Edizione n° 5253

BALLON D'ESSAI

TRUFFA // Ferragni, casi Oreo e Dolci Preziosi: acquisiti nuovi documenti
21 Febbraio 2024 - ore  19:29

CALEMBOUR

CLANDESTINI // Salento, ha una relazione clandestina con la zia ma lei lo denuncia dopo essere stata lasciata: “Mi ha costretta”
21 Febbraio 2024 - ore  10:01
/ Edizione n° 5253

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

DATI Tumori. “I dati Svimez e Ropi confermano: progressi Puglia, tra le più virtuose del Sud”

Tutti i dati in allegato

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
12 Febbraio 2024
Manfredonia // Medicina //
“I recenti dati diffusi da Svimez e Ropi sull’assistenza e la cura oncologica in Italia, rendono giustizia dei progressi effettuati dalla Puglia. In un quadro nazionale caratterizzato da una ormai storica frattura con il Nord, la nostra regione, dati alla mano, è tuttavia la più virtuosa nel Mezzogiorno. Sono migliorati i dati sulla mobilità passiva oncologica, ovvero quei pazienti che emigrano negli ospedali del Nord per farsi curare: la Puglia registra il 13,9%, tasso più basso al Sud, e ben distante dal 41% di Campania e Calabria. Anche per la prevenzione la Puglia risulta tra le più efficienti al Sud: il 64,5% delle donne tra i 50 e 69 anni hanno eseguito lo screening per il tumore alla mammella. In Campania e in Calabria, sono meno della metà. In questo ambito la Puglia ha anche aumentato la capacità di attrazione: ad esempio, vengono in Puglia il 40% delle donne lucane colpite da questa patologia che hanno deciso di curarsi fuori regione”.
È quanto afferma il direttore della Rete Oncologica Pugliese Giammarco Surico, commentando i dati contenuti nel rapporto “Un Paese due cure” presentato a Roma a cura di Svimez e Save the Children, e nel quadro aggiornato sulla chirurgia oncologica presentato dal Ropi (Rete Oncologica Pazienti Italia) al ministero della Salute.
 “Solo pochi mesi fa – aggiunge Surico – l’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali, aveva riconosciuto i nostri miglioramenti: nel 2018 i ricoveri oncologici registrati fuori Puglia erano 9.440, nel 2022 invece sono scesi a 7.777, con una diminuzione del 17,61%. La Puglia è cresciuta come numero di interventi di chirurgia oncologiche, ed è una delle tre regioni del Sud che copre tutte le 17 patologie considerate. Per il tumore del colon, ad esempio, fra i primi 10 ospedali per numero di interventi ci sono Policlinico di Bari e “Panico” di Tricase. Per il tumore della prostata, nei primi dieci c’è il “Miulli”. L’Istituto Tumori di Bari ha ottenuto la certificazione dei percorsi di cura dall’organizzazione Europea degli Istituti Oncologici in numerose patologie. Stiamo raccogliendo i risultati dell’organizzazione in rete che si è data la Puglia dal 2019. C’è ancora tanto da fare, ma i dati confermano che siamo sulla strada giusta, con i Coro, i centri di orientamento oncologico funzionanti e con i percorsi assistenziali di completa presa in carico del paziente”.
 “Il rapporto Svimez – dichiara Alessandro Delle Donne, direttore generale dell’Istituto tumori “Giovanni Paolo II” di Bari e presidente dell’unità di coordinamento oncologico regionale (UCOOR) –, fa una fotografia sullo stato dell’arte, ma bisogna tenere conto da dove siamo partiti.
In ambito oncologico abbiamo recuperando reputazione e credibilità. I numeri vedono un recupero della mobilità passiva, raccontano di una sanità pugliese più in salute e più attenta a qualificare l’offerta assistenziale. Anzi, abbiamo anche registrato mobilità attiva verso l’Istituto Tumori, con pazienti che arrivano da fuori regione. Se nel 2019 le prestazioni ambulatoriali dell’oncologico barese erano 729mila, siamo passati a 1 milione e 27mila nel 2023, con un aumento del 40% rispetto al periodo pre-pandemico. La produzione complessiva è passata da 33 milioni del 2018 a 40 milioni e mezzo del 2023, con numeri importanti per Ginecologia oncologica (+49%), Ematologia (+31,5%) e Chirurgia toracica (+14,8%)”.

Lascia un commento

“Quando hai lasciato il sistema e hai preso il premio, i combattimenti sono finiti e i cacciatori si sono sciolti. Sai com’è. Sono mercenari. Non sono fanatici.” Carl Weathers (Greef Karga)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.