Edizione n° 5312
/ Edizione n° 5312

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

“Tassi fino al 580%”, sequestro beni a pregiudicato foggiano per 2 milioni di euro

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
12 Marzo 2021
Focus e Inchieste // Foggia //

(STATOQUOTIDIANO, ore 11). Foggia, 12 marzo 2021. Personale della Questura di Foggia e del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Bari – in esecuzione di apposito Decreto emesso dalla Terza Sezione Penale, in funzione di Tribunale della Prevenzione, del Tribunale di Bari, collegio composto dalla Dott.ssa Giulia Romanazzi (Presidente), dal Dott. Giuseppe Montemurro (Giudice) e dalla Dott.ssa Arcangela Stefania Romanelli (Giudice relatore), ha sottoposto a sequestro, in Foggia e provincia, i beni e i rapporti finanziari e bancari, per un valore stimato di circa 2 milioni di euro, riconducibili a Giuseppe Carella [nato a Foggia, classe 1955] con precedenti di polizia e penali per i reati di associazione per delinquere, usura, estorsione e ricettazione.

L’esecuzione del sequestro dei beni rappresenta l’epilogo della complessa e articolata attività investigativa svolta dalla Divisione Polizia Anticrimine della Questura di Foggia e dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Bari, finalizzata alla ricostruzione del profilo di pericolosità sociale del proposto e all’individuazione degli asset patrimoniali e finanziari acquisiti illecitamente dal proposto e dal suo nucleo familiare, composto da 2 unità.

Il proposto è stato, infatti, riconosciuto come soggetto connotato da una pericolosità sociale
generica alla luce del suo coinvolgimento, nel periodo 2000-2018, in molteplici indagini
concernenti, in particolare, numerosi e diversi delitti a sfondo patrimoniale, che hanno
portato alla luce il grave fenomeno usurario che allarma da molti anni la provincia di Foggia, delineando un preciso quadro indiziario a carico dello stesso nonché di altri complici.

Come evidenziato nel decreto del Tribunale di Bari, questi ultimi, mettendosi in comunicazione e in relazione con numerosi imprenditori in stato di bisogno, concedevano loro prestiti di denaro a tasso usurario. Tale prassi illecita veniva perpetrata anche nei confronti di piccole famiglie in difficoltà finanziarie, alcune delle quali in condizioni economiche estremamente disagiate e, pertanto, impossibilitate ad accedere a qualsiasi forma di credito per soddisfare le primarie esigenze di vita quotidiana.

Le vittime identificate nel corso delle indagini erano costrette a versare ai propri aguzzini interessi sulle somme ricevute con tassi che oscillavano tra il 30% ed il 580%. In un episodio un pensionato arrivò a tentare il suicidio per la disperazione degli interessi usurari che non riusciva più a saldare al proprio aguzzino.

Al fine di disvelare, quindi, l’origine del patrimonio di C.G. e del suo nucleo familiare è stata
acquisita, con riferimento al periodo 2010-2017, copiosa documentazione, tra cui i contratti
di compravendita dei beni nonché numerosi altri atti pubblici che hanno interessato nel
tempo l’intero nucleo familiare investigato, verificando poi, per ogni transazione, le connesse movimentazioni finanziarie sottostanti alla creazione della provvista economica. Il materiale così raccolto è stato oggetto, pertanto, di circostanziati approfondimenti che hanno consentito di accertare un’ingiustificata discordanza tra il reddito dichiarato dal proposto e dal relativo nucleo familiare e il valore dei beni acquisiti nel lasso temporale 2011-2017.

In esecuzione del Decreto emesso dalla Terza Sezione Penale del Tribunale di Bari sono stati, quindi, sottoposti a sequestro, in vista della successiva confisca, oltre 50 unità immobiliari, 2 autovetture e le disponibilità presenti in 15 rapporti finanziari, per un valore stimato pari a circa 2 milioni di euro.

Lascia un commento

“I coraggiosi agiscono, i pavidi desistono.” Luigi Giuseppe Bruno D'Isa

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.