Editoriali
A cura di Nino Sangerardi

Idrocarburi,a che punto è la Commissione parlamentare d’inchiesta?


Di:

Correva il giorno sette agosto 2018 e sopraggiunse un’importante notizia.Ecco:”Per la prima volta alla Camera dei Deputati una proposta di Legge per istituire una Commissione Parlamentare di inchiesta sulle attività di prospezione, estrazione, ricerca, coltivazione, stoccaggio e raffinazione di idrocarburi in mare e in terra e sugli illeciti ambientali e sociosanitari ad essi correlati. La proposta, a prima firma dell’onorevole lucano Gianluca Rospi(ingegnere edile,candidato nella Lista M5S Collegio uninominale Camera Deputati provincia Matera e Potenza,ndr) nasce dalla necessità di fare ulteriore chiarezza sull’argomento idrocarburi e sulle sue ricadute sulla popolazione. Cofirmatari, insieme all’onorevole Rospi, ci sono parlamentari del Grupo M5S : Zolezzi Alberto,Vazzina Adriano,Masi Angela,Liuzzi Mirella,Licanti Caterina, Fontana Ilaria,Angiola Nunzio,Daga Federica,Ricciardi Riccardi,Traversi Roberto,Manca Alberto,Vianello Giovanni,Deiana Paola,,Cillis Luciano,D’Ippolito Giuseppe,Terzoni Patrizia.

L’estrazione, la coltivazione e la raffinazione del petrolio–si legge l’8 agosto 2018 ore 14,25 sul web Basilicatanet della Regione Basilicata : Rospi(M5S)Proposta di Legge su Attività Idrocarburi– hanno un enorme impatto sull’ambiente e la salute delle persone che vivono nei territori limitrofi e i danni provocati non sono stati mai stimati, né mai si è fatto un confronto tra il valore economico dell’idrocarburo estratto e gli stessi conseguenti danni sanitari e ambientali…In virtù dell’elevatissimo impatto ambientale e socio-sanitario l’istituzione della Commissione di inchiesta risulta pertanto, lo strumento più idoneo attraverso cui la Camera può acquisire su materie di pubblico interesse quali quelle legate agli idrocarburi, una piena ed approfondita conoscenza al fine di deliberare consapevolmente e utilmente“.

Compito della Commissione?Vediamo.

Indagare :
a) sulle attività illecite connesse alla prospezione, all’estrazione, alla ricerca, alla coltivazione, allo stoccaggio e alla raffinazione degli idrocarburi;

b) in merito alla connessione esistente tra le metodologie previste per la prospezione, l’estrazione, la ricerca, la coltivazione, lo stoccaggio e la raffinazione di idrocarburi e l’inquinamento delle falde acquifere e dei mari nei territori ove avvengono le predette attività;

c) sulle eventuali connessioni tra l’inquinamento ambientale derivante dalle attività di prospezione, estrazione, ricerca, coltivazione, stoccaggio e raffinazione di idrocarburi e le patologie sanitarie riscontrate nelle popolazioni residenti nelle aree interessate;
d) in merito alla corretta attuazione della normativa vigente in materia di prospezione, estrazione, ricerca, coltivazione, stoccaggio e raffinazione di idrocarburi in mare e in terra;

e) sugli illeciti connessi in merito all’assegnazione delle concessioni esplorative e all’aggiudicazione di appalti relativi alla realizzazione e gestione degli impianti;
f) sulle attività di monitoraggio condotte dalle Agenzie Regionali per la Protezione Ambientale in merito agli impatti che le attività di prosperazione, estrazione, ricerca, coltivazione, stoccaggio e raffinazione di idrocarburi sia in mare che in terra hanno sulla qualità dell’aria e sulla salute dei cittadini;

g) sulle attività di reiniezione dei liquidi durante il processo di estrazione e sui pozzi in disuso;

h) su eventuali illeciti correlati alla gestione e corretto utilizzo da parte delle amministrazioni locali delle risorse derivanti dalle royalties.

Passati oltrre nove mesi dalla proposta di Legge(Doc XXII n.33 del 7 agosto 2018) la Commissione d’inchiesta è stata insediata?
Non è dato sapere.
Dal sito internet della Camera dei Deputati,al 10 maggio 2019, nella pagina “Lavori preparatori delle proposte di inchieste parlamentari” si apprende quanto segue : Proposta di inchiesta parlamentare n. 33,Rospi e altri;da assegnare,non ci sono dibattiti in Commissione,Dossier di documentazione : non ci sono dossier disponibili.
Strano,visto che per la prima volta deputati e senatori propongono la creazione di un Gruppo di lavoro,con notevoli poteri d’indagine, sugli idrocarburi in terraferma e in mare italici.

A cura di Nino Sangerardi,

11 maggio 2019

Idrocarburi,a che punto è la Commissione parlamentare d’inchiesta? ultima modifica: 2019-05-11T16:41:52+00:00 da Nino Sangerardi



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Share This