Manfredonia

Manfredonia, pescatori: “in 10 anni da 800 a 200 barche, aiuto” (VIDEO)


Di:

Manfredonia – “LA pesca ha rappresentato da sempre una base per l’economia locale. Nel 2005 potevamo contare su circa 800 imbarcazioni. Dopo 10 anni, siamo arrivati a quasi 200, tra grande (70) e piccola pesca (120, rete a strascico e volante), oltre a 3 vongolari. Adesso ci saranno ulteriori rottamazioni. Ha senso far continuare la nostra attività a figli e parenti? La nostra domanda è soltanto una: perchè tanto silenzio dalle istituzioni? Come vivremo?”. Protesta stamani degli operatori del Compartimento marittimo di Manfredonia, a margine di un sit-in contro la mancata corresponsione delle indennità relative alla Cigs in deroga, anno 2013. (vedi altro testo,ndr)

Oltre al caro gasolio e ai costi di gestione per le proprie attività, i pescatori hanno contestato nuovamente “l’incremento vertiginoso per l’importazione del prodotto” e le date stabilite ogni anno per il fermo pesca. Fissato per il 22 settembre il rientro in mare degli operatori marittimi iscritti nei compartimenti marittimi da Pesaro a Bari dopo l’interruzione disposta per 42 giorni consecutivi dall’11 agosto al 21 settembre del 2014.

(A cura di Giuseppe de Filippo – g.defilippo@statoquotidiano.it)

(PH: ANTONIO TROIANO)

VIDEO RAFFAELE SALVEMINI

Redazione Stato@riproduzioneriservata

Manfredonia, pescatori: “in 10 anni da 800 a 200 barche, aiuto” (VIDEO) ultima modifica: 2014-09-12T12:53:30+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
12

Commenti


  • katia

    Sti pescatori, sempre che si lamentano, ma poi, gli dano il riposo biologico, e se ne vanno a lavorare di nascosto, sempre contributi vogliono e poi quando tornano a lavorare, andate nel porto, e notate che l abarca piu scarsa, scendera oltre 50 cassette di triglie a 2 euri la cassetta. Allora caro lei che sta in fotografia, organizzatevi tra voi, non permettee ad altri di fare strage di pesce piccolo, scendet epoche casse di triglie cosi il prezzo rimane alto, non fate solo comitati per tartarughe, kisa perche, che interessi ci sono, a far ricoprire incarichi.


  • Giuseppe

    Katia e’ inutile che fingi scrivendo male, sei uno introdotto in materia, ora, ti do ragione che ci sono pescatori che vanno a lavorare, o fanno pesca di frodo durante il fermo, ma non fare di tutta l erba un fascio, i pezzi di merda che hanno questi comportamenti e’ gente schifa, e non valgono da
    uomini, ma d altra parte lo stato ci tratta da merda,
    non pogando i cig, costringe chi sta male
    economicamente a comportarsi male, noi lottiamo per la legalita’ e il rispetto dei regolamenti, ma se lo stato non rispetta i nostri diritti, siamo destinati ad andare tutti a rubare, speriamo che renzi e padoan cambino marcia.


  • tommy 73

    Katia quelli Che vedi nel porto che scendono le triglie,non sono pescatori ma …… che le autorità competenti gli permette di lavorare.il pescatore di Manfredonia e tutt’altra cosa.sind a me,va fe i surizz a cast.chiarito il concetto!


  • niko

    Signora Katia sta canzn andava di moda 20 anni fa, mò u disc ci rott….ormai i veri pescatori a Manfredonia nn esistono quasi più,ed ha ragione Tommy quando dice che quelli ke sbarcano le triglie sono altra cosa…altra gente…lass perd e mo la bott, fatt i surizz a cast ke sicuramente hai cucinato per l’ennesima volta i justnell fritt! sò bon ah!


  • Giggetto

    E nei 20 anni precedenti da 1 casa a 4 case


  • Bulbo

    Caro Giggetto ti serve una casa?


  • Bulbo

    L’ignoranza prevale, ci sono persone che parlano senza riflettere e non vedono oltre il proprio naso. L economia del nostro paese si è fermata e si vede perché la pesca non fa più da traino!!!!!


  • niko

    Gigetto da che pulpito…ha fatt carn da macell! statt citt alumn…


  • Sempre che criticate gli altri

    Purtroppo anche i pescatori devono pagare le scelte di questa Europa. Mi spiego: anni fá nel golfo di Manfredonia era possibile pescare il novellame e durante tutto l’anno il pesce in mare non mancava. Era possibile pescare tutto l’anno, anche le agostinelle d’estate. I soldi che i pescatori guadagnavano con i cosiddetti cicnill, che per la maggior parte venivano venduti fuori cittá, venivano spesi invece in cittá, quindi ricchezza che veniva immessa nel nostro territorio. Poi é arrivata l’Europa che ha iniziato a contribuire nelle costruzioni di barche sempre piú moderne e potenti; poi sempre ‘Europa ha iniziato a dettare le regole sulle taglie di pesce da pescare, sulle reti da usare ed a finanziare le demolizioni di imbarcazioni, questo per ridurre la forza pesca, al contrario di quanto faceva in precedenza. Non bastasse, c’é da aggiungere la grande ignoranza che colpisce la grande maggioranza del comparto. In sintesi ecco la storia della fine della marineria di Manfredonia e di questo paese.


  • Katia

    Caro Tommy, Giuseppe, perche dite .., che quelli che sbarcano i pesci non sono pescatori?????? Scusate ma quelle barche ch elavorano come dicono loro “RETI DA POSTA” a Capoiale ealtrove……..che sono idraulico, conatdini??????mafatemi il piacere, non vi lamentate sempre, avete e fat ei fatti vostri, ed avet epure il coraggio di lamentarvi. Vi danno soldi per costruire, vi danno soldi per ripapre, vi danno soldi per demolire,,,,,,,,che altro pretendete? vi debbono pure dar ei soldi ogni volte ch efate l’Amore?????????poveri illusi


  • Giggetto

    Se la pesca é finita datevi all’agricoltura, riconvertitevi in altri lavori, non vi lamentate sempre, avete guadagnato 5/6 volte di più dei comuni mortali negli anni d’oro e quanto dichiaravate?
    Il gasolio agevolato c’è ancora ed è più conveniente di quello per l’agricoltura.
    Non mi dite che non lo mettete nelle auto ?
    Perché spesso sentiamo che la finanza vi ferma e vi multa all’interno del porto
    Certo fare il pescatore è un lavoro duro ma qual è l’alternativa ?


  • Giuseppe

    Per catia e gigetto, sappiatelo i pescatori, intesi come marinai, Non si sono mai arricchiti, in compenso si spaccano il culo 5 giorni e 4 notti consecutivamente a settimana e di lavoro usurante non se ne parla. Rivolgete le vostre invettive verso altri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This