Edizione n° 5400

BALLON D'ESSAI

ANTIFASCISTE // Cerignola, il 25 luglio la “Pastasciutta antifascista” su Terra Aut
17 Luglio 2024 - ore  13:55

CALEMBOUR

TASK FORCE // Le ricerche di Antonio Draicchio, dopo 7 giorni, sono state interrotte come da prassi di legge
17 Luglio 2024 - ore  14:39

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

GIOIELLO Torna nella sua chiesa di Gesù e Maria a Foggia la tela seicentesca de “La Sacra Famiglia” (foto)

Un altro gioiello dell’arte pugliese torna alla fruizione della comunità

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
11 Maggio 2024
Cronaca // Foggia //

Foggia. Un altro gioiello dell’arte pugliese torna alla fruizione della comunità. Si tratta della tela di grandi dimensioni che adorna la Chiesa di Gesù e Maria, nel Convento dei Frati minori di Foggia opera del pittore Benedetto Brunetti, che l’ha realizzata nel 1674,

L’opera, che è stata restituita alla sua bellezza originale dopo un prezioso e lungo lavoro operato dal restauratore Leonardo Maddalena, sarà consegnata con una cerimonia che si svolgerà, alla presenza di autorità civili e religiose, martedì 14 maggio alle ore 12. Per l’occasione saranno presenti anche il Presidente Vito Primiceri e il Direttore Generale, Mauro Buscicchio, della Fondazione “Banca Popolare Pugliese – Giorgio Primiceri”che ha finanziato per intero il restauro del dipinto olio su tela che raffigura la Madonna e Sant’Anna che reggono il piccolo Gesu’ con le braccia protese verso le due figure femminili. Fanno da contorno S. Giuseppe e S. Giacomo su un sfondo di architettura classica e di un paesaggio con alberi che rimandano, secondo gli studiosi d’arte, alla pittura cinquecentesca, corretta da influenze della pittura napoletana con tendenze barocche del periodo in cui la grande tela fu dipinta dall’artista già presente, con sue opere, nel capoluogo dauno.

Torna nella sua chiesa di Gesù e Maria a Foggia la tela seicentesca de "La Sacra Famiglia"
Torna nella sua chiesa di Gesù e Maria a Foggia la tela seicentesca de “La Sacra Famiglia”

Si tratta di un appuntamento devozionale particolarmente atteso dalla comunità foggiana, da sempre legata alla Chiesa del Convento dei Frati minori e la Fondazione della Banca Popolare Pugliese ha aderito con convinzione alla richiesta di finanziare il restauro della tela avanzata dal padre Roberto Nesta, Guardiano e Parroco della Chiesa di Gesù e Maria, e dalprof. Saverio Russo, Presidente della Delegazione regionale del FAI di Puglia, che prosegue, con i suoi associati, nella sua meritoria opera di valorizzazione e conservazione del patrimonio artistico della nostra regione.

Si tratta di un appuntamento al quale non volevamo mancare – ha sottolineato Vito Primiceri, Presidente della Fondazione “Banca Popolare Pugliese – Giorgio Primiceri” – Sappiamo quanto la tela restaurata faccia parte della devozione popolare foggiana, oltre ad essere un dipinto di grande valore artistico. Il nostro intervento si inserisce nell’impegno preso con le comunità dei territori in cui operiamo, per conservare le espressioni culturalmente più rilevanti e legate alle tradizioni e alla storia di queste terre”.

La cerimonia della presentazione della tela restaurata alla comunità foggiana si terrà nel Convento dei Frati Minori alle ore 12,con la partecipazione della sindaca di Foggia, Maria Aida Episcopo, di autorità civili e religiose, e della comunità dei Frati Minoriche, insieme ai fedeli foggiani, attendevano da tempo il ritorno della “Sacra Famiglia” restaurata in uno dei luoghi di culto più importanti della città.

Il restauro di questa grande tela testimonia della vicinanza del nostro istituto di credito alla comunità foggiana – ha sottolineato il Direttore generale della Banca Popolare Pugliese, Mauro Buscicchio – e prosegue nel dialogo proficuo che la nostra Banca ha instaurato con quanti hanno a cuore il recupero delle espressioni più alte dell’arte di Puglia come testimonianza della storia di una regione che continua, proprio attraverso i segni della sua storia artistica, ad essere punto di riferimento culturale e turistico del Mezzogiorno d’Italia”.

Lascia un commento

“L'amore ha anche questo in comune con la poesia: che, quando ci si spiega, si è perduti.” MARIO ANDREA RIGONI

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.