ManfredoniaSport

Manfredonia, minore coinvolto in procedimento penale, salvato dall’atletica


Di:

G.Cotugno (statoquotidiano)

Pescara/Manfredonia – SI svolgeranno dal 21 al 23 giugno a Pescara i Campionati Italiani di atletica leggera categoria FISDIR. Tra i ragazzi che prenderanno parte all’evento anche un minore recentemente coinvolto in un episodio di cronaca.

Grazie anche alla dedizione e all’impegno del tecnico Nazionale di Manfredonia Giovanni Cotugno, il giovane è stato dunque inserito in un percorso di riabilitazione sociale e di formazione. Diverse le difficoltà per il ragazzo, con problematiche anche in famiglia. Grazie allo sport dunque possibile un momento di felicità e di aggregazione sociale.

L’Asd Gargano 2000 di Cotugno si farà dunque carico, a proprie spese e responsabilità in prima persona, di questi ragazzi, specialmente di coloro con gravi disagi famigliari.

Per l’evento di Pescara, la rappresentativa di Manfredonia sarà numerosa con circa 14 atleti e 3 accompagnatori, tra questi atleti già campioni Italiani della Staffetta 4 x 100 e di vari titoli nelle varie specialità per categorie si distingue uno tra tutti in procinto di vestire la maglia della nazionale italiana e di essere inserito nel ristrettissimo elenco dei probabili atleti partecipanti alle prossime Paraolimpiadi di Rio de Janeiro il prossimo 2016.

Questi gli atleti:
• Vuovolo Sara mt 100/200
• Vescera Antonio mt 100/200
• Tomaiuolo Alessandro mt 800 / 1500 /staff. 4x 100 e 4 x 400
• Ciociola Luigi mt 100/200
• Tattilo Liliana mt 100/200
• Colangelo Lorenzo mt 100/200
• La Macchia Raffaele mt 100 / salto in lungo /staff. 4×400 e 4×400
• Urbano Michele mt 800/5000
• La Macchia Michele lancio del peso e lancio disco/ 4x 100/4 x 400
• Rodriguens Lorenzo mt 100/ salto in lungo /staff. 4 x 100 e 4×400
• Libergolis Francesco mt 200 / 400
• Ferraretti Vincenzo mt 800 /1500
• De Pasquale Antonio mt 400 /1500
• Castriotta Vincenzo mt 1500/5000

(A cura di Claudio Castriotta – Redazione Stato@riproduzioneriservata)

Manfredonia, minore coinvolto in procedimento penale, salvato dall’atletica ultima modifica: 2013-06-11T19:21:25+00:00 da Claudio Castriotta



Vota questo articolo:
9

Commenti


  • Lucio

    Grande Giovanni,sei l’unico portabandiera di Manfredonia per lo sport e per il sociale bravo.


  • Alberto

    Mi fa davvero piacere leggere questa notizia Giovanni ha fatto una buona azione mi auguro che gli prendano esempio.


  • un medico

    Inserire il ragazzo in un percorso di riabilitazione attraverso lo sport va bene, però far gareggiare il ragazzo in gare della Fisdir non mi sembra il massimo, visto che che non si tratta di un disabile relazionale bensì di persona c.d. “normodotata!”. Il sig. Cotugno fa un pò di confusione fra disabili psichici e soggetti disadattati (che dal punto di vista fisico e relazionale sono persone completamente normali). Un medico.


  • COTUGNO GIIOVANNI

    Rispondo al medico e ha quelli che forse vogliono forbiare la mia capacità di intendere e capire, il ragazzo o quasi tutti i ragazzi tesserati FISDIR sono anche tesserati FIDAL e gareggiano normalmente anche tra i normodotati visto che la loro permette ciò, nella nostra Federazione Italiana Sportiva Disabilità Intellettiva e Relazionale sono annoverati anche i ragazzi con problematiche relazionali e sociali, ragazzi che hanno problemi a esprimersi e comportamentali e particolarmente disadattati. Non sto certo a polemizzare, ma credo di capire da chi proviene questa critica e se il Signor Medico vuole ulteriori spiegazioni e confronti con il sottoscritto non ha che da chiamare o incontrarmi………..


  • Redazione

    Ok ringraziamo il sig. Cotugno per la precisazione; resta il dato positivo del recupero del giovane attraverso la disciplina sportiva; nel rispetto delle opinioni di tutti, saluti; Red.Stato


  • paolo

    Precedenti . . Dovrebbe andare ——————- (no offensivo, davvero offensivo,ndr) sotto il sole no lo sport


  • andrea

    Voglio dire al medico che i ragazzi sul punto di vista umano li conosce meglio Giovanni parlare è facile ma agire in prima persona è tanto ma molto difficile dottore sei hai il coraggio fatti avanti altrimenti meglio zittire con il suo parere sterile che sa di distanza come barriera. (moderazione,ndr)


  • Respighi

    Medico sapessi quanto è complesso mettere insieme questi ragazzi e farli allenare, seguirli passo passo, sapessi quanta commozione ti danno quando li vedi gareggiare, per capire tutto ciò ci devi stare dentro in certe situazioni, medico per concludere nessuna polemica rispetto la sua teoria giusta o sbagliata che sia.


  • francesca

    Giovanni, grazie di esistere. Sei una persona veramente speciale, vera sempre attenta a tutto ….
    Sei una forza grande per questa Città.
    Resta sempre così!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This