CapitanataFoggia

Op Syriana 3, Oro nero, Fabbrocini: Capitanata capace di esportare (VD)


Di:

Op Syriana 3, terza operazione in un mese, Enel: furti di rame diminuiti del 60%

Foggia – “Fino a un anno e mezzo fa, riguardo al crimine legato ai furti e alla ricettazione del rame, eravamo quasi ultimi nelle classifiche nazionali. Considerando, che ‘ultima’ era la Regione Sicilia. Siamo riusciti, dopo la costituzione di un ‘Gruppo d’intervento’ dedicato, a ritornare nella media.” Lo ha ricordato Alfredo Fabbrocini, Dirigente della Squadra mobile di Foggia, nel corso della conferenza stampa svoltasi, stamattina in Questura.

E’ stata chiamata “Syriana 3”, la terza operazione di attività giudiziaria, che ha portato all’arresto di 6 rumeni, e al sequestro di oltre 12 quintali di rame. “In particolare – evidenzia Fabbrocini – Fudulu Florin, nel giro di tre giorni è riuscito a sequestrare e trafugare almeno 2 tonnellate di ‘oro nero’, già pronto per essere portato dai ricettatori per essere reimmesso sul mercato lecito.”

Il Fudulu, era già noto alle Forze dell’Ordine poiché ritenuto componente di un’associazione a delinquere finalizzata al furto di rame disarticolata dalla Squadra Mobile con l’Operazione “Cuprum”.  In manette, insieme a Fudulu, sono finiti tra i suoi concittadini: Mihai Cristinel di 40 anni, Florin e Eugen Predescu di 24 e 52 anni, Tiberiu Vladut Florea di 22, e Ionut Cristian Stanescu di 19

op syriana 3, covo rumeni

“Dopo la prima azione repressiva – evidenzia Fabbrocini – il soggetto è ‘salito di livello’, creandosi un gruppo autonomo con una propria base. Il gruppo di rumeni aveva costituito anche un servizio di pattugliamento per controllare, nel corso dei traffici, che le strade fossero libere. Segno, questo, della loro lungimiranza criminale.”

La raccolta di elementi probanti da parte degli investigatori li ha condotti ad effettuare ripetuti e prolungati appostamenti notturni presso un’azienda agricola ubicata nelle zone limitrofe del Comune dauno di Orta Nova. In questo modo gli agenti sono stati in grado di verificare, che alle 4.30 di notte il gruppo di cittadini rumeni faceva rientro dopo l’ennesimo furto commesso nella provincia a bordo di un’autovettura carica di rame. Di qui l’immediato intervento, mentre questi scaricavano da un autoarticolato il prezioso metallo appena trafugato all’Enel.

Op Syriana 3, irruzione polizia stradale coordinata dal Dott. Piemontese

Per il Dirigente della “Mobile”, l’attività criminosa dei 6 raggiunti da fermo di Polizia Giudiziaria, si estendeva anche al furto di automezzi, con i quali rubavano il rame, lo portavano dal ricettatore a tagliarlo, prima di reimmetterlo nel mercato lecito.

“Da una parte è vero che ‘la Capitanata fa da sola’ – spiega Fabbrocini – come dimostrato dalla precedente operazione Syriana, che ha portato al sequestro di 10 tonnellate di rame, ed ha visto Costantino Serlenga tra le menti di un’organizzazione autonoma in tutto.

Ma è anche vero, che vi sono stati altri episodi criminosi a dimostrazione, che l’oro nero veniva trasportato fuori regione: in un caso particolare fino a Giulianova. Questo evidenzia come la nostra provincia è vista non solo come zona da ‘predare’, ma anche capace di ‘esportare’.”

L’azione repressiva illustrata, oggi dagli inquirenti è il riscontro di una più ampia indagine. Negli ultimi 20 giorni sono stati sequestrati 200 quintali di rame, ed arrestate 13 persone tra italiani e stranieri.

(a cura di Ines Macchiarola – inesmacchiarola1977@gmail.com)

VIDEO

FOTOSEGNALETICHE

Op Syriana 3, Oro nero, Fabbrocini: Capitanata capace di esportare (VD) ultima modifica: 2013-06-12T13:45:21+00:00 da Ines Macchiarola



Vota questo articolo:
1

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This