FoggiaManfredonia
"E' un ottimo lavoro che qualifica politicamente la legislatura e l’amministrazione Emiliano"

Nuovo sistema cura per dipendenze: soddisfazione Campo, Mazzarano e Piemontese

L’area pedagogica-riabilitativa prevede una struttura residenziale o semiresidenziale, con minimo 8 e massimo 30 persone assistite o in cura


Di:

Una vera e propria rivoluzione del sistema di interventi e servizi per la prevenzione, la cura, la riabilitazione e l’assistenza a persone con problemi di uso, abuso o dipendenza da sostanze o comunque affette da una dipendenza patologica. È stata approvata, questo pomeriggio, dalla giunta regionale, dove è approdata dopo un intenso lavoro di elaborazione e confronto cominciato fin dall’aprile dello scorso anno.

“Un risultato molto soddisfacente proprio perché raggiunto con la stretta cooperazione degli operatori che hanno esperienza diretta dei metodi più moderni, a cui ha lavorato con dedizione e passione il compianto Totò Negro e che, a 19 anni dalla Legge 45 del 1999, adeguare le tariffe dando dignità al sistema di cura e agli operatori”, osserva l’assessore regionale al Bilancio, Raffaele Piemontese. “Le quattro aree di prestazione in cui si articola il nuovo sistema mettono al centro le persone e spingono le strutture e i servizi anche a ‘mettersi per strada’ con un approccio multidisciplinare”, fa eco l’assessore regionale allo Sviluppo economico,
Michele Mazzarano.

L’area pedagogica-riabilitativa prevede una struttura residenziale o semiresidenziale, con minimo 8 e massimo 30 persone assistite o in cura. Tante quante se ne prevedono per le strutture dell’area terapeutica-riabilitativa. L’area specialistica residenziale e semiresidenziale prevede strutture per la co-morbilità psichiatrica con minimo 8 e massimo 12 persone, strutture specialistiche residenziali per minimo 10 e massimo 16 donne dipendenti da sostanze con figli minori o in
gestazione, strutture specialistiche residenziali per minimo 8 e massimo 16 particolari tipologie di persone dipendenti anche non da sostanze, strutture intermedie residenziali o semiresidenziali a bassa soglia d’accesso con minimo 8 e massimo 20 persone. Infine l’area multidisciplinare integrata con servizi di unità di strada e servizi relativi a programmi di rete sociosanitari.

“È un ottimo lavoro che qualifica politicamente la legislatura e l’amministrazione Emiliano – conclude il capogruppo del Partito Democratico nel Consiglio regionale, Paolo Campo – aggiornando i servizi sulle dipendenze in modo adeguato rispetto ai nuovi fronti critici che si sono aperti nella società, dalle ludopatie per cui i pugliesi erano costretti a migrare in altre regioni fino alle forme di disagio psico-sociale prodotto della crisi economica più grave della storia dell’Occidente”.

Nuovo sistema cura per dipendenze: soddisfazione Campo, Mazzarano e Piemontese ultima modifica: 2018-01-13T07:25:34+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • Immacolata Sottolano

    Una iniziativa davvero bella. Un argomento interessante e ghiotto per un bel commento del nostro Preciso e Circonciso Onorevole (uscente e subito rientrante).
    Stiamo tutti in attesa…


  • banana in cu..o

    Dovrebbero curare prima i politici perché hanno permesso, attraverso leggi e leggine, che il gioco si diffondesse ( abbiamo assistito alla farsa del governo Letta circa le tasse pagate dai BARONI del gioco ). Oggi ci propinano la terapia per quei poveri cristi che sono rimasti intrappolati nel gioco, siete dei farisei dei sepolcri imbiancati in cerca di voti oppure lo scopo è quello di creare un altro business dove collocare amici e parenti. Lo stato Italiano ( i loro rappresentanti politici) dovrebbe recuperare prima se stesso perché come direbbe Crozza ” AL DROGATO CI PIACCIONO LE PERE MICA IL FORMAGGIO”. Spero che alle prossime elezioni il popolo sovrano abbia un rigurgito di dignità e vi spazzi via state infangando il nostro Paese siete corrotti , inetti e di nessuna utilità per i cittadini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This