Manfredonia

Campo Scaloria, progetto ristrutturazione (da 99mila euro)


Di:

Veduta Campo Scaloria, aprile 2013 (statoquotidiano@)

Roma/Manfredonia – TEMPISTICA da riflessioni. Dopo (e durante) la denuncia mediatica, dopo la comunicazione di 7 interventi in attesa di finanziamento governativo per Manfredonia nell’ambito del D.P.C.M. 25/02/2013 – Fondo per lo sviluppo e la capillare diffusione della pratica sportiva, la Giunta comunale ha condiviso favorevolmente il progetto preliminare per la “ristrutturazione della struttura sportiva ‘Campo Scaloria” in località Scaloria nel Comune di Manfredonia, approvandolo ai fini richiesti dal DPCM 25.02.2013. Dunque: progetto per il quale si tenta di beneficiare delle provvidenze governative, con cifre differenti (eufemismo) da quelle della legge 06.03.1987 n.65 – cd Italia 90, del Governo Craxi – quando, per il progetto di massima per il completamento della struttura Campo Scaloria, Manfredonia riuscì ad intercettare 1 miliardo delle vecchie lire (980 milioni) con 2 miliardi invece per il palasport Scaloria. Somme ritenute “insufficienti” al tempo per il completamento e la fruibilità delle 2 strutture. Dopo 26 anni per il progetto è stata ora richiesta una somma pari a euro 99.997,07, il massimo consentito dalle disposizioni del DPCM 25.02.2013.

8 GLI INTERVENTI IN ATTESA DI FINANZIAMENTO. Per tutti gli 8 interventi in lizza per i fondi governativi, si fa riferimento ad impianti sportivi pubblici all’aperto realizzati quasi tutti tra la metà degli anni’70 e la fine degli anni ’90, bisognosi di ristrutturazione e/o adeguamento alle norme vigenti. (vedi elenco nel link per un totale di € 587.665,40, oltre le 99mila euro del citato progetto).

ISTRUTTORIA PER IL NUOVO PROGETTO ALL’ARCHITETTO REDATTORE DEL PROGETTO DI MASSIMA PER IL COMPLETAMENTO DEL CAMPO SCALORIA, APPROVATO CON DGC DEL 1987. Da segnalare che l’istruttoria per il progetto della ristrutturazione della struttura sportiva ‘Campo Scaloria” è dello stesso professionista di Manfredonia che si era occupato (ipoteticamente tra il 1984/85) della redazione del progetto “di massima” per il completamento del citato Campo, che nelle intenzioni doveva essere adibito per il calcio e l’atletica, con lavori partiti negli anni 70 – forse nel 1974 – con passati (presunti) finanziamenti anche della Cassa per il Mezzogiorno. Al tempo, per il completamento del Campo Scaloria, si era prevista una spesa pari a 9.000.000.000 delle vecchie lire, divisi in 5 stralci funzionali (fonte: delibera di Giunta del tempo, n.1359 11.06.1987, 3 mesi dopo l’approvazione della L.65-06.03.1987. Si fa riferimento alla giunta Quitadamo, con sindaco che al tempo era ancora eletto in Consiglio e non in modo diretto, come dal 1995 ad oggi).

NEL 1987 1 MILIARDO DI LIRE DI PROVVIDENZE STATALI. IL PROGETTO . Come detto, grazie ai fondi della citata legge ‘Italia 90’ Manfredonia riuscì ad intercettare 1.000.000.000 di lire circa (980 milioni) per il completamento del Campo Scaloria; il progetto dell’architetto era lungimirante: “(…) le nuove opere sono state ipotizzate in maniera da incorporare quelle esistenti per ottenere un complesso armonico tenendo conto della massima funzionalità e sicurezza dei manufatti (…) l’opera è stata progettata per consentire il normale svolgimento di gare a livello nazionale sia per l’Atletica leggera che per il gioco del calcio (FIDAL, classe; dunque non solo “giochi studenteschi”); (..) la capienza ad avvenuta ultimazione dell’impianto sarà di circa 16.000 spettatori (…) polo di attrazione per tutto il Gargano (..) affermarsi diverse discipline sportive (..)“. Nelle intenzioni progettuali, come da delibera, erano stati previsti locali per atleti, giuria, arbitri, pronto soccorso (…); “il progettista ha ritenuto opportuno fissare una scala prioritaria e logica dei diversi lavori in maniera da rendere l’impianto agibile e funzionale già con la realizzazione dei primi interventi (…)

Meraviglioso, dunque; finalmente Manfredonia avrebbe avuto il suo campo – fuori città, come prassi – per gare di livello nazionale di calcio e atletica, come si legge nella delibera di approvazione del progetto.

MA LA STRUTTURA NON SARA’ FRUIBILE. NEL TEMPO IL DEGRADO. Partono i lavori: si sarebbe completata la pista d’atletica (in asfalto, non in tartano), la tribuna, gli spogliatoi, il campo di calcio. Tutto finito? No. Perché nonostante si sarebbe anche giocato e utilizzato l’impianto per alcuni mesi (da raccolta dati: per i giochi della gioventu’) precedenti referenti dell’Amministrazione parlano di “ipotetiche mancate autorizzazioni” degli organi preposti; ma anche di eccessiva esposizione al vento del campo, di necessità di “frangivento”; di una progettazione forse avveniristica, eccessiva per Manfredonia. Mancano naturalmente altri fondi per completare l’opera. Dunque non ci sono dati ufficiali alla base della sospensione dei lavori.

Nel frattempo cominciò la lenta, inesorabile, situazione di degrado della struttura, con “erba seccata” e decadimento delle opere. Senza dimenticare possibili situazioni di pericolo per chi accede oggi nelle gradinate. Il progetto è stato abbandonato (come evidente dalle immagini), nonostante “numerosi solleciti di altri componenti amministrativi”. Nel frattempo Manfredonia fu interessata dalla proteste per il Petrolchimico; la città è forse distratta dalla vertenza ambientale-occupazionale, in 7 anni (fino al 1995) numerosi i cambi di sindaci e consigli comunali, prima dell’Amministrazione ininterrotta di centrosinistra (18 anni, 20 nel 2015 – Naturalmente non ci sono politici minorenni correlati alla vicenda).

DOPO 26 ANNI PROGETTO PER LA RISTRUTTURAZIONE. FONDI A DISPOSIZIONE: MAX 100MILA EURO. Un salto in avanti di 26 anni dopo dalla delibera di Giunta del 1987. Il D.P.C.M. 25/02/2013 (fortemente voluto dal neo ministro J.Idem) ha una dotazione di 18 milioni di euro, in attuazione dell’art.64-comma 1 del D.L. 83/2012, definisce i criteri e le modalità per l’erogazione delle risorse finanziarie del Fondo per lo sviluppo e la capillare diffusione della pratica sportiva. Per i finanziamenti previsti, per interventi “…fruibili nell’ambito di scuole, università, luoghi di aggregazione sociale, anche a carattere religioso, e aree periferiche disagiate ”. Sono legittimati a presentare domanda soggetti pubblici o Enti che svolgono esclusivamente attività senza fine di lucro Associazioni e fondazioni, anche a carattere religioso, che svolgono attività di promozione sportiva senza fine di lucro.

Al fine di partecipare alle predette provvidenze governative il rappresentante pro tempore dell’Associazione A.V.I. “Amici del Volontariato “, con sede a Manfredonia con istanza del 04.06.2013 ha chiesto la concessione gratuita per un periodo minimo di 15 anni del campo sportivo in località Scaloria, al fine di presentare progetti e partecipare a bandi per finanziamenticomunitari, nazionali, regionali, …finalizzati alla ristrutturazione dell’edificio ed all’acquistodi attrezzature… (…)

Come da atti, la struttura sportiva in questione è perimetrata da una recinzione in pannelli prefabbricati in c.a. di Ha 5.33,29 e copre una superficie complessiva di mq 27.675,50, di cui:
1 Superficie area sportiva recintata “a giorno” comprendente piste e pedane di atletica, campo da calcio e aree libere e/o di sicurezza (di cui Campo da calcio mq. 7.480) 14.904,00
2 Locale impianti tecnologici (17,67×20,00) compreso rampa 353,40
3 Locali e spogliatoi (sotto la tribuna 22,00×18,00) 396,00
4 Area di scavo tribuna centrale incompleta (22,50×18,00) 405,00
5 Vecchio corpo spogliatoi (diruti) 280,00
6 Superficie e spazi liberi (restanti) 11.337,10
TOTALE SUPERFICIE IMPIANTO 27.675,50

SUPERFICIE RICHIESTA DA ASSOCIAZIONE PARI A 26.494,70 MQ.
La superficie richiesta dalla anzidetta Associazione A.V.I. è di circa mq 26.494,70, con destinazione nel vigente P.R.G. a Verde sportivo.

Al fine di precludere e/o compromettere l’area sportiva a future iniziative dell’Amministrazione comunale, nella citata istruttoria, l’U.T.C. ha osservato diverse indicazioni/prescrizioni. Il progetto dell’associazione, ricadente nell’ area del cosiddetto Campo sportivo “Scaloria” da anni in corso di completamento, in sintesi prevede:
1 Superficie area sportiva recintata “a giorno” comprendente piste e pedane di atletica, campo da calcio e aree libere e/o di sicurezza (di cui Campo da calcio mq. 7.480) 14.904,00
Parte locali-spogliatoi (sotto la tribuna 22,00×18,00) 253,60; Superficie e spazi liberi (rest.) 11.337,10
TOTALE SUPERFICIE RICHIESTA 26.494,70

ALL’APERTO(mq. 14.904,00 + 11.337,10) – n. 1 campo polivalente di mt. 20.00 x mt. 40.00 per Calcio a 5, basket, pallavolo e tennis; pedana per salto in lungo, zona spettacoli, parterre per 162 posti a sedere; sistemazione di aeree a verde;

AL COPERTO(mq. 253,60)– recupero in parte del corpo spogliatoiesistenti, wc donne, wc uomini, wc disabili; sala riunioni + wc uomo, wc donna; segreteria, locale pronto soccorso, deposito e riserva particolare attenzione alla fruizione degli spazi comuni, delle aree sportive e dei servizi alle persone diversamente abili, o con ridotte capacità motorie, con riferimento ai disposti del D.P.R. 24 luglio 1996 n.503 che approva il Regolamento recante norme per l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici, giusta dichiarazione del progettista dell’01.06.2013.

Ora l’attesa per il responso delle Commissioni per l’elargizione dei fondi.

g.defilippo@statoquotidiano.it

FOTOGALLERY (STRUTTURA CAMPO SCALORIA OGGI, APRILE 2013)

VIDEO

PHOTOGALLERY


Redazione Stato@riproduzioneriservata

Campo Scaloria, progetto ristrutturazione (da 99mila euro) ultima modifica: 2013-06-11T20:44:42+00:00 da Giuseppe de Filippo



Vota questo articolo:
11

Commenti


  • Un cittadino si chiede.......?

    Ho letto bene?
    99.000 euro per i preliminare di recupero dello Stadio?
    Sono 99.000 euro tolti al popolo italiane e che non bastano manco per pitturare il cancello d’ingresso!!
    Da cittadino Italiano invito la commissione elargitiva a respingere seccamente la richiesta!!
    Il mio stupore nasce dal fatto che tutti sanno che quello che doveva essere uno stadio non sarà mai tale e allora perché non iniziare ad investire le risorse pubbliche per la sua demolizione?


  • Redazione

    Per avere contezza del progetto può leggere il testo integrale dalla delibera, grazie; Red.Stato


  • Un cittadino si chiede.......?

    Non lo leggo a priori (naturalmente era un maggiore approfondimento, per quanto il testo sia oggettivamente completo,ndr),
    e più facile che l’uomo raggiunga e viva sul pianeta Saturno che quello stadio venga recuperato e diventi lo stadio della città di Manfredonia, a mio avviso è solo un modo per — come avviene o avverrà per il porto industriale,ai posteri l’ardua sentenza. (diritto di critica, grazie, buona sera; Red.Stato)


  • peppe74

    Infatti,con 99 mila euro ci si può ristrutturare il campo ungaretti al massimo…


  • ceunsolocapitano

    ragazzi qui parliamo di soldi cose se fossero noccioline(99mila euro l’urgaretti) meglio che vado ha dormire comincia ha girarmi la chepa buonanotte ha tutti


  • Slevin85

    Con 99.000 € non sistemano neanche i sanitari degli spogliatoi.Non gli date piu niente.Tanto è sicuro che nn ——


  • marioi brunetti

    Anche il più incapace tecnico sa benissimo che è più semplice e meno costoso abbattere e ricostruire:per favore non continuate a prenderci per il c……Grazie


  • cenzun firr vikkie

    con 99 mila euro ti ristrutturi una un paio di appartamenti.

    basta spendere i soldi delle notre tasse!
    non aumentimo il debito nazionale per cose che non avranno mai luce


  • Il merlo maschio

    Davvero reputano i sipontini cosi stupidi e idioti?


  • keoma

    ALTRE QUATTRO UOVA NEL PIATTO ——————– (calma, moderazione,ndr)


  • io

    quei soldi vengano spese per cose serie…
    non bastano quelli che sono stati spesi inutilmente nelle 7 meraviglie di manfredonia?….

    cara amministrazione demolite tutto…. e date possibilità ai privati di farci qualcosa………

    voi pensate e stringervi la cintura dei pantaloni che mo mo non vi entreranno più…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This