfondire ulteriormente i dati della raccolta, può avvalersi di raeeitalia.it, il sito messo a disposizione dal Centro di Coordinamento RAEE che presenta i dati sui RAEE gestiti in Italia dal 2021 ad oggi. Proposto in una nuova veste grafica, consente di analizzare dati con un livello di dettaglio fino ai singoli Comuni.

Lascia un commento

“L'amore ha anche questo in comune con la poesia: che, quando ci si spiega, si è perduti.” MARIO ANDREA RIGONI

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.