Edizione n° 5400

BALLON D'ESSAI

ANTIFASCISTE // Cerignola, il 25 luglio la “Pastasciutta antifascista” su Terra Aut
17 Luglio 2024 - ore  13:55

CALEMBOUR

TASK FORCE // Le ricerche di Antonio Draicchio, dopo 7 giorni, sono state interrotte come da prassi di legge
17 Luglio 2024 - ore  14:39

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

CONTRAFFAZIONE Banconote false su Telegram: arrestato un 28enne salentino

Le indagini hanno rivelato un sofisticato schema di contraffazione

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
11 Giugno 2024
Cronaca // Lecce //

Contraffazione e distribuzione di monete false su Telegram: i carabinieri di Roma hanno arrestato Simone Giuseppe Alfarano, 28enne di Casarano. L’arresto è stato eseguito su ordine del Giudice per le Indagini Preliminari, Anna Paola Capano, a seguito di una richiesta del Pubblico Ministero Maria Grazia Anastasia.

Le indagini, avviate nel dicembre 2022, hanno rivelato un sofisticato schema di contraffazione che coinvolgeva la creazione e la vendita di banconote false di vari tagli, tra cui 5, 10, 20, 50, e 100 euro. Alfarano avrebbe utilizzato materiali e strumenti professionali per la produzione delle banconote, tra cui stampanti professionali, toner, carte olografiche e patinate, allestendo una tipografia artigianale.

La distribuzione delle banconote avveniva tramite canali telematici, in particolare attraverso il servizio di messaggistica istantanea Telegram. Due canali, “DoS Shop Gruppo” e “DoS Shop”, gestiti da Alfarano con gli username @DeathofSilentBuy e @SimoneDoS, erano utilizzati come piattaforme per la vendita delle banconote false. “DoS Shop Gruppo”, con circa 240 membri, era utilizzato per pubblicizzare le banconote e raccogliere recensioni, mentre “DoS Shop”, con circa 354 iscritti, era dedicato esclusivamente alla vendita.

Le operazioni di spedizione delle banconote false coinvolgevano l’Italia e diversi paesi europei, tra cui Francia, Germania, Lussemburgo, Spagna e Austria, con un totale di almeno 163 spedizioni accertate. Le modalità di pagamento accettate includevano Paypal, ricariche Postepay e transazioni in criptovaluta Bitcoin.

Simone Giuseppe Alfarano è ora in custodia cautelare in carcere, in attesa di ulteriori sviluppi giudiziari. Sarà difeso dall’avvocato Luca Puce.

Lo riporta quotidianodipuglia.it

Lascia un commento

“L'amore ha anche questo in comune con la poesia: che, quando ci si spiega, si è perduti.” MARIO ANDREA RIGONI

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.