Edizione n° 5344

BALLON D'ESSAI

SINDACO // Decaro celebra unione vigilesse, ‘sosteniamo amore e libertà’
23 Maggio 2024 - ore  00:12

CALEMBOUR

PROSTITUZIONE // Bari: baby prostitute, “Si guadagnavano anche mille euro a serata”
22 Maggio 2024 - ore  17:29

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

INVASIONE Grano con glifosato e arance con pesticidi: mai tanto cibo straniero in Puglia (+66%)

Prima regione del sud per importazioni di prodotti agricoli e agroalimentari dai Paesi extra UE

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
12 Marzo 2024
Economia // Foggia //

FOGGIA – Dal grano di Putin a quello turco ma anche canadese fatto seccare con il glifosato, dai carciofi egiziani all’uva e alle arance del sud Africa, mai così tanto cibo straniero è arrivato in Puglia che risulta la prima regione del sud per importazioni di prodotti agricoli e agroalimentari dai Paesi extra UE con un aumento del 66% nel 2023.

E’ la denuncia di Coldiretti Puglia, sulla base di dati Coeweb Istat, nel sottolineare che si tratta di prodotti spesso provenienti da Paesi che non rispettano le stesse regole di sicurezza alimentare e ambientale e di rispetto dei diritti dei lavoratori.

Nel 2023 secondo i dati provvisori di ISTAT le importazioni in Puglia da Paesi extra UE hanno raggiunto quasi i 3 miliardi di chilogrammi di prodotti agricoli contro 1,7 miliardi del 2022, una concorrenza sleale – insiste Coldiretti Puglia – alle produzione agroalimentari del territorio e ai redditi degli agricoltori.

L’invasione più massiccia riguarda il frumento, con l’asta turca del grano duro che continua ad affossare i prezzi del frumento pugliese, con il capitombolo delle quotazioni che perdono altri 20 euro a tonnellata ed il prezzo del grano fino che scende ancora a 342 euro a tonnellata, mentre nei porti pugliesi continua il via vai di navi mercantili provenienti dalla Turchia.

Fonte: inuovivespri (immagine d'archivio, non relativa al testo)
Fonte: inuovivespri (immagine d’archivio, non relativa al testo)

Ma nel 2023 – incalza Coldiretti Puglia – sono più che raddoppiate per un totale di ben oltre il miliardo di chili anche le importazioni di grano dal Canada trattato con glifosato secondo modalità vietate a livello nazionale.

Serrare i controlli nei porti ed intercettare le triangolazioni è essenziale – insiste Coldiretti Puglia – considerato che già nel 2023 le importazioni di grano russo e turco sono aumentate rispettivamente del +1164% e del +798%, secondo un’analisi del Centro Studi Divulga, un fenomeno mai registrato nella storia del nostro Paese, per cui i prezzi del grano italiano sono crollati del 60% su valori al di sotto dei costi di produzione che mettono a rischio il futuro di migliaia di aziende agricole.

Aumentano anche gli arrivi di frutta e verdura dall’estero, in aumento del 14% in quantità ma con punte del 39% per le patate, con una vera e propria invasione di prodotto egiziano che ha addirittura più che raddoppiato le importazioni in Italia, secondo l’analisi Coldiretti su dati Istat.

Ma a pesare ci sono anche gli accordi commerciali agevolati che portano in Italia prodotti coltivati spesso con l’uso di pesticidi vietati nell’Unione Europea – denuncia Coldiretti – che fanno concorrenza sleale ai prodotti italiani, deprimono i prezzi pagati ai produttori e rappresentano una minaccia per la salute dei cittadini.

Si va dal riso asiatico che viene coltivato utilizzando il triciclazolo, potente pesticida vietato nell’Unione Europea dal 2016, ma entra in Italia grazie al dazio zero, alle lenticchie canadesi, anch’esse fatte seccare con il glifosato, che rappresentano i 2/3 del totale importato nel nostro Paese.

Ci sono poi le arance egiziane, oggetto di notifiche dal Rassf, il sistema di allerta rapido dell’Ue, per la presenza di Clorpirifos un pesticida bandito nell’Unione Europea dal 2020; le nocciole turche su cui pesa anche l’accusa del Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti di essere coltivate con lo sfruttamento del lavoro minorile;

i limoni argentini coltivati usando pesticidi tra cui propiconazolo, vietato dal 2019.

Senza dimenticare il concentrato di pomodoro cinese che costa la metà di quello tricolore grazie allo sfruttamento dei prigionieri politici e fa abbassare le quotazioni del prodotto nazionale.

I cibi e le bevande stranieri sono oltre dieci volte più pericolosi di quelli made in Italy, con il numero di prodotti agroalimentari con residui chimici irregolari oltre i limiti di legge che in Italia è stato pari al 6,4% nei prodotti di importazione, rispetto alla media dello 0,6% dei campioni di origine nazionale, secondo i dati dell’ultimo Rapporto pubblicato da Efsa nel 2023 relativo ai dati nazionali dei residui di pesticidi.

E’ necessario un netto stop all’ingresso di prodotti da fuori dei confini Ue che non rispettano gli standard che devono rispettare gli agricoltori in Italia – conclude Coldiretti – garantendo il principio di reciprocità delle regole, poiché questa concorrenza sleale mette a rischio la salute dei cittadini e la sopravvivenza delle imprese agricole.

16 commenti su "Grano con glifosato e arance con pesticidi: mai tanto cibo straniero in Puglia (+66%)"

  1. Mangiamo solo prodotti made in ITALI, lasciamo indietro tutto il resto. No alla concorrenza

  2. Ma che vuoi commentare lo stato se ne frega vedi vendita di armi eppure noi siamo buoni vedi le industrie farmaceutiche la chimica i servizi sanitari per uva visita ci vuole 3 mesi vedi ke discariche velenose vedi cosa si nangia veleno gli allevamenti con antibiotici a tonnellate jei portivarrivano migliaia di container con la droga ma lo stato chebcazzo fa? Ci rincoglioniscono con le chiacchiere della TV di stato un mare di balle basta leccarsi il culo agli USA poi x il resto chi se ne frega ecco i risultati della libertà della democrazia italiana.

  3. Condivido il commento precedente
    Mangiamo solo prodotti italiani
    Obbligo di etichetta che certifica la provenienza
    Fermare l’importazione!

  4. Io compro solo ed esclusivamente roba made in Italy…il governo dovrebbe tutelare il made in Italy e invece ci affossa permettendo uno scempio del genere! Vergognosi

  5. Purtroppo se il cittadino non si sveglia, tutto questo continuerà ed affosserà le aziende italiane che ormai sono quasi al collasso. Parola d’ordine è “SVEGLIAMOCI”

  6. Infatti è indecente che dobbiamo ammalarci per favorire l’agricoltura straniera! Rispettino almeno le già lasche leggi europee!

  7. La Puglia è da sempre considerata un’eccellenza nel settore alimentare ma se comincia ad importare “schifezze” straniere nocive pee la salute metterà in difficoltà anche i produttori seri e virtuosi… non avrà più credito e le vendite crolleranno… Spero che le “Schifezze ” straniere marciscano sulle banchine dei porti Pugliesi.

  8. Compriamo solo prodotti italiani più sani e diamo una mano ai nostri produttori lasciamo che i prodotti con pesticidi se li mangiano loro.

  9. Aiutiamo i nostri agricoltori, visto che il governo sembra non farlo, compriamo prodotti italiani, io sono del sud , siciliano , e quando compro vedo dove viene prodotto se non è prodotto in Italia non lo compro,

  10. Sempre comperare prodotti made in Italy ….Spesso bisogna cercare molto nelle confezioni per trovare la provenienza e a volte in Italia c è solo il confezionamento…deve essere scritto in grande la provenienza non il confezionamento

  11. Non so quanto ci sia di esatto in questo articolo. Se si usano tutti questi fitofarmaci vietati basterebbe fare le analisi e se non sono conformi si possono bloccare. Ma le analisi si fanno? Ho visto un servizio televisivo dove si è notato che quando gli addetti alle analisi sono intervenuti erano già stati caricati diversi camion ed erano già andati a destinazione. Comunque, anni fa, parlavo con un tecnico che lavorava all’estero per un catena alimentare italiana e il suo compito era di indicare agli agricoltori come dovevano fare a produrre per essere in regola. Quindi se i residui sono entro i limiti di legge cosa facciamo?

  12. Ma non abbiamo il ministro agricoltura cognato della Meloni che vuole difendere il made Italy? 🤣🤣Solite balle come il blocco navale….speriamo che le tante decantate orecchiette pugliesi non le mischiano con grano americano pieno di di glifosato altro che Putin ….

Lascia un commento

Non ci resta tanto tempo. Il sogno non diventa realtà da solo: bisogna corrergli dietro. (Carlito’s Way)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.