Edizione n° 5343

BALLON D'ESSAI

CHEF // «Innamoratevi di questo mestiere», dalla Puglia l’appello ai giovani chef di tutt’Italia
20 Maggio 2024 - ore  15:19

CALEMBOUR

ESTATE // Trenitalia, al via il Frecciarossa notturno Milano-Lecce
20 Maggio 2024 - ore  15:26

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

VIDEO Il suicidio nelle divise, il caso Paolillo seguito da un avvocato di Manfredonia

“Un fenomeno incontrollato – sostiene La Scala - per colpa di una legislazione preventiva inadeguata"

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
12 Marzo 2024
Eventi // Manfredonia //

MANFREDONIA (FOGGIA) – Il suicidio nelle divise è una realtà sempre più frequente e inquietante.

Tra i più recenti il caso di Umberto Paolillo, l’agente di polizia penitenziaria in servizio al carcere di Turi che si è tolto la vita nell’abitacolo della sua auto la notte del 18 febbraio del 2023, sparatosi con la pistola d’ordinanza.

Una vicenda trattata da Federica Sciarelli con la sua professionalità ed empatia ha guidato gli spettatori di Chi l’ha visto nella trasmissione andata il onda lo scorso 22 febbraio.

Il giudice Francesco Rinaldi ha rigettato la richiesta di archiviazione avanzata dalla Procura, a cui si era opposta la famiglia (rappresentata dall’avvocato di Manfredonia Antonio La Scala), disponendo ulteriori indagini nell’ambito del fascicolo per istigazione al suicidio.

“Per il reato d’istigazione al suicidio – sostiene La Scala- è necessaria una previsione anche colposa”.

“Un fenomeno – aggiunge – incontrollato per colpa di una legislazione preventiva inadeguata e di una conseguenza sanzionatoria incompleta.

Necessario e quanto mai urgente l’intervento del legislatore”.

AVV. LA SCALA

Questi e altri argomenti si terranno il 15 marzo 2024 18:00 presso la sala convegni La Madonnina Life & Care, Viale Louis Pasteur, 18 – 70124 Bari.

Relatori: l’avvocato Antonio Maria La Scala e l’avvocatessa Laura Lieggi.

2 commenti su "Il suicidio nelle divise, il caso Paolillo seguito da un avvocato di Manfredonia"

  1. Questi spiacevoli avvenimenti da parte di Ufficiali e Graduati (FALLITI) sono sempre avvenuti negli ambienti MILITARI con le stellette, anche quando il servizio di leva era obbligatorio, dove esisteva anche il famoso ” nonnismo” vere azioni umilianti da chi aveva qualche mese di anzianita’ in piu’ rispetto alle reclute.

  2. Non solo il fenomeno è diffuso negli ambienti militari; il bossing e il mobbing è presente nelle ASL; nel 2012 si suicidarono una dirigente psichiatra e uno psicologo, a distanza di quaranta giorni l’uno dall’altro.
    La matrice di questi suicidi è nella distorsione delle relazioni gerarchiche e dell’organizzazione che favoriscono l’espressione dei comportamenti aggressivi nei gruppi di lavoro.

Lascia un commento

Non ci resta tanto tempo. Il sogno non diventa realtà da solo: bisogna corrergli dietro. (Carlito’s Way)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.