Edizione n° 5401

BALLON D'ESSAI

METEO // Caldo: oggi bollino rosso in 14 città, venerdì saranno 17
18 Luglio 2024 - ore  08:46

CALEMBOUR

TARANTO // Ex Ilva: Morselli indagata, associazione delinquere per inquinare
18 Luglio 2024 - ore  14:10

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

Meloni a Bonaccini: “Già 4,5 miliardi stanziati per la ricostruzione”

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
12 Agosto 2023
Cronaca // Politica Nazionale //

ROMA – Il governo ha già stanziato 4,5 miliardi per la ricostruzione delle zone alluvionate e questa iniziativa non si esaurisce qui. Uno degli obiettivi dell’Esecutivo è anche quello, oltre alla messa in sicurezza e alla ricostruzione delle infrastrutture, di risarcire tutti i privati che hanno subito danni. Sono alcuni passaggi della lettera, come apprende l’ANSA, che la premier Giorgia Meloni ha inviato al governatore dell’Emilia Romagna e sub commissario alla ricostruzione Stefano Bonaccini. Per questo motivo non sarebbe corretta – secondo Meloni – l’informazione secondo la quale non si sarebbe visto un euro.

 

“Non bisogna cedere alla fretta ed alla frenesia che pare rispondere al desiderio di qualcuno di avere un po’ di visibilità, alimentando polemiche inutili”, ha scritto Meloni nella lettera a Bonaccini, come apprende l’ANSA, al quale ricorda che gli è stato assegnato il ruolo di sub commissario per “operare concretamente al servizio della comunità”. “Una sfida – scrive tra l’altro la premier – che sapremmo superare lavorando tutti nella stessa direzione”.

Italian Prime Minister Giorgia Meloni attends his year-end press conference in Rome, Italy, 29 December 2022. ANSA/GIUSEPPE LAMI

“Non ho avuto modo di leggere da parte Sua alcuna parola di sostegno” all’azione del governo sull’alluvione, “anzi”. “Ho letto che Lei, nella Sua veste di presidente di Regione nonché di sub commissario alla ricostruzione, ha ripetutamente affermato che sul territorio non sarebbe arrivato sino ad oggi neanche un euro”.

 

La strategia del governo per far fronte ai danni causati dall’alluvione che ha interessato anche l’Emilia Romagna ha dato attuazione alle indicazioni e alle proposte avanzate da cittadini, enti locali, associazioni di rappresentanza, parti sociali. La premier snocciola con dovizia di particolari le misure prese in diversi provvedimenti per un totale, solo fino a questo momento (precisa), di 4,5 miliardi. Nella lettera cita il dl 61/23 nel quale vengono mobilitate risorse per 1,8 miliardi per la tutela e la protezione del mondo imprenditoriale e lavorativo.

 

Altri 2,7 miliardi sono stati stanziati con il decreto 88/23 – scrive ancora – indirizzati prioritariamente al ripristino delle reti infrastrutturali e idrogeologiche fortemente lesionate dalle conseguenze dell’alluvione. Queste due principali misure, contengono – come spiega nella missiva- un corollario di iniziative che va dall’istituzione del fondo straordinario per il sostegno della continuità didattica ( 20 milioni), all’ammortizzatore unico di 620 milioni di euro per i lavoratori subordinati impossibilitati a prestare attività lavorativa.

Altre misure riguardano, tra l’altro, i lavoratori autonomi ( 253 milioni per il 2023), il fondo di garanzia per le Pmi (110 milioni). Nella lunga e certosina elencazione della premier si fa tra l’altro riferimento ai 2,5 miliardi previsti per il triennio 2023-25 per la ricostruzione.

 

Bonaccini: ‘La fretta ce l’hanno i cittadini: tutto meritano fuorché sterili polemiche fra istituzioni’

 

“La fretta che Meloni mi imputa, in realtà, è quella dei nostri concittadini. Che tutto meritano fuorché polemiche sterili tra istituzioni o il fatto che non debbono lamentarsi perché molto sarebbe già stato fatto. Purtroppo non è così, la premier può senz’altro chiedere direttamente a famiglie e imprese”. Il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini risponde così alla lettera di Giorgia Meloni. Lo riporta l’agenzia Ansa.

Lascia un commento

“L'amore ha anche questo in comune con la poesia: che, quando ci si spiega, si è perduti.” MARIO ANDREA RIGONI

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.