Edizione n° 5343

BALLON D'ESSAI

CHEF // «Innamoratevi di questo mestiere», dalla Puglia l’appello ai giovani chef di tutt’Italia
20 Maggio 2024 - ore  15:19

CALEMBOUR

ESTATE // Trenitalia, al via il Frecciarossa notturno Milano-Lecce
20 Maggio 2024 - ore  15:26

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

Chiesti otto ergastoli per 4 lupare bianche nel Barese: i nomi

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
11 Novembre 2023
BAT // Cronaca //

TRANI – Otto ergastoli sono stati chiesi dalla Dda di Bari per cinque imputati accusati di essere i presunti autori e mandanti di quattro casi di lupara bianca avvenuti a Canosa di Puglia, nel nord Barese, tra il 2003 e il 2015 nell’ambito di regolamenti di conti per il controllo del mercato della droga.

Le condanne sono state chieste dalla pm Luciana Silvestris al termine della requisitoria dinanzi alla Corte d’assise di Trani.

Sono imputati Sabino Carbone, di 42 anni, per il quale sono stati chiesti tre ergastoli; richiesta di ergastolo per Cosimo Damiano Campanella, di 82 anni; due pene al carcere a vita per Cosimo Damiano Campanella, di 41 anni, nipote omonimo dell’82enne; un ergastolo ciascuno anche per Daniele Boccuto, di 43, e Cosimo Zagaria, di 38 anni.

I cinque sarebbero – a vario titolo – responsabili degli omicidi di Sabino D’Ambra, scomparso il 14 gennaio 2010; di Giuseppe Vassalli, scomparso il 18 agosto 2015; di Sabino Sasso e Alessandro Sorrenti, di cui si sono perse le tracce il primo dicembre 2003. Gli imputati furono arrestati nel novembre 2021. Vassalli – secondo la ricostruzione accusatoria – sarebbe stato ucciso e fatto sparire perché “in rapida ascesa sul mercato canosino della droga e deciso a sottrarsi al predominio di Sabino Carbone”.

Anche Alessandro Sorrenti e Sabino Sasso, cognati tra loro, sarebbero stati uccisi perché volevano una fetta di mercato nello smercio di droga a Canosa. I loro cadaveri sarebbero stati dati alle fiamme e le ceneri disperse con l’aiuto dell’82enne. D’Ambra, invece, sarebbe stato ammazzato perché confidente della polizia.

Nella requisitoria, la pm ha anche chiesto nove anni di reclusione ciascuno per Carbone e il 42enne Campanella per l’atto intimidatorio compiuto nell’agosto di nove anni fa ai danni di un ispettore di polizia in servizio al commissariato di Canosa. Infine sono stati chiesti dieci anni di reclusione ciascuno per Daniele e Pasquale Boccuto per una presunta estorsione ai danni di alcuni giostrai. La prossima udienza si terrà il 17 novembre quando cominceranno le arringhe.

Lo riporta l’agenzia Ansa.

Lascia un commento

Non ci resta tanto tempo. Il sogno non diventa realtà da solo: bisogna corrergli dietro. (Carlito’s Way)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.