Edizione n° 5344

BALLON D'ESSAI

SINDACO // Decaro celebra unione vigilesse, ‘sosteniamo amore e libertà’
23 Maggio 2024 - ore  00:12

CALEMBOUR

PROSTITUZIONE // Bari: baby prostitute, “Si guadagnavano anche mille euro a serata”
22 Maggio 2024 - ore  17:29

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

STRALCIATA Santanchè, chiusa altra indagine. Accusa di falso in bilancio, ‘trasse profitto con dati falsi’

La Procura ha precisato che l'accusa di bancarotta è stata stralciata dal procedimento principale

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
12 Aprile 2024
Politica // Politica Nazionale //

La Procura di Milano ha concluso il filone di inchiesta sul dissesto di Visibilia, coinvolgendo Daniela Santanchè, ex presidente della società e attuale ministra del Turismo, contestandole il reato di falso in bilancio.

Secondo i pm Marina Gravina e Luigi Luzi, insieme all’aggiunto Laura Pedio, Santanchè e altri 19 indagati, tra cui tre società, avrebbero commesso il falso in bilancio. Oltre alla senatrice di Fratelli d’Italia, sono coinvolti la sorella Fiorella Garnero, la nipote Silvia Garner, il compagno Dimitri Kunz e l’ex compagno Canio Mazzaro. Anche Visibilia Editore spa, Visibilia Editrice srl e Visibilia srl in liquidazione sono coinvolte per la responsabilità amministrativa degli enti.

La Procura ha precisato che l’accusa di bancarotta è stata stralciata dal procedimento principale poiché nessuna delle società del gruppo Visibila è fallita.

Recentemente è stata conclusa un’altra tranche di indagine, in cui Santanchè è accusata di truffa aggravata all’INPS per la gestione della cassa integrazione durante il periodo del Covid.

Visibilia Editore è stata posta in amministrazione giudiziaria su disposizione del Tribunale civile di Milano a seguito di una causa intentata da piccoli azionisti. Il giudice ha evidenziato irregolarità nei bilanci e una situazione finanziaria precaria, con la società formalmente senza dipendenti e gestita da Visibilia Concessionaria, di cui Santanchè è socia di maggioranza.

Gli inquirenti hanno contestato a Santanchè e ad altri ex amministratori il reato di avere esposto nei bilanci della società fatti materiali non rispondenti al vero per conseguire un ingiusto profitto. Questo avrebbe consentito loro di evitare misure come la ricapitalizzazione, mantenere la quotazione in borsa e ottenere liquidità attraverso prestiti obbligazionari convertibili.

Il Partito Democratico e il Movimento 5 Stelle hanno chiesto le dimissioni di Santanchè, sottolineando la gravità delle accuse e l’inadeguatezza della ministra a ricoprire il ruolo. Tuttavia, Santanchè ha respinto tutte le accuse contestate. La vicenda continua a sollevare polemiche politiche, mentre la giustizia procede con le indagini e le contestazioni.

Lo riporta l’Ansa.

STRALCIATA ACCUSA DI BANCAROTTA

L’accusa di bancarotta, che era contestata alla ministra del Turismo Daniela Santanchè assieme a quella di falso in bilancio per il caso Visibilia, “è stata stralciata dal procedimento principale poiché per nessuna delle società del gruppo Visibila è nel frattempo intervenuta dichiarazione di insolvenza”, ovvero non sono fallite.

Lascia un commento

Non ci resta tanto tempo. Il sogno non diventa realtà da solo: bisogna corrergli dietro. (Carlito’s Way)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.