GarganoManfredonia
"Noi oggi siamo tutti responsabili per contrastare la criminalità organizzata"

Don Aniello a San Nicandro “Non avere paura di nominare la ‘Mafia garganica'”

"Siamo noi, con il nostro silenzio e con la nostra mancata opposizione, che rinforziamo indirettamente i clan"


Di:

San Nicandro Garganico, 13 gennaio 2018. ”BISOGNA avere il coraggio di nominare la mafia garganica. Sono contento di questa manifestazione, che ha visto la presenza di giovani ma anche di adulti che spesso boicottano questi eventi. Relativamente all’episodio gravissimo che ha causato il ferimento del commerciante: si tratta di micro-criminalità, è vero. Ma nei nostri territori è proprio nella micro-criminalità che la mafia garganica qui, e la Camorra nel Napoletano, trovano la manovalanza per rinfoltire i loro gruppi”.

E’ quanto ha detto Don Aniello Manganiello – per 16 anni parroco di Scampia, oggi fondatore dell’Associazione ‘Ultimi’ -, presente a San Nicandro Garganico per la manifestazione della società civile contro quanto avvenuto nel centro garganico e che ha originato il fermo di un 23enne del luogo, “indiziato di essere il responsabile del tentato omicidio di un tabaccaio al termine di un tentativo di rapina ai suoi danni, avvenuta giovedì scorso“.

”Noi oggi siamo tutti responsabili per contrastare la criminalità. La forza della Camorra, della ‘ndrangheta, della mafia garganica, vige nel silenzio dei cittadini. Siamo noi, con il nostro silenzio e con la nostra mancata opposizione, che rinforziamo indirettamente i clan. Sul palco queste cose andavano dette”.

Presente con Don Aniello anche Pierpaolo Mascione, vice presidente dell’Associazione per la legalità “Ultimi”, consigliere comunale del Comune di San Nicandro Garganico, già agente di P.S. a Scampia, anch’egli critico per alcuni temi correlati alla criminalità organizzata non rimarcati sul palco da parte delle istituzioni.

Redazione StatoQuotidiano.it

Don Aniello a San Nicandro “Non avere paura di nominare la ‘Mafia garganica'” ultima modifica: 2018-01-13T10:57:53+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Raffaele Vairo

    “Chi tace e chi piega la testa muore ogni volta che lo fa, chi parla e chi cammina a testa alta muore una volta sola”. Giovanni Falcone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This