FoggiaManfredonia

Sud e fondi UE, Bordo: 30 mld ancora da spendere


Di:

Il deputato Pd Michele Bordo (St)

Roma – “IL Governo deve chiedere con più forza all’Europa di svincolare dal patto di stabilità il cofinanziamento per gli interventi finanziati dai fondi strutturali e trovare subito 2 miliardi necessari per sbloccare i 30 miliardi di euro della programmazione 2007-2013 ancora da spendere”. Lo ha affermato l’on. Michele Bordo, presidente della Commissione Politiche UE della Camera, intervenendo durante l’audizione del ministro per la Coesione territoriale Carlo Trigilia.

“La relazione del Ministro – ha sostenuto Bordo – è stata esaustiva sotto il profilo tecnico e programmaticamente convincente. Particolarmente nella parte in cui emerge la riaffermata centralità del Mezzogiorno e non solo per quanto riguarda la spesa dei fondi comunitari. A questo proposito, ho segnalato al ministro la necessità di correggere le proporzioni di spesa tra Nord e Sud che emergono dall’analisi degli interventi infrastrutturali in atto: solo 5 dei 25 miliardi impegnati riguardano reti e snodi che interessano l’Italia meridionale. Indispensabile anche l’avvio del potenziamento della linea ferroviaria Adriatica a sud di Ancona, spesa inserita nel PON 2007-2013, e l’intervento correttivo sulla regolamentazione del FAS, per scongiurare il rischio che siano cancellati 3 miliardi destinati alle regioni meridionali.

Positiva – ha aggiunto Bordo – l’enunciata volontà di costituire un gruppo di lavoro che verifichi i costi e la qualità dei servizi offerti ai cittadini e alle imprese per promuovere l’omologazione dell’offerta e da cui far discendere, eventualmente, interventi sostitutivi dello Stato per fronteggiare ritardi e inefficienze delle istituzioni locali e regionali. In parallelo, ho ritenuto opportuno chiedere al Ministro di individuare e attuare anche meccanismi che consentano di premiare gli enti più virtuosi nella ripartizione delle risorse. Il prossimo Consiglio Europeo costituisce un appuntamento fondamentale nell’agenda dell’azione di governo orientata alla ripresa della crescita e dell’occupazione – ha concluso il presidente della Commissione Politiche UE – e l’Italia vi deve partecipare con la serenità che deriva dall’aver affrontato e superato molte delle difficoltà che determinarono la procedura di infrazione per extra deficit, con la determinazione di chi vuole e sta lavorando per emergere dalla più grave crisi economica e sociale dell’ultimo secolo”.

Redazione Stato

Sud e fondi UE, Bordo: 30 mld ancora da spendere ultima modifica: 2013-06-12T16:14:01+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • Uno di Voi

    Suona male: “sbloccare i 30 miliardi di euro ancora da SPENDERE”.

    Anche se corrisponde al vero, senza ipocrisie, il verbo SPENDERE richiama un concetto volgare di “consumo” dei soldi, ancorato all’oggi, al presente, senza prospettiva.

    Soldi a pioggia!!!

    Credo che sarebbe più “istituzionale” e lungimirante affermare: “sbloccare i 30 miliardi di euro… ancora da INVESTIRE”.

    Così si da uno sguardo più ampio al valore dei soldi, coinvolgendo anche il futuro e le necessarie competenze di supporto.

    Soldi per opere concrete!!!!


  • luì Gino

    Uno di Voi, mi ha letteralmente letto nel pensiero lo stavo scrivendo in maniera pedissequa!
    Condivido in pieno il concetto espresso, ma è pur vero che se i ns. rappresentanti politici fossero all’altezza di carpire queste formali ma sostanziali differenze, forse oggi il Paese non sarebbe ridotto nelle attuali condizioni. saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This