GarganoManfredonia
Il prossimo 25 settembre 2019 l'udienza a carico di Luigi Palena, arrestato nell'ottobre 2018 con Giovanni Caterino

Manfredonia. Detenzione arma, a processo Palena. “Ma nessun legame con strage di San Marco”

Caterino è accusato di aver partecipato alla strage di San Marco in Lamis, Palena di detenzione e porto d'arma


Di:

Foggia/Manfredonia, 12 luglio 2019. ”La detenzione dell’arma non ha alcun legame con il fatto omicidiale, avvenuto mesi prima, dunque nessun riferimento all’imputazione contestata”. Così a StatoQuotidiano l’avvocato Innocenza Starace del foro di Foggia, legale del 49enne Luigi Palena, arrestato nell’ottobre 2018 dai Carabinieri di Foggia con l’accusa di “detenzione e porto d’arma”.

Nel corso della citata operazione era stato arrestato anche Giovanni Caterino, 39enne del centro sipontino, accusato di aver partecipato alla cosiddetta “strage di San Marco in Lamis”,  nel corso della quale il 9 agosto 2017 furono uccise con colpi di kalashnikov quattro persone.

Come risaputo, nell’agguato dell’estate 2017 persero la vita i fratelli Luigi e Aurelio Luciani, di 47 e di 43 anni, colpiti probabilmente per aver assistito involontariamente all’uccisione di Mario Luciano Romito e di suo cognato, Matteo De Palma.

Frame video arresto - Ottobre 2018 (ST)

Frame video arresto – Ottobre 2018 (ST)

Il procedimento penale

Nei giorni scorsi è partita l’udienza, al Tribunale di Foggia, relativa al procedimento penale a carico di Palena.”Abbiamo chiesto lo svolgimento del rito abbrievato – spiega l’avvocato Innocenza Starace – condiziato alla trascrizione dell’unica captazione ambientale che vede interagire Palena con l’altro indagato Giovanni Caterino, poichè riteniamo che la conversazione non abbia il senso attribuito dal Pm. Dal punto di vista della difesa dell’uomo – continua l’avvocato Starace – il Caterino non fa riferimento alla volontà di pulire la pistola ma tutt’altro. L’arma non è mai stata nominata nel corso della conversazione e, soprattutto, a seguito della perquisizione delle forze dell’ordine non è stata mai rinvenuta alcuna pistola nell’abitazione e nelle pertinenze dell’abitazione del citato Palena”.

Il procedimento è stato rinviato a fine settembre 2019 “per dare la possibilità alla difesa di valutare un’eventuale opposizione alla richiesta di costituzione di parte civile di alcuni colleghi (per conto della Regione Puglia, del Comune di San Marco in Lamis e della famiglia Luciani,ndr) perchè, a mio giudizio – spiega l’avvocato Starace – non hanno nulla da pretendere dal mio assistito. Ribadisco: la detenzione dell’arma non ha alcun collegamento con il fatto omicidiale, avvenuto mesi prima, e dunque rispetto alla nostra imputazione”.

ph rec24.it

esterno tribunale di Foggia – ph rec24.it

Per il procedimento penale (con rito ordinario) a carico di Giovanni Caterino, difeso dall’avvocato Giulio Treggiani, dopo un iniziale rinvio, “fino al 15 luglio dovrebbe essere fornito l’elenco delle intercettazioni da trascrivere”. Accolte tutte le richieste di costituzione delle parti civili.

Le indagini

Da raccolta dati, “le indagini (a cura dei Carabinieri del Comando Provinciale di Foggia con il Reparto Crimini Violenti del Ros di Roma e la Compagnia di Barletta e la collaborazione di Eurojust, dirette da un pool di magistrati di Bari, Luciana Silvestris, Giuseppe Gatti, Ettore Cardinali, Simona Filoni, Giuseppe Maralfa e Federico Perrone Capano, coordinati dal procuratore aggiunto Francesco Giannella e dal procuratore Giuseppe Volpe,ndr) .si sono avvalse di intercettazioni su oltre 700 tracciati telefonici con 8 milioni di contatti e analisi dei video delle decine di telecamere lungo il tragitto di vittime e carnefici per complessive 200 ore di filmati”.

“Agli atti relativi alle indagini che hanno originato la misura cautelare – come riportato dalla Gazzetta del Mezzogiorno nell’ottobre 2018 -, ci sono anche le dichiarazioni del pregiudicato Carlo Magno, che si era costituito in Olanda nell’ottobre 2017, confessando l’omicidio di Saverio Tucci, ucciso il 10 ottobre ad Amsterdam, e facendone ritrovare il corpo nascosto in una valigia all’interno di un’auto.

L’interrogatorio di Carlo Magno

Come riportato nelle note stampa dei carabinieri, relative all’operazione dello scorso ottobre 2018, “Magno ha poi deciso di collaborare con la giustizia e nel corso di vari interrogatori ha rivelato che Tucci gli aveva svelato di aver fatto parte del gruppo” che avrebbe agito durante l’agguato dell’agosto 2017 nelle campagne di San Marco in Lamis”.

“Magno, nel corso di vari interrogatori, ha ripetutamente riferito agli inquirenti che Tucci gli aveva svelato di aver fatto parte del gruppo che aveva ucciso Mario Luciano Romito, confermando dunque l’ipotesi investigativa. E’ apparso, allora, chiaro il senso di talune affermazioni fatte nel corso di intercettazioni proprio da Giovanni Caterino – spiegarono i carabinieri – , quando, dopo il quadruplice omicidio e dopo aver subìto un tentativo di agguato il 18/02/2018, includeva se stesso e proprio Tucci tra gli obbiettivi prioritari del clan Romito”.

ARTICOLO “AD” – “Aanhoudingen na vondst dood Italiaans maffialid in auto Amsterdam” – Koen Voskuil en Kees Graafland 15-10-17, 13:27 Laatste update: 14:57 –

ARTICOLO “AD” –
“Aanhoudingen na vondst dood Italiaans maffialid in auto Amsterdam”
– Koen Voskuil en Kees Graafland 15-10-17, 13:27 Laatste update: 14:57 –

 

Il contesto criminale emerso dalle indagini relative all’operazione del 2018 “ha anche permesso di dare un inquadramento al gravissimo fatto di sangue nelle dinamiche criminali del territorio: in sostanza un passaggio ‘necessario’ per la ridefinizione degli assetti di potere all’interno della criminalità garganica, per la quale Mario Luciano Romito, indiscusso esponente di vertice dell’aggregato criminale facente capo all’omonima famiglia, rappresentava un ostacolo“.

Appendice

 

REDAZIONE STATOQUOTIDIANO – DDF – RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Manfredonia. Detenzione arma, a processo Palena. “Ma nessun legame con strage di San Marco” ultima modifica: 2019-07-12T17:48:10+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Pin It on Pinterest

Share This