Edizione n° 5399

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

CRONACA Omicidio Stasi a Francavilla Fontana, il killer condannato a 20 anni di reclusione

20 anni di reclusione e 8mila euro di multa per Luigi Borracino, il 19enne imputato per l’omicidio di Paolo Stasi

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
12 Giugno 2024
Cronaca // Primo piano //

20 anni di reclusione e 8mila euro di multa per Luigi Borracino, il 19enne imputato per l’omicidio di Paolo Stasi, il giovane coetaneo ucciso a con colpi di pistola il 9 novembre del 2022 a Francavilla Fontana. Lo ha stabilito il Tribunale per i minorenni di Lecce, con rito abbreviato. Borracino, all’epoca dei fatti minorenne, dopo l’arresto confessò di aver sparato ma di non voler uccidere Stasi: è accusato di omicidio volontario aggravato dalla premeditazione e dai futili motivi. Il difensore dell’imputato ha annunciato che dopo il deposito delle motivazioni impugnerà la sentenza.

La pena inflitta ha superato le richieste della pubblica accusa, che aveva chiesto 18 anni. Borracino è anche imputato nel processo in corso davanti ai giudici del Tribunale ordinario di Brindisi per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, reato che sarebbe stato commesso dopo il raggiugimento della maggiore età. Tra gli imputati in questo procedimento ci sono il 23enne Cristian Candita, accusato di omicidio volontario in concorso con Borracino, e la madre di Paolo Stasi, Annunziata D’Errico, accusata solo di spaccio di droga.

Per gli investigatori l’omicidio del 19enne è riconducibile a un debito di droga di 5mila euro che Stasi e la madre avevano contratto con Borracino. Gli stupefacenti venivano confezionati in dosi – secondo l’accusa – ai fini di spaccio nell’abitazione della famiglia Stasi a seguito di un accordo tra Borracino e la D’Errico. La donna ed il figlio poi ucciso avrebbero consumato la droga pagandola solo in parte.

Lo riporta Telesveva.it

Lascia un commento

“L'amore ha anche questo in comune con la poesia: che, quando ci si spiega, si è perduti.” MARIO ANDREA RIGONI

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.