Edizione n° 5339

BALLON D'ESSAI

AL VOTO  // Sostenibilità a tutto tondo. L’idea di paese per Filippo Barbano
17 Maggio 2024 - ore  15:14

CALEMBOUR

MATTINATA // Gianfranco Prencipe assolto da ricettazione targhe di nazionalità tedesca. Virale dopo videoclip
15 Maggio 2024 - ore  11:07

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

Tangenti per appalti in Puglia, Sannicandro ‘mai preso soldi’

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
11 Novembre 2023
Attualità // Spot tv //

Ha risposto alle domande del gip Elio Sannicandro, ex direttore di Asset Puglia ed ex soggetto attuatore della commissione per il dissesto idrogeologico della Regione Puglia, da martedì interdetto dall’esercizio della funzione pubblica (per 12 mesi) perché accusato di aver intascato tangenti per 60mila euro dall’imprenditore di Lucera (Foggia) Antonio Di Carlo, per permettergli di vincere un appalto.

“Ha detto nettamente di non aver ricevuto denaro né offerte di denaro – ha spiegato il suo avvocato, Michele Laforgia – e ha sottolineato come i rapporti con l’imprenditore siano stati occasionali.

Non si sono mai sentiti, non si sono mai visti da soli e non ci sono stati altri incontri a parte quelli contenuti nel fascicolo delle indagini”. “Tutto ciò che Sannicandro ha fatto – ha aggiunto Laforgia – rientra nelle attività fisiologiche della sua funzione. Credo che le cose siano state chiarite”.
Quanto agli 8.500 euro in contanti trovati nella sua abitazione nel 2020, l’avvocato ha spiegato come in quel periodo Sannicandro detenesse contanti perché aveva subito un pignoramento tempo prima ritrovandosi con i conti bloccati: “Da lui sono passati appalti per centinaia di milioni di euro, è singolare discutere di 8500 euro”, ha concluso l’avvocato. Il legale ha preannunciato che verrà presentata una richiesta di revoca della misura interdittiva.
L’interrogatorio, iniziato poco dopo le 14 davanti al gip di Bari Giuseppe Battista, è finito intorno alle 17. In mattinata sono stati ascoltati Antonio e Carmelisa Di Carlo, rispettivamente in carcere e ai domiciliari. I due si sono avvalsi della facoltà di non rispondere.

Lo riporta l’ANSA.

Lascia un commento

Non ci resta tanto tempo. Il sogno non diventa realtà da solo: bisogna corrergli dietro. (Carlito’s Way)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.